Calciomercato news (01/07) - Viterbese Calcio News- Cuori Gialloblu
lunedì, 25 Marzo, 2019
Ultime notizie
Calciomercato news (01/07)

Calciomercato news (01/07)

Il calciomercato è “live” su Cuori Gialloblù
Aggiornamento 01 luglio 2018

Cuori Gialloblù concentra tutti i movimenti della Viterbese all’interno di un unico post in aggiornamento. Le trattative ufficiose verranno registrate solo se provenienti da fonti attendibili. Le presenze dei singoli giocatori sono riferite alle sole partite di campionato (esclusi Coppa Itala e playoff). Restate collegati e buon campionato a tutti.

CONFERME

Difesa. Zhivco Atanasov (centrale, classe 1991, 19 presenze e 2 gol lo scorso anno); Andrea De Vito (laterale sinistro, classe 1991, 9 presenze da gennaio); Federico Pacciardi (centrale e laterale sinistro, classe 1995, 57 presenze in un campionato di D e due di C); Riccardo Pandolfi (laterale destro, classe 1996, 57 presenze e 4 reti in due campionati di D e due di C); Michele Rinaldi (centrale, classe 1987, 12 presenze da gennaio); Simone Sini (centrale, classe 1992, 34 presenze e 1 rete).

Centrocampo. Alessio Benedetti (classe 1990, 11 partite da gennaio); Diego Cenciarelli (classe 1992, 62 presenze e 5 reti in due anni). Possibile conferma per Gianluca Musacci (classe 1987, 13 presenze, a lungo fermo per la rottura del legamento crociato anteriore). Più complicato trattenere Luca Baldassin (classe 1994, 34 presenze e 4 reti), di proprietà del Chievo. Analogo discorso per Alessandro Di Paolantonio (Classe 1992, 26 presenze da gennaio), di proprietà della Ternana.

Attacco. Ngissah Bismark (classe 1998, 31 presenze e 3 reti); Andrade Siqueira Jefferson (classe 1988, 29 presenze e 11 reti in due anni); Jari Vandeputte (classe 1996, 35 presenze e 6 reti).

ACQUISTI UFFICIALIZZATI

Difesa.

Centrocampo.

Attacco.

TRATTATIVE IN CORSO

Difesa. Al posto di Iannarilli uno tra Giacomo Bindi del Padova (classe 1987, reduce da un biennio da titolare fisso con 69 presenze complessivo) e Paolo Branduani della Juve Stabia (classe 1989, scuola Inter, 33 presenze nella scorsa stagione). Sembra chiusa la pista che portava a Marco Albertoni della Lucchese (classe 1995, scuola Genoa, 35 presenze). Nel mirino di Obbedio sono finiti Riccardo Baroni (classe ’98, scuola Fiorentina, l’anno scorso 28 presenze e 1 rete con la maglia della Lucchese) e Gabriele Morelli (classe 1996, tre stagioni al Livorno di cui una in B, 44 presenze totali di cui 24 nella stagione scorsa e 2 reti).

Centrocampo. Gli obiettivi più caldi sono Tommaso Arrigoni della Lucchese (classe 1994, l’anno scorso 36 presenze e 5 reti) che però sembrerebbe sempre più vicino alla firma con il Pisa e il suo compagno di squadra Samuele Damiani (classe 1998, scuola Empoli, 25 presenze).

Attacco. Si fanno i nomi di Alessio Curcio (classe 1990, interessante attaccante dell’Arzachena autore nel campionato scorso di 13 reti in 35 partite) e di Giacomo Tulli (classe 1987, lo scorso anno a Teramo con uno score di 28 partite, di cui solo 19 da titolare, ma senza segnare reti).

CESSIONI

– Difesa. Daniele Celiento passa al Pescara, dopo due anni trascorsi in maglia gialloblù. Anthony Iannarilli va alla Ternana, anche lui dopo due anni ad altissimi livelli di rendimento. Mbaye rientra al Crotone. No al prolungamento di contratto per Peverelli. Rientrato al Chievo, Sanè è stato ceduto in prestito alla Pro Patria.

CentrocampoChecchin, rientrato all’Hellas Verona, dovrebbe passare all’Alessandria. Rientrano alle rispettive società di provenienza Mosti (Juventus) e Zenuni (Torino).

Attacco. Rientro alle società di origine per Bizzotto (Cittadella), Calderini (Foggia) e Mendez (Roma). Niente rinnovo per De Sousa, arrivato a gennaio dal Fondi.

DI Redazione

Avatar
La Redazione di Cuorigialloblu si occupa della gestione degli articoli pubblicati dai propri Redattori, e presta attenzione a tutto quanto ruota attorno ai colori gialloblu

Leggi anche

Viterbese, quando il gruppo è granitico

Viterbese, quando il gruppo è granitico

Come abbiamo scritto, Calabro ha cambiato faccia alla Viterbese >>> LEGGI QUI. La società, grazie …