martedì, 27 Luglio, 2021

Cavese passaggio cruciale, Taurino: “Consapevoli che sarà una gara tosta”

Previsioni meteo permettendo, domani allo stadio “Enrico Rocchi” i gialloblu saranno in campo per la giornata numero 24 del girone C. Alle ore 15 la Viterbese ospiterà la Cavese, formazione che ha raccolto sedici punti in ventidue partite. Di seguito le parole di mister Roberto Taurino nel corso della conferenza stampa della vigilia.

Mister, la Cavese si è risollevata nelle ultime gare. Che partita si aspetta?

“La Cavese dopo il mercato ha cambiato guida tecnica e ha messo dentro calciatori di ottimo valore per la categoria. Hanno cambiato marcia anche mentalmente. Non conosco i problemi che hanno avuto all’inizio ma ora con i risultati hanno ritrovato entusiasmo. Avendo fatto otto punti in quattro partite sono in grande salute. Ci toccherà una partita veramente tosta contro una squadra che, emotivamente, è a mille perché quando sei dato quasi per spacciato e poi ritrovi risultati, sei nel pieno della condizione psicologica. In questo momento loro sanno e hanno tutta la voglia per raggiungere un’impresa che è la salvezza diretta”.

Nelle prossime tre partite affronteremo squadre in lotta per la salvezza: quale caratteristica non dovrà mancare alla Viterbese?

“Sarò ripetitivo ma l’aspetto mentale è sempre predominante. Noi dovremo avere lo stesso modo di affrontare le partite. Gli stimoli non devono venire dalla squadra che si ha di fronte ma dall’interno. Dobbiamo fare ancora tanti punti, la classifica è migliorata ma la strada è lunga. Dobbiamo pensare che partita dopo partita si mettono dentro punti per arrivare alla salvezza che è un obiettivo complicato per il tipo di campionato che stiamo affrontando, così livellato verso l’alto. I risultati delle ultime settimane dicono che non ci sono squadre contro cui si vince facilmente, tutte daranno battaglia fino alla fine. Noi ci dobbiamo preparare a partite di grande intensità da qui alla fine, poi se saremo bravi a costruirci una salvezza più tranquilla, tanto di guadagnato”.

Dove può migliorare ancora la Viterbese?

“Secondo me in questo momento si può migliorare nella produzione offensiva, premesso che tutto è sempre migliorabile. La perfezione nel calcio non esiste ma si deve tendere a quello. Stiamo facendo cose discrete ma ci mancano gli ultimi 30 metri: in questo momento siamo propositivi ma potremmo calciare molto di più in porta. A Bari, ad esempio, in tante occasioni potevamo creare la superiorità numerica e, invece, abbiamo sbagliato il passaggio o abbiamo accelerato una giocata. Ci stiamo lavorando e spero di vedere risultati già da domani”.

La squadra è consapevole che contro la Cavese si tratta del primo di quattro match ball per la salvezza?

“La squadra è consapevole che ci giochiamo tre punti fondamentali che ci avvicinerebbero molto alla salvezza. In questo momento non dobbiamo pensare al percorso che ci aspetta fino alla fine. Ora pensiamo alla Cavese e domani alle 17 inizieremo a concentrarci sulla partita successiva”.

Teme un contraccolpo psicologico post Bari?

“Noi allenatori viviamo sempre con questo dubbio. Normale che una partita come quella di Bari non deve ma può creare un piccolo rilassamento. Insieme al mio staff siamo stati attenti e, ad essere sincero, un allenamento in settimana non mi è piaciuto. Lo ho fatto presente ai ragazzi e siamo tornati subito sulla retta via. Sono convinto che tutti siano ben consapevoli delle difficoltà della partita di domani e del rispetto che dobbiamo avere verso l’avversario”.

DI Redazione

La Redazione di Cuorigialloblu si occupa della gestione degli articoli pubblicati dai propri Redattori, e presta attenzione a tutto quanto ruota attorno ai colori gialloblu

Leggi anche

Covisoc e Serie C, domani il Coni decide e poi via ai ripescaggi

La Sezione sulle competizioni professionistiche del Collegio di Garanzia dello Sport del Coni esaminerà domani, …