Blinken parla con il ministro degli Esteri cinese in vista di una visita ad alto livello a Pechino

Chip Somodevilla/Michael Danduzzi/Getty Images

Mercoledì il segretario di Stato americano Anthony Blinken ha parlato al telefono con il ministro degli Esteri cinese Qin Gang.


Hong Kong
Cnn

Mercoledì il segretario di Stato americano Anthony Blinken ha parlato al telefono con il ministro degli Esteri cinese, prima di una chiamata. Una visita molto attesa Dal massimo diplomatico di Washington Pechino Entrambe le superpotenze stanno cercando di migliorare il cattivo stato delle loro relazioni.

Nella sua telefonata con Qin Gang, Blinken ha discusso dell'”importanza di mantenere la comunicazione” per gestire responsabilmente le relazioni USA-Cina per “evitare calcoli errati e conflitti”.

Blinken ha anche affrontato varie questioni bilaterali e globali e ha chiarito che “gli Stati Uniti continueranno a utilizzare l’impegno diplomatico per elevare le aree di preoccupazione e le aree di potenziale cooperazione”.

La lettura dell’invito da parte della Cina è stata molto acuta, sottolineando la profonda sfiducia che esiste tra Pechino e Washington.

Qin ha detto a Blinken che gli Stati Uniti dovrebbero “mostrare rispetto” per le principali preoccupazioni della Cina Taiwan problema.

Secondo una dichiarazione del ministero degli Esteri cinese, Qin ha esortato gli Stati Uniti a “smettere di interferire negli affari interni della Cina” e “smettere di minare la sovranità, la sicurezza e gli interessi di sviluppo della Cina”.

Qin ha detto di sperare che gli Stati Uniti possano incontrare la Cina a metà strada, gestire efficacemente le differenze, stabilizzare le relazioni bilaterali e migliorare la comunicazione e la cooperazione per riportare le relazioni sulla strada dello “sviluppo sano e sostenibile”.

Le letture americane e cinesi della telefonata non fanno menzione della visita di Blinken. Più tardi mercoledì, il Dipartimento di Stato ha annunciato che si sarebbe recato a Pechino entro questa settimana.

READ  I capi di Kansas City annunciano la morte di Norma Hunt

“Mentre si trova a Pechino, il segretario Blinken incontrerà alti funzionari della RPC, dove discuterà dell’importanza di mantenere linee di comunicazione aperte per gestire responsabilmente le relazioni USA-RPC”, ha dichiarato il portavoce del Dipartimento di Stato Matthew Miller in una nota.

“Solleverà la possibile cooperazione su preoccupazioni bilaterali, questioni globali e regionali e sfide transnazionali condivise”, ha affermato.

L’annuncio arriva dopo gli incontri tra alti funzionari statunitensi e cinesi dal mese scorso e la previsione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden di un “flusso e riflusso” nelle relazioni con Pechino.

Inizialmente Blinken aveva programmato di visitare la Cina a febbraio mentre i due paesi cercavano di rafforzare i legami dopo un incontro faccia a faccia tra i loro leader in Indonesia lo scorso novembre.

Ma, a causa del sospetto, un viaggio di maggiore importanza è stato rinviato Pallone spia cinese Ha sorvolato gli Stati Uniti continentali ed è stato successivamente abbattuto.

Da allora, le relazioni già tese tra Stati Uniti e Cina sono diventate più acute, con Taiwan, il Mar Cinese Meridionale e le restrizioni all’esportazione di trucioli che alimentano le tensioni.

Il Partito comunista cinese, sebbene non abbia mai governato Taiwan, chiede una Taiwan autonoma e democratica e promette di “unificarla” un giorno con la terraferma.

Rivendica la giurisdizione storica su quasi il vasto Mar Cinese Meridionale e ha trasformato piccole secche e banchi di sabbia in isole artificiali pesantemente fortificate con missili, piste e sistemi d’arma, suscitando le proteste di altri pretendenti.

In una critica velata, secondo un rapporto di lettura cinese, Qin ha incolpato gli Stati Uniti per le accresciute tensioni negli ultimi mesi nella sua telefonata con Blinken.

READ  Matt Typi lascia Twitter dopo che Musk ha attivato le note di riserva

“Dall’inizio di quest’anno, le relazioni Cina-Usa hanno incontrato nuove difficoltà e sfide, e la responsabilità è chiara”, ha detto Qin, aggiungendo che la Cina ha sempre gestito le relazioni con gli Stati Uniti secondo i principi di “rispetto reciproco, convivenza pacifica “. e una cooperazione vantaggiosa per tutti”, ha proposto il presidente cinese Xi Jinping.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *