Apple sta aggiungendo la linea iPhone 14 e i MacBook M2 al suo programma di riparazione self-service

A partire dal 21 giugno, Apple amplierà il suo programma di riparazione self-service per includere i prodotti più recenti, tra cui la gamma iPhone 14 e i MacBook basati su M2. Ma ancora più importante, l’azienda sembra rispondere al feedback rimuovendo gli attriti inutili dal processo. Il passaggio di verifica della “configurazione del sistema” richiesto dopo una riparazione – e che prevede di chiamare Apple al telefono – è stato criticato come gravoso. Con le nuove modifiche, non è più necessario chiamare il team di supporto per le riparazioni dell’azienda.

“Gli utenti di riparazione self-service possono ora avviare la configurazione del sistema mettendo i propri dispositivi in ​​modalità diagnostica e seguendo le istruzioni sullo schermo”, ha scritto Apple. Il comunicato stampa di oggi. “Gli utenti non dovranno più contattare il team di supporto per la riparazione self-service per eseguire la fase finale della riparazione, ma il team sarà comunque disponibile per fornire assistenza in caso di necessità”. Niente più telefonate che fanno perdere tempo? Sembra la mossa giusta, Apple. Il nostro Sean Hollister ha scoperto che il requisito precedente era una delle principali frustrazioni dell’esperienza di riparazione dell’iPhone.

Secondo l’azienda, System Configuration “riconosce i componenti originali Apple, aggiorna il firmware e calibra i componenti per garantire le massime prestazioni e qualità”. A partire dal 21 giugno, potrai ordinare parti per iPhone 14, iPhone 14 Plus, iPhone 14 Pro e iPhone 14 Pro Max. Questo è in aggiunta ai laptop M2 MacBook Air e M2 Pro / M2 Max MacBook Pro da 13 pollici. Il MacBook Air da 15 pollici appena lanciato non è così fortunato, ma chiaramente qui è necessario un po ‘di tempo, con l’attuale gamma di iPhone che impiega nove mesi per aderire al programma.

READ  Notizie di Ron DeSantis: le scuse del governatore della Florida del 6 gennaio sono state condannate mentre la Disney disprezza lo sforzo del giudice

Il programma di riparazione self-service di Apple ha molti strumenti.
Foto di Sean Hollister / The Verge

Le riparazioni self-service per la fotocamera True Depth e l’altoparlante superiore dell’M1 sono disponibili anche per iPhone 12 e iPhone 13 e desktop Mac negli Stati Uniti, Belgio, Francia, Germania, Italia, Polonia, Spagna e Svezia. , e nel Regno Unito”, ha scritto Apple nel comunicato stampa odierno. L’azienda ha strombazzato i suoi sforzi per aumentare “l’accesso più ampio alle riparazioni” attraverso riparazioni self-service e una rete in crescita di punti di assistenza autorizzati.

Ma il messaggio per la maggior parte dei consumatori rimane lo stesso: è meglio cercare un aiuto professionale piuttosto che farlo da soli. “Per la maggior parte degli utenti senza esperienza nella riparazione di dispositivi elettronici, visitare un fornitore di riparazioni autorizzato professionale con tecnici certificati che utilizzano parti originali Apple è il modo più sicuro e affidabile per eseguire una riparazione”, ha affermato Apple.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *