Arrestato il fondatore di Crypto Lending Celsius Network, accusato di frode

13 luglio (Reuters) – Alex Mashinsky, fondatore ed ex amministratore delegato di Celsius Networks, prestatore di criptovalute in bancarotta, è stato arrestato e accusato di frode.

Mashinsky, 57 anni, è stato accusato di sette conteggi di crimini – tra cui frode su titoli, frode su merci e frode telematica – mentre l’ex direttore delle entrate di Celsius, Ronnie Cohen-Pavon, è stato accusato di quattro. Giovedì.

Gli avvocati di Mashinsky e Celsius non hanno risposto immediatamente alle richieste di commento e non è stato possibile raggiungere immediatamente l’avvocato di Cohen-Pavon.

L’ufficio del procuratore degli Stati Uniti a Manhattan ha detto che terrà una conferenza stampa alle 11:30 ET (1530 GMT) per fornire dettagli sulle accuse contro Mashinsky e Cohen-Pavon.

Mashinsky e Cohen-Pavon sono stati accusati di aver manipolato il mercato di Hoboken del token crittografico della società con sede nel New Jersey, Cell, nonché di uno schema per manipolare il prezzo della criptovaluta e di una frode telematica relativa alla manipolazione del token. Secondo il foglio di accusa.

In uno sviluppo correlato, giovedì la Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti ha fatto causa a Mashinsky e Celsius, sostenendo che lui e Celsius hanno raccolto miliardi di dollari vendendo titoli di criptovalute non registrati e ingannando gli investitori sul successo finanziario dell’azienda. .

La US Commodity Futures Trading Commission e la Federal Trade Commission hanno intentato causa contro Celsius e Mashinsky. La FTC afferma di aver raggiunto un accordo con Celsius che le vieta definitivamente di gestire i beni dei clienti.

Le autorità di regolamentazione hanno accusato Mashinsky e la sua compagnia di ritrarre Celsius come sicura e più simile a una banca tradizionale, prendendo misure rischiose per offrire tassi di interesse ad alto rendimento sui depositi dei clienti.

READ  Il Senato vota per abrogare il piano di agevolazione del prestito studentesco di Biden

Mentre Celsius perdeva milioni di dollari e i clienti si affrettavano a recuperare i propri fondi, l’allora CEO e la sua azienda sostenevano che Celsius fosse finanziariamente sicuro e avesse fondi sufficienti per rimborsare i soldi, hanno detto le autorità di regolamentazione.

Celsius, un prestatore di criptovalute con sede nel New Jersey, ha presentato istanza di protezione dal fallimento secondo il Capitolo 11 nel luglio dello scorso anno dopo aver congelato i prelievi dei clienti.

Celsius è stato il primo di una serie di fallimenti nel settore delle criptovalute lo scorso anno. Ha presentato istanza di fallimento poco dopo che l’hedge fund di criptovalute con sede a Singapore Three Arrows Capital e il prestatore di criptovalute rivale Voyager Digital hanno fatto lo stesso.

La causa della SEC sostiene che Celsius e Mashinsky hanno raccolto miliardi di dollari da investitori attraverso “offerte e vendite non registrate e fraudolente di titoli di criptovalute” e hanno ingannato gli investitori sul successo finanziario di Celsius.

La società ha affermato che Celsius si è impegnata in “pratiche commerciali pericolose” e ha concesso prestiti non garantiti nonostante avesse detto agli investitori che non lo aveva fatto. La società ha affermato falsamente di aver raccolto $ 50 milioni vendendo il suo token e ha affermato di avere 1 milione di utenti attivi.

Le azioni legali delle autorità di regolamentazione si aggiungono alle sfide in corso per la rete Celsius e il suo fondatore. A gennaio, il procuratore generale dello Stato di New York ha citato in giudizio Mashinsky, sostenendo di aver defraudato gli investitori di miliardi di dollari in valuta digitale coprendo la cattiva salute della piattaforma di prestito.

READ  I Paesi Bassi affermano che invieranno aiuti patriottici all'Ucraina

L’industria delle criptovalute si trova su un terreno instabile da quando le azioni legali della SEC contro i principali exchange di criptovalute Binance e Coinbase Global (COIN.O) il mese scorso hanno aumentato i rischi di ulteriori sfide normative per il settore.

Mashinsky è un imprenditore seriale, avendo fondato otto società, tra cui il fornitore di telecomunicazioni Arbinet, che è diventato pubblico nel 2004, e Transit Wireless, che fornisce Wi-Fi alle metropolitane di New York City.

Reportage di Nikate Nishant a Bangalore, Hannah Long a Washington ed Elizabeth Howcroft a Londra; Segnalazione aggiuntiva di Chris Prentice a New York; Montaggio di Shinjini Ganguli, Chisu Nomiyama e Jonathan Otis

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Niket Nishant News e rapporti trimestrali sugli utili delle maggiori banche, società di carte, tecnologia finanziaria e gestori patrimoniali di Wall Street. Si occupa anche delle principali IPO e dei finanziamenti di capitale di rischio in fase avanzata sulle borse statunitensi, insieme a notizie e sviluppi normativi nel settore delle criptovalute. La sua scrittura appare…

Hannah Long copre la tecnologia finanziaria e la criptovaluta, comprese le attività che guidano il settore e gli sviluppi politici che governano il settore. Hannah ha lavorato in precedenza presso American Banker, dove si è occupata della regolamentazione bancaria e della Federal Reserve. Si è laureato all’Università del Maryland, vive a College Park e Washington, DC.

Rapporti sull’intersezione tra finanza e tecnologia, tra cui criptovalute, NFT, mondi virtuali e il “Web3” dei pagamenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *