Alcuni dipendenti di Amazon sono usciti a Seattle per protestare contro il clima e le politiche dell’ufficio

SEATTLE, 31 maggio (Reuters) – Alcuni dipendenti di Amazon.com Inc (AMZN.O) sono usciti mercoledì mentre il colosso dell’e-commerce protestava contro le modifiche alla sua politica sul clima, i licenziamenti e l’ordine di tornare in ufficio.

Secondo un testimone di Reuters, più di 100 persone si sono radunate nel pomeriggio a Spires, il monumento con la cupola di vetro nel cuore del quartier generale di Amazon a Seattle. “Le emissioni stanno aumentando. È ora di agire!” Il gruppo ha cantato. “State uniti, non ritiratevi!”

Più di 1.900 dipendenti si sono impegnati a protestare in tutto il mondo, secondo gli organizzatori, un gruppo di attivisti chiamato Amazon Employees for Climate Justice (AECJ).

Amazon ha detto che non stava esaminando altre operazioni oltre a Seattle.

Lo sciopero segue le mosse che hanno portato Amazon “nella direzione sbagliata”, ha affermato l’AECJ. Tra questi, la società ha recentemente abbandonato l’obiettivo di rendere tutte le spedizioni di Amazon a zero emissioni di carbonio entro il 2030, sebbene abbia ancora un impegno climatico più ampio un decennio dopo.

Amazon ha annunciato circa 27.000 tagli di posti di lavoro negli ultimi mesi, ovvero il 9% della sua forza lavoro aziendale, in un turno per un’azienda che da tempo afferma di creare posti di lavoro. L’ordine di tornare in ufficio entro il 1 maggio ha lasciato alcuni dipendenti confusi sul fatto che dovranno cambiare casa vicino al lavoro o affrontare licenziamenti anticipati.

In una dichiarazione, il portavoce di Amazon Brad Glaser ha affermato che la società sta lavorando duramente per ridurre le sue emissioni di carbonio.

READ  I Ravens firmano Justin Madupuk per un prolungamento di quattro anni

“Per le aziende come la nostra che consumano molta energia e dispongono di risorse di trasporto, imballaggio e costruzione fisica molto consistenti, ci vuole tempo per raggiungere questo obiettivo”, ha affermato. “Siamo sulla buona strada per avere il 100% di energia rinnovabile entro il 2025”.

Ha detto che Amazon ascolta i dipendenti ed è felice della collaborazione che è nata dalla politica di back-to-office.

Negli ultimi anni, incluso il 2019, i lavoratori di Amazon si sono uniti a centinaia di altre grandi aziende tecnologiche nelle marce a San Francisco e Seattle, affermando che i loro datori di lavoro sono troppo lenti per affrontare il riscaldamento globale.

Reportage di Matt McKnight a Seattle, Tyashi Dutta a Bangalore e Jeffrey Dustin a Palo Alto, California; Montaggio di Davide Gregorio

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Matt McKnight

Thomson Reuters

Matt McKnight è un giornalista visivo dello staff con sede a Seattle e copre storie in tutto il Pacifico nord-occidentale e il grande West americano. Al di là della copertura quotidiana e delle ultime notizie, il suo lavoro si concentra sulle questioni ambientali e politiche americane. Dal 2010 è giornalista che si occupa di storie nel West americano e in precedenza ha fatto parte dello staff di Crosscut, una redazione senza scopo di lucro affiliata alla stazione PBS di Seattle. McKnight è un membro di lunga data della National Press Photographers Association e ha prestato servizio due volte nella sezione Western Washington della Society of Professional Journalists, dove ha contribuito a lanciare una borsa di studio Fashion Projects per giornalisti visivi indipendenti. Dalle agenzie di stampa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *