C'è una rosa da spuntare? - Viterbese Calcio News- Cuori Gialloblu
martedì, 21 Maggio, 2019
Ultime notizie

C’è una rosa da spuntare?

Con gli arrivi di Pacilli e Saraniti il mercato della Viterbese in entrata si può ritenere virtualmente chiuso. Considerata la consistenza della rosa sono invece prevedibili alcuni movimenti in uscita per riequilibrare il gruppo. I giocatori a disposizione di mister Lopez sono al momento 28  >>> LEGGI QUI i dettagli. 

Gli over sono 15, uno in più rispetto al numero consentito dalla Lega di Firenze. Gli under sono 4, vale a dire quattro in meno rispetto agli otto previsti dalle norme. Corposa la pattuglia degli under 1998 che sono al momento 8, tutti considerati “fuori lista” rispetto ai 22 nominativi da depositare.

Verifichiamo la consistenza dei vari reparti.

PORTIERI. Forte ha confermato le sue ottime referenze e finora si è sempre fatto trovare molto pronto e molto vigile. Micheli, dopo aver trascorso la passata stagione come terzo portiere è il suo naturale sostituto. A completamento dei ranghi c’è il giovane Schaeper, classe 1999, che arriva dalla Primavera del Napoli.

DIFENSORI. Il reparto difensivo, formato da otto elementi, appare molto ben attrezzato. Lo dimostra l’unica rete subita nelle tre uscite ufficiali per la Tim Cup contro avversari del calibro di Rende, Ascoli e Sampdoria. A destra da segnalare l’ottimo rendimento di De Giorgi e del suo naturale sostituto Messina. A sinistra De Vito si conferma una sicurezza e, alle sue spalle, il giovane Perri si è dimostrato all’altezza ogni volta che Lopez lo ha utilizzato. I quattro centrali sono delle colonne, sia i due titolari (Rinaldi e Sini) che gli eventuali sostituti (Atanasov e Milillo).

CENTROCAMPISTI. Gli otto centrocampisti in organico consentiranno a Lopez di optare per vari moduli (il 4-3-2-1, il 4-3-1-2 oppure il 3-5-2 utilizzato dal mister romano la scorsa stagione a Lucca). I giovani Artioli (a lungo tenuto fermo da un infortunio), Damiani (finora titolare fisso) e Otranto si integrano con il granitico Baldassin (rientrato da Chievo a titolo definitivo), il metronomo Bovo, il motorino Cenciarelli, il superlativo Palermo e il valido Valagussa (che dispone di una forza di tiro non indifferente).

ATTACCANTI. Sono in nove a giocarsi tre posti (due punte e un trequartista ovvero due trequartisti e una punta). Qualcuno è destinato sicuramente a lasciare il gruppo. Cinque le punte centrali: Bismark (giocatore molto duttile, sul quale Camilli punta moltissimo), Polidori (attaccante di massima affidabilità), Roberti (super bomber in serie D),  Saraniti (grande cavallo di ritorno) e Svidercoschi (che si è visto un po’ poco finora). A questi vanno aggiunti l’esperto Pacilli (arrivato dal Lecce con Saraniti e adattabile a più ruoli sul fronte offensivo), il giovane trequartista Molinaro, il superconfermato Vandeputte e il talentuoso Zerbin (gli ultimi due utilizzabili sia come esterni che come trequartisti). Occhio in particolare a Zerbin, giovane promessa del 1999 che ha qualità e temperamento da vendere >>> LEGGI QUI e che potrebbe rivelarsi una delle sorprese del torneo.

DI Sergio Mutolo

Sergio Mutolo
Innamorato da una vita dei colori gialloblù, prova a tenere viva in rete la "grande storia del club". Su Calciopress si dedica alle criticità del sistema calcio, con particolare attenzione alla Serie C, sempre schierato dalla parte dei tifosi.

Leggi anche

Viterbese, quando il gruppo è granitico

Come abbiamo scritto, Calabro ha cambiato faccia alla Viterbese >>> LEGGI QUI. La società, grazie …