Ben Ferenc, ultimo procuratore vivente di Norimberga, muore a 103 anni

Ben Ferencs, l’ultimo procuratore vivente ai processi di Norimberga che ha perseguito i nazisti per crimini di guerra genocidio – e uno dei primi testimoni esterni a documentare le atrocità dei campi di lavoro e di concentramento nazisti – è morto, ha confermato suo figlio a CBS News. Aveva compiuto 103 anni a marzo.

Il figlio di Ferencz, Don Ferencz, ha detto a CBS News che suo padre è morto pacificamente venerdì a Boynton Beach, in Florida. Suo figlio ha detto che viveva in una struttura di residenza assistita.

Quando gli è stato chiesto una dichiarazione di famiglia, ha detto che suo padre potrebbe essere riassunto con le parole “non fare la guerra” e “non mollare mai”.

La morte è stata confermata anche dall’American Holocaust Museum di Washington.

“Oggi il mondo ha perso un leader nella ricerca della giustizia per le vittime del genocidio e dei crimini correlati”, ha twittato il museo.

All’età di 27 anni, senza precedenti esperienze processuali, divenne il procuratore capo in un caso del 1947 in cui 22 ex comandanti nazisti furono accusati di aver ucciso più di 1 milione di ebrei, zingari e altri nemici nell’Europa orientale.

Piuttosto che fare affidamento su testimoni, Ferenc si è basato principalmente su documenti ufficiali tedeschi per sostenere il suo caso. Tutti gli imputati sono stati condannati e più di una dozzina sono stati condannati a morte, sebbene Ferenc non abbia chiesto la pena di morte.

“Ti dirò qualcosa di molto profondo che ho imparato dopo molti anni.” Ferenc racconta “60 minuti”. In un’intervista del 2017. “La guerra rende assassini uomini altrimenti perbene. Tutte le guerre, tutte le persone perbene.”

Benjamin Berrell Ferenc, il procuratore capo dell’esercito americano durante i processi di Norimberga alla fine della seconda guerra mondiale, appare nel documentario di Andre Singer del 2014 “Night Will Fall”.

Belle foto


Nato in Transilvania nel 1920, Ferenc si è trasferito a New York con i suoi genitori da ragazzo per sfuggire all’intenso antisemitismo. Dopo essersi laureato alla Harvard Law School, Ferenc si arruolò nell’esercito degli Stati Uniti per partecipare all’invasione della Normandia durante la seconda guerra mondiale. Usando il suo background legale, è diventato un investigatore dei crimini di guerra nazisti contro i soldati americani come parte della nuova unità per i crimini di guerra dell’Ufficio dell’avvocato generale del giudice.

Ferenc visitò la Germania prima nel campo di lavoro di Ohrdruf e poi nel famigerato campo di concentramento di Buchenwald, quando i rapporti dell’intelligence americana descrivevano soldati che incontravano grandi gruppi di campi nazisti affamati monitorati dalle guardie delle SS. In quei campi e in seguito, vide corpi “ammucchiati come corde” e “scheletri indifesi con diarrea, dissenteria, tifo, tubercolosi, polmonite e altre malattie, ritirarsi con occhi pietosi solo sui cotoni pieni di pidocchi o sul terreno. aiuto”, ha scritto Ferenc nel suo Ha scritto sulla vita.

“Il campo di concentramento di Buchenwald era una casa di indicibili orrori”, ha scritto Ferenc. “Non c’è dubbio che sono rimasto indelebilmente traumatizzato dalle mie esperienze come interrogatore per crimini di guerra nei centri di sterminio nazisti. Non ho ancora provato a parlare o pensare ai dettagli”.

Ad un certo punto, verso la fine della guerra, Ferenc fu inviato al rifugio di montagna di Adolf Hitler nelle Alpi bavaresi per cercare documenti incriminanti, ma tornò a mani vuote.

Dopo la guerra, Ferenc fu congedato con onore dall’esercito degli Stati Uniti e tornò a New York per iniziare a esercitare la professione legale. Ma fu di breve durata. A causa delle sue esperienze come investigatore di crimini di guerra, è stato incaricato di aiutare a indagare sui criminali di guerra nazisti ai processi di Norimberga, iniziati sotto la presidenza del giudice della Corte Suprema degli Stati Uniti Robert Jackson. Prima di trasferirsi in Germania, ha sposato la sua fidanzata d’infanzia, Gertrude.

Al termine dei processi per crimini di guerra, Ferenc ha lavorato per un consorzio di enti di beneficenza ebraici per aiutare i sopravvissuti all’Olocausto a recuperare proprietà, case, attività commerciali, opere d’arte, rotoli della Torah e altri oggetti religiosi ebraici confiscati dai nazisti. . In seguito ha aiutato a negoziare le riparazioni per le vittime naziste.

Nei decenni successivi, Ferenc riuscì a creare un tribunale internazionale che potesse punire i leader di qualsiasi governo per crimini di guerra. Quei sogni si sono realizzati nel 2002 con l’istituzione della Corte Penale Internazionale all’Aia, anche se la sua efficacia è stata limitata dalla mancata partecipazione di paesi come gli Stati Uniti.

“Sono ancora in lotta”, ha detto Ference in un’intervista del 2017 con “60 Minutes”. “Sai cosa mi fa andare avanti? So di avere ragione.”

READ  Nordstrom Canada chiuderà tutti i negozi entro giugno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *