Abbonati streaming Paramount, crescono le perdite nel primo trimestre – The Hollywood Reporter

Paramount Global ha raggiunto i 60 milioni di abbonati in streaming Paramount+ in tutto il mondo alla fine di marzo, un guadagno di 4,1 milioni rispetto ai quasi 56 milioni entro la fine del 2022. Ma giovedì il gruppo di Hollywood ha riportato una perdita crescente nel primo trimestre. Gli ultimi risultati hanno mancato le aspettative di Wall Street, comprese le perdite di streaming e un calo dell’11% delle entrate pubblicitarie televisive.

Ha anche emesso un taglio dei dividendi, risparmiando liquidità tra le sfide economiche e di altro tipo mentre il management spinge per trasformare le sue attività di streaming in redditività. Le azioni Paramount sono scese del 14% nel trading pre-mercato.

Lo streamer supportato dalla pubblicità di Paramount, Pluto TV, ha aumentato i suoi utenti attivi mensili (MAU) da 78,5 milioni alla fine del quarto trimestre a 80 milioni al 31 marzo. La società non ha rivelato immediatamente il numero totale di abbonati allo streaming globale, che alla fine di dicembre ammontava a oltre 77 milioni.

Tuttavia, i maggiori investimenti in streaming hanno nuovamente trascinato verso il basso i profitti della società di intrattenimento, poiché la perdita operativa rettificata trimestrale prima dell’ammortamento e dell’ammortamento nella sua unità di streaming è aumentata a $ 511 milioni rispetto a $ 456 milioni nel primo trimestre del 2022. La società ha citato i costi più elevati per supportare la crescita di Paramount+ come “motore chiave”.

Paramount, guidata dal CEO Bob Bakish, ha incassato 1,67 miliardi di dollari nel primo trimestre dopo l’imminente fusione di Paramount+ con Showtime per diventare una piattaforma di streaming statunitense entro la fine dell’anno. All’inizio di quest’anno, ha affermato che il consolidamento porterebbe a $ 1,3 miliardi a $ 1,5 miliardi di costi di danneggiamento dei contenuti nel primo trimestre, prevedendo risparmi sui costi annuali di $ 700 milioni.

“Ci concentreremo sulla guida di una crescita dello streaming leader di mercato durante la navigazione in questo ambiente macroeconomico in evoluzione. Sappi che le decisioni che prenderemo ci posizioneranno bene sul nostro percorso per tornare alla redditività dello streaming, a una crescita sostanziale dei ricavi e a un flusso di cassa positivo”, Bagish ha detto agli analisti durante una chiamata mattutina.

READ  Come Brandon Johnson ha vinto la corsa al sindaco di Chicago

Le vendite pubblicitarie delle unità televisive della Paramount hanno continuato a diminuire nel periodo gennaio-marzo. Un calo dell’11% nell’ultimo trimestre ha seguito un calo del 7% nel quarto trimestre del 2022.

“Stiamo vedendo segnali di stabilità nel mercato pubblicitario. Ma soprattutto, vediamo l’indubbio e crescente valore dei nostri contenuti e delle nostre piattaforme sia per i consumatori che per la comunità aziendale, esemplificato dal crescente utilizzo e da un’ampia gamma di accordi e partnership”, ha detto Bakish agli analisti. Come il contenuto dello studio Sindaco di Kingstown, 1923 E Tulsa Raja Poiché i canali via cavo tradizionali continuano a essere sotto pressione, sostiene la crescita delle sue piattaforme di streaming.

“Sì, richiede investimenti”, ha riconosciuto Bakish, aggiungendo che le preoccupazioni di Wall Street sulla capacità dello studio di raggiungere la redditività dello streaming sono aumentate, poiché le entrate pubblicitarie televisive diminuiscono e i costi aumentano man mano che Paramount + si fonde con Showtime.

Ha ribadito che il 2023 sarà l’anno di picco degli investimenti per lo streaming. “Ma non c’è dubbio che il nostro investimento sta dando i suoi frutti. Man mano che ci espandiamo, siamo decisamente su un percorso relativo verso la redditività dello streaming”, ha affermato Bakish, senza stabilire una tempistica per Breaking Even.

“Parmount+ ha le leve per continuare a far crescere le entrate degli abbonati e alla fine diventare redditizio lungo la strada”, ha detto Bakish in risposta a una domanda sul continuo slancio nella crescita degli abbonati in streaming. Ha sostenuto che le offerte di contenuti di Paramount + e l’imminente fusione con Showtime contribuiranno a guidare la crescita.

Paramount Global ha riavviato il processo di vendita di Simon & Schuster dopo che un precedente tentativo di vendere l’editore al proprietario di Penguin Random House per rafforzare il suo bilancio era stato bloccato. Il CFO di Paramount Global, Naveen Chopra, ha detto agli analisti che lo studio sta cercando “un percorso per completare eventualmente una transazione quest’anno”.

READ  iSIM, AR, 5G e altri annunci MWC che i fan di Apple dovrebbero conoscere

“Siamo sempre alla ricerca di modi per aumentare il valore per gli azionisti”, ha aggiunto Bakish, osservando che altre attività non fondamentali di Paramount Global potrebbero andare all’asta.

Paramount ha svelato un taglio dei dividendi mentre il gigante di Hollywood si concentra sull’aumento dei suoi profitti attraverso licenziamenti e altri tagli ai costi, con una maggiore attenzione al raggiungimento di nuvole macroeconomiche e profitti in streaming. Ha anche tagliato il suo dividendo trimestrale in contanti a 5 centesimi per azione da 24 centesimi per azione.

Il gigante dell’intrattenimento ha riportato una perdita nel primo trimestre di 1,23 miliardi di dollari, o 1,81 dollari per azione, rispetto a un utile di 775 milioni di dollari, o 58 centesimi per azione, dell’anno precedente. Le entrate trimestrali sono diminuite dell’1%, trainate da un calo del 6% delle unità cinematografiche e dell’8% delle unità TV, che è stato superato da un aumento delle entrate in streaming del 39%.

La divisione cinematografica della Paramount ha registrato un calo delle entrate del 6% a 588 milioni di dollari. La perdita operativa rettificata prima del deprezzamento e dell’ammortamento dell’unità cinematografica è aumentata a $ 99 milioni da $ 37 milioni. Dungeons and Dragons: onore tra i ladri l’ultimo giorno del trimestre, nonché i costi di pubblicazione di Miramax Operazione Fortuna: guerra tatticae flessibilità macro-guidata nella concessione in licenza di prodotti di consumo.

I ricavi dell’unità TV Media sono diminuiti dell’8% a 5,19 miliardi di dollari, guidati da un calo della pubblicità e “riflettendo la debolezza
Il mercato pubblicitario globale e un minor numero di giochi NFL su CBS, così come le variazioni dei tassi di cambio e un calo del 15% nelle licenze e altre entrate, “riflettono principalmente volumi inferiori di contenuti concessi in licenza”.

Per tagliare i costi nella sua divisione media TV, il CFO Chopra ha detto agli analisti che avrebbe spostato la produzione in studio all’estero o in “formati a basso costo” e avrebbe iniziato a utilizzare strumenti di intelligenza artificiale per la “localizzazione dei contenuti”. Un’economia molto stressata.

READ  Un rapporto contrastante afferma che è troppo tardi per abbandonare i pulsanti a stato solido dell'iPhone 15 Pro

E dal punto di vista promozionale, la Paramount Global ha tenuto una presentazione sfarzosa e una festa alla Carnegie Hall ad aprile per parlare con gli acquirenti delle intime aggiunte front-end dello studio. “Un grande evento di presentazione, seguito da una grande festa, non è molto utile per la giornata”, ha sottolineato.

I ricavi di affiliazione e abbonamenti sono diminuiti dell’1%, a causa dell’impatto dei cambi
e “la precedente ristrutturazione di alcuni accordi di affiliazione internazionali, che ha comportato uno spostamento delle entrate dai nostri servizi di televisione a pagamento ai nostri servizi diretti al consumatore”.

Alla fine di marzo, l’analista di Bank of America Jessica Reif Ehrlich ha aggiornato il suo rating sulle azioni Paramount da “neutrale” a “acquista” e ha aumentato il suo obiettivo di prezzo delle azioni a $ 32 su una “lista della spesa di attività interessanti”.

“Abbiamo le nostre preoccupazioni sulla capacità di Paramount di gestire la transizione verso lo streaming bilanciando al contempo la cannibalizzazione delle attività legacy”, ha spiegato. “Anche con i loro ammirevoli progressi fino ad ora, siamo scettici su quanto bene possano cavarsela rispetto alle loro dimensioni e ai loro pari relativamente piccoli. Tuttavia, vediamo due potenziali risultati di questo cambiamento come positivi per il titolo 1) L’attenzione di Paramount sulla riaccelerazione dello streaming crescita dei ricavi nel 2024 e oltre Esecuzione di successo o 2) Paramount + e flusso di cassa libero, che potrebbero portare a una vendita dell’azienda, potrebbero essere a nostro avviso un premio significativo rispetto agli attuali livelli di mercato.

L’analista ha anche sottolineato che il 2023 “ci sembra una depressione delle entrate poiché le perdite di streaming raggiungono il picco, i minimi del mercato pubblicitario e la gestione dei costi genera profitti nelle attività tradizionali di Paramount”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *