Classifica Masters: Victor Hovland, Joe Rahm e Brooks Koepka in testa

Augusta, Ga. – La tribuna era fitta fin dall’inizio, come sempre sul primo tee dell’Augusta National Golf Club. E, come sempre accade quando Tiger Woods si intrufola in un torneo Masters, gli altri membri della sua squadra, Victor Hovland o Sander Schaffel, non c’erano.

Probabilmente avrebbero dovuto esserlo, soprattutto per Hovland, l’unico uomo del trio che non ha mai vinto un major o è arrivato secondo. Alla fine della giornata, dopotutto, sarà in un pareggio a tre per il comando.

“Se sei un po ‘coraggioso e vuoi spingere in alcune posizioni probabilmente non dovresti, ti punirà molto rapidamente”, ha detto Hovland, che ha segnato un sette su 65, del corso. È a pari merito con Joe Rahm e il golfista della LIV Brooks Koepka. “Quindi sai che c’è un buon punteggio, ma non puoi forzarlo. Devi lasciare che accada, se hai dei putt fattibili, devi farli e poi puoi entrare in un ritmo.

Ma, ha ammonito, “È una di quelle cose in cui spingi troppo forte e si ritorce contro”.

Ha imparato molto nelle sue prime tre apparizioni al Master. Ma il corso è stato molto meno minaccioso del solito, soprattutto sabato, prima che un sistema meteorologico sommerso trasformasse le colline dell’Augusta National in modo così smeraldo. I venti erano calmi, mantenendo la rotta liscia mentre facevano frusciare i pini e smorzavano l’umidità.

Con quelle condizioni, giovedì Hovland non sarebbe finito come il leader solitario in fuga, e non l’ha fatto. Rahm, che ha sopportato una marcia deludente dopo aver vinto tre eventi del PGA Tour a gennaio e febbraio, ha doppiato la prima buca per finire con un 65. E Koepka, che ha vinto il torneo di golf LIV nel fine settimana, ha visto le ultime due buche. Per guadagnare una parte del vantaggio, il secondo anno presta al circuito un livello di credibilità che è ugualmente necessario.

“Stiamo cercando di concentrarci su questo e uscire di qui con una giacca verde”, ha detto Koebka, uno dei leader del circuito LIV, che è finanziato dal fondo sovrano dell’Arabia Saudita.

READ  La nave cargo SpaceX Dragon decolla dalla stazione spaziale per tornare sulla Terra

Koepka, quattro volte vincitore di un torneo importante, ha attirato l’attenzione del comitato di gara del torneo giovedì sera, il cui presidente ha affermato che i funzionari avevano “interrogato” il caddie di Koepka e altri “su un possibile incidente al numero 15”.

“Tutti gli interessati erano irremovibili sul fatto che non fosse stato dato o sollecitato alcun consiglio”, ha dichiarato il presidente James P. Hyler Jr. ha detto in una dichiarazione. “Di conseguenza, la giuria ha stabilito che non vi era alcuna violazione delle regole”.

Al di là di Koepka, il LIV è stato un giorno misto, con il torneo a 54 buche che ha acceso un dibattito più ampio sul fatto che i suoi giocatori sarebbero stati pronti per i rigori delle major a 72 buche. Cameron Smith, il campione in carica del British Open, ha aperto con un tee shot che si è fermato più vicino al nono fairway rispetto al primo tee. Al tramonto, aveva firmato per un 2 sotto il par 70. Il tre volte campione del Masters Phil Mickelson è stato pari, così come il vincitore del 2020 Dustin Johnson.

Ma il due volte vincitore del Masters Bubba Watson ha mancato il taglio dell’Augusta National solo una volta, tirando un 77 a sei buche. Louis Oosthuizen ha tirato 76 e Bryson D’Chambeau ha aggiunto un tiro da sei. Una vittoria agli US Open tre anni fa, ha chiuso con un 74.

Tuttavia, nonostante tutta la teatralità emotiva che ha permeato il golf maschile quando LIV è arrivato sulla scena lo scorso anno, LIV sembrava più il Master inaugurale dell’epoca.

I tifosi – scusateci, patroni – sudano più bicchieri di plastica di alcuni giocatori. Una donna giaceva priva di sensi ai piedi di un albero vicino all’undicesimo fairway, e un po’ più in profondità di Amen Corner, il campione del 1987 Larry Mize, giocando il suo ultimo Masters, si avvicinò al dodicesimo tee box e applaudì piano. Woods, 15 volte vincitore importante, è, come al solito, un’attrazione progettata o per caso.

READ  AGGIORNAMENTO: la polizia di stato non ha "alcun motivo per credere" che Barham abbia lasciato l'area | Notizie, sport, lavoro

A un vecchio con un cappello al PGA Championship 2007, no. 7 Una guardia della galleria all’incrocio disse: “Sei appena in tempo: puoi vedere Tiger partire”. (Opportunamente, Woods ha vinto quella partita.)

Ha visto Woods e, sì, la sua corsa per un 74 sopra il par di due. Ma ha visto anche l’opera di Hovland e Schaffel, che si sono resi conto della sua precisa padronanza della palla.

La furia di Howland in cima alla classifica è iniziata sulla seconda buca, un par 5 di 575 yard che ha giocato la buca più facile ai Masters dell’anno scorso. Il suo tee shot si è schiantato al centro del fairway, lasciandolo a circa 209 yard dal birillo secondo le sue stime. Teneva il suo ferro 6 e si aspettava che la sua palla si schiantasse sul bordo anteriore del green.

È andato abbastanza lontano per Hovland, che a volte ha faticato a padroneggiare le sfumature del gioco corto, per fare il putt per l’aquila. Ha poi realizzato cinque buche, inclusa la 13a appena allungata, e non aveva spauracchi.

“Non c’è un normale tiro da golf qui, tranne che sui par-3”, ha detto il vincitore del 2018 Patrick Reed.

“Per questo motivo, devi avere il pieno controllo di ciò che sta facendo il tuo club, in particolare di ciò che stai cercando di fare all’impatto”, ha detto Reid, il giocatore LIV che ha segnato un 71 giovedì. “Sento che Victor lo ha sempre fatto bene. Se va e inizia a lavorare con il suo putter, uscirà e farà quello che sta facendo su questo campo da golf in questo momento.

Rahm ha invocato un incantesimo simile sull’ottava buca, chiamata Yellow Jasmine, che richiedeva 570 yard.

READ  Il traffico di Suez è tornato alla normalità dopo che la nave è rimasta brevemente bloccata

Rahm si fermò sul tee box e colpì, secondo lui, “più forte che potevo”. Si è ritrovato con circa 267 yard rimaste alla buca e ha tirato un pareggio di ferro 4. Un rimbalzo perfetto, pensò, potrebbe metterlo in fondo al green.

Poi ha segnato meno di quanto voleva.

“Era circa 8 e apparentemente trasportato in una linea perfetta e rilasciato fino a 3 piedi”, ha detto. “Speravo di avvicinarmi molto, ma realisticamente, non succede così spesso. Sono contento che sia successo. Voglio dire, è un buon swing ed è un grande vantaggio per finire.

Aquila. Entro venerdì, i leader avrebbero avuto un vantaggio di due tempi su Cameron Young e Jason Day, quarti.

L’Augusta National non sarà così facile nei prossimi giorni. Le previsioni ufficiali del torneo hanno avvertito di pioggia minacciosa per gran parte di venerdì, con temporali che probabilmente solleveranno il gioco pomeridiano. Le prospettive di sabato erano ancora peggiori, con due pollici di pioggia e venti a 25 mph previsti.

Alle 8:18 ora di New York n. 1 – incontro 30 minuti prima del previsto – Koepka ha detto che sarebbe stato il suo più grande vantaggio venerdì.

“Penso di poter fare qualche buco in più rispetto a chiunque altro prima che inizi a piovere”, ha detto.

Molte persone inseguiranno.

Il golfista n. 1 al mondo e vincitore del Masters dello scorso anno Scottie Scheffler ha mancato un birdie putt il 18 per finire la sua giornata a quattro under. Rory McIlroy ha tirato un 72, la prima volta dal 2018 che ha fatto par o meglio ad Augusta.

Il taglio avverrà venerdì sera e, tempo permettendo, la linea è tra i primi 50, più i pareggi, e DeChambeau, Watson e Woods soffriranno più della maggior parte dopo le loro esibizioni al primo turno.

“La maggior parte dei ragazzi sono bassi oggi”, ha detto Woods. “Questo è il giorno per farlo.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *