sabato, 19 Giugno, 2021

Bisceglie, un attacco spuntato

In attesa di conoscere le decisioni inerenti il ricorso presentato dalla società gialloblu in merito all’omologazione della gara di Reggio Calabria, la Viterbese si appresta ad affrontare la seconda trasferta consecutiva. Ad attendere i “Leoni” gialloblu ci saranno gli “Stellati” del Bisceglie che, rispetto ai rivali, vantano un punto in meno in cascina. Uno spareggio salvezza, così lo ha anche definito il neo tecnico Antonio Calabro.

Domenica quindi, al “Gustavo Ventura“, andrà in scena l’ennesima battaglia. Una eventuale vittoria porterebbe la squadra di mister Calabro ad allontanarsi in maniera importante dalla zona calda della classifica. In caso contrario, metterebbe a nudo una serie di problematiche difficili da risolvere in un breve arco di tempo. Pensare che tutto possa essere facile sarebbe l’errore della vita di una squadra che, in questo momento, non può certo permettersi il lusso di snobbare gli avversari.

I numeri del Bisceglie potrebbero portare a pensare a una trasferta agevole. Questo anche in virtù della gara di andata, una delle poche convincenti dei gialloblu in questa stagione. Eppure gli “Stellati” sono stati capaci di battere la corazzata Catania, lo scorso nove dicembre. Una sorta di maledizione per la squadra pugliese che. da quella gara in poi, non è più riuscita a mettere a segno una sola marcatura.

A dire il vero non è che prima di quella gara il Bisceglie avesse fatto faville in zona avanzata. Il dato che emerge, infatti, è il protrarsi dell’incapacità della squadra di andare a segno. La pochezza di 9 marcature raccolte in 21 gare disputate, fanno del Bisceglie il peggior attacco del girone. Numeri che la dicono lunga sulla sterilità offensiva di una compagine che fatica enormemente ad andare in gol.

Mister Vanoli sta cercando la quadra facendo ruotare vari elementi in zona di attacco, senza però riuscire a dare forza al reparto. A tal proposito dalla Lucchese è tornato in nerazzurro Ivan Jovanovic, attaccante centrale classico, che però nell’esperienza toscana in rossonero non ha marcato alcuna rete in dieci presenze.

Al momento appare questo il problema più importante da risolvere per il tecnico nerazzurro. Ma anche la fase di costruzione non sembra essere delle migliori. Infatti oltre che all’assenza di gol, il Bisceglie va in sofferenza nella costruzione delle occasioni.

Insomma, al “Gustavo Ventura” si incontreranno due compagini che almeno ultimamente sembrano somigliarsi molto. Di sicuro chi avrà dalla sua il risultato potrà tirare un bel sospiro di sollievo.

DI Stefano Cordeschi

Avatar
Giornalista Pubblicista, vicedirettore di Calciopress.net, ha iniziato la sua avventura editoriale su web ideando e progettando siti internet, in modo particolare incentrati sulla Viterbese Calcio.

Leggi anche

Storie di serie C, il curioso caso Matelica-Ancona

Nasce un nuovo progetto tra Ancona e Matelica. Il titolo sportivo del Matelica, che ha disputato …