Come l'esercito americano si sta affrettando a costruire un bacino galleggiante per fornire aiuti a Gaza

WASHINGTON (AP) – Anche prima dell’annuncio del presidente Joe Biden Discorso sullo stato dell'Unione I piani per fornire aiuti a Gaza via mare hanno fatto sì che la 7a Brigata Trasporti dell'esercito e altre unità si affrettassero a mettere insieme le attrezzature.

Prima del discorso hanno ricevuto gli ordini: Costruisci Un pontile galleggiante dalla Striscia di Gaza per fornire cibo e altra assistenza necessaria ai residenti di Gaza. Lo stretto controllo di Israele sulle rotte terrestri verso Gaza ha ridotto al minimo il flusso di aiuti.

Si tratta di un'operazione complessa che coinvolge 1.000 soldati americani e che non avverrà da un giorno all'altro. Il Magg. Gen. dell'Aeronautica Militare Pat Ryder, portavoce del Pentagono, ha detto ai giornalisti che ci vorranno settimane per riunirsi. Alcuni funzionari dicono che ci vorranno due mesi. Al di là delle sfide logistiche, la mossa dipende dalla cooperazione di Israele, che non è stata garantita.

Scopri cosa si sa sull'intervento.

Perché costruire una nave galleggiante?

Nei cinque mesi trascorsi da quando i militanti di Hamas hanno attaccato Israele il 7 ottobre, uccidendo circa 1.200 persone e prendendo 250 in ostaggi, l'esercito israeliano ha colpito il territorio, uccidendo più di 30.000 palestinesi, secondo il ministero della Sanità di Gaza. Questo è il risultato Guerra Israele-Hamas C'è una catastrofe Un disastro umanitario.

Tutti i quasi 2,3 milioni di abitanti di Gaza lottano per trovare cibo, e più di mezzo milione di altri Ora affrontiamo la fame. Molti sono costretti a mangiare foraggio animale per sopravvivere.

L’accesso al cibo, alle forniture mediche e ad altri aiuti è difficile, se non impossibile, a causa delle ostilità in corso e delle difficoltà per integrarsi con l’esercito israeliano. Tratte limitate e consegne lente A causa degli studi.

READ  Ogni pianeta del sistema solare sarà visibile mercoledì in una rara "parata planetaria".

I camion che trasportano aiuti umanitari devono viaggiare dal valico di Rafah con l’Egitto o dal confine meridionale di Gaza via Kerem Shalom con Israele, attraverso la zona di conflitto per raggiungere le aree in gran parte isolate del nord.

Ciò ha frustrato l’amministrazione Biden poiché i suoi sforzi per aumentare gli aiuti a Gaza sono stati ostacolati dalle sanzioni imposte dal suo stretto alleato Israele.

La settimana scorsa è iniziata l’America Goccioline d'aria Aiuti a Gaza. Ma può fornire solo un aiuto limitato e potrebbe non raggiungere chi ne ha bisogno.

Nel suo discorso di giovedì, Biden ha ordinato ai militari di costruire un molo improvvisato al largo della costa di Gaza “che possa ricevere grandi navi che trasportano cibo, acqua, medicine e ripari temporanei”.

“Ogni giorno contribuiamo ad aumentare la quantità di aiuti umanitari all'interno di Gaza”, ha detto Biden.

Assemblati come i Lego

La settima brigata dei trasporti, con sede presso la base congiunta Langley-Eustis, in Virginia, ha iniziato a riunire le cosiddette attrezzature e moto d'acqua Joint Logistics Over the Shore (JLOTS), secondo i funzionari della difesa.

È come una gigantesca struttura LEGO: una serie di pezzi d'acciaio lunghi 40 piedi (12 metri) che possono essere bloccati insieme per formare un molo e una strada rialzata. Il ponte pedonale è lungo 1.800 piedi (quasi 550 metri) e largo due corsie.

Nei prossimi giorni, le truppe statunitensi inizieranno a caricare le attrezzature su una grande nave comando militare per il trasporto marittimo. Gli strumenti includono pezzi di acciaio e piccoli rimorchiatori che aiutano a spostare i materiali sul posto.

Il carico probabilmente non inizierà prima della prossima settimana, quando la nave partirà per l'Oceano Atlantico con membri della 7a Forza di Trasporto. Alla missione parteciperanno anche diverse unità militari provenienti dagli Stati Uniti e dall’estero.

READ  Jordan ha citato in giudizio un ex procuratore senior nell'ufficio del procuratore distrettuale di Manhattan per il processo di impeachment di Trump.

Ryder ha detto che le truppe costruiranno una rotta marittima attraverso la quale le grandi navi potrebbero trasportare cibo e rifornimenti. Piccole navi militari trasporterebbero gli aiuti dalla nave galleggiante a una pista temporanea, che verrebbe poi messa a terra sulla riva.

Biden ha detto giovedì che nessuna forza americana sarà a Gaza per la missione, che potrebbe includere altri alleati, appaltatori e agenzie umanitarie.

Quali sono le sfide?

Una questione chiave è cosa Israele è disposto a fare per sostenere lo sforzo di aiuto.

I lanci aerei statunitensi sono stati una mossa insolita da parte dell’amministrazione Biden, che da mesi lancia un appello a Israele affinché aumenti gli aiuti a Gaza e fornisca accesso e sicurezza ai camion che trasportano rifornimenti.

Secondo Biden, il governo israeliano manterrà la sicurezza della nave e la proteggerà da eventuali attacchi di Hamas. Potrebbe anche essere necessario controllare la folla se i residenti tentano di attaccare la nave per ottenere il cibo tanto necessario.

Sebbene i funzionari affermino di non aver bisogno di sicurezza sulla rotta marittima verso Israele, hanno bisogno di alleati e navi private per fornire assistenza lungo la rotta marittima.

Non è inoltre chiaro chi scaricherà gli aiuti al molo e li porterà a terra.

Cosa stanno facendo i gruppi umanitari in altri paesi?

Il presidente di Cipro Nicos Christophoulits si è offerto mesi fa di utilizzare il porto del suo paese a Larnaca per una possibile rotta marittima per gli aiuti a Gaza, un viaggio di 230 miglia (370 chilometri). Cipro ha invitato funzionari di Israele, Stati Uniti e altri paesi europei a collaborare con agenti ciprioti per ispezionare tutte le spedizioni in modo che Hamas non potesse usare nulla contro Israele. L'offerta ha ricevuto un forte interesse da parte di americani, europei e altri, e ne è seguita una pianificazione ampliata.

READ  Kim Kardashian, Rihanna, Jay-Z sono le persone più ricche del mondo

Una nave che trasporta aiuti umanitari si sta preparando a lasciare Cipro per Gaza, ha detto venerdì la Commissione europea.

La nave, che appartiene al gruppo spagnolo Open Arms Assistance, effettuerà nei prossimi giorni un viaggio pilota per testare la rotta marittima. La nave è in attesa di approvazione a Larnaca per consegnare aiuti alimentari da World Central Kitchen, un ente di beneficenza americano fondato dal famoso chef José Andrés.

Youssef Al Otaiba, l'ambasciatore degli Emirati Arabi Uniti negli Stati Uniti, ha detto all'AP che il momento esatto della nave pilota via mare dipenderà dalle condizioni, ma ha detto che domenica sarà favorevole. Gli Emirati Arabi Uniti hanno finanziato l'operazione e hanno lavorato direttamente con gli israeliani per preparare la nave senza problemi, ha affermato.

La World Central Kitchen ha preparato una nave a Cipro con 200 tonnellate di riso, farina e proteine ​​che saranno presto pronte per andare a Gaza, e 500 tonnellate di aiuti sono a Cipro, pronte a seguire, ha detto in una nota la portavoce Chloe Matta Crane. .

___

La scrittrice dell'Associated Press Ellen Knickmeyer ha fornito questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *