mercoledì, 21 Ottobre, 2020

Designazioni: Viterbese – Bari affidata a Vigile, l’arbitro del rigore inesistente di Catania

Ci risiamo. Altro giro, altra corsa. Con gli appelli del presidente gialloblu Marco Arturo Romano che restano lettera morta.

Domenica a dirigere Viterbese – Bari è stato designato l’arbitro Mario Vigile di Cosenza (assistenti Francesco Santi di Prato e Dario Garzelli di Livorno). Che sarà certamente una giacchetta nera irreprensibile e qualificata – non lo mettiamo in dubbio -, il cui nome ai più non dirà nulla.

Però è un arbitro che poco più di un anno fa si rese protagonista di un episodio molto controverso sì danni della Viterbese: Vigile di Cosenza, infatti, è colui che concesse il rigore inesistente a favore dei padroni di casa in Catania – Viterbese del 15 settembre 2019. La palla, lo ricordiamo, in quell’occasione rimbalzò in faccia a Besea – in faccia!!! -, come fu chiaro a tutti da subito, ma il direttore di gara senza pensarci due volte decretò il penalty che condannò la Viterbese alla sconfitta.

Ora, è pur vero che nella stagione precedente il signor Vigile aveva arbitrato la Viterbese a Bisceglie senza che in quell’occasione accadessero episodi degni di nota. Ma è anche vero che in un momento così delicato, con la Viterbese che nelle prime tre giornate dell’attuale campionato è stata penalizzata da decisioni arbitrali “discutibili”, per usare un eufemismo, anche a seguito delle rimostranze del presidente Romano, una simile designazione sembra un vero e proprio schiaffo in faccia. Almeno per mera questione di opportunità, la situazione richiedeva maggiore riguardo.

È questo il rispetto, invocato dal presidente Romano, che Lega e Aia ritengono di portare alla Viterbese? Ai posteri l’ardua sentenza, con la speranza che fra qualche giorno non staremo di nuovo qui a parlare di errori della direzione di gara. Perché a pensare male si fa sì peccato, ma purtroppo qualche volta ci si azzecca pure.

DI Eleonora Celestini

Eleonora Celestini
“Giornalisti si nasce e io modestamente lo nacqui”: passione e vocazione hanno scelto per me il mio mestiere, io ho solo assecondato il tutto con una laurea in Scienze della comunicazione e tanta gavetta sul campo, specie in ambito sportivo. Ho collaborato per anni al Corriere di Viterbo e sono stata dal 2010 al 2015 responsabile dell’ufficio stampa della Provincia di Viterbo. Mi sono occupata della comunicazione della As Viterbese Castrense e ho lavorato come redattore a ViterboNews24. Oggi mi occupo dell'area comunicazione di Confartigianato Imprese di Viterbo. Approdo nella redazione e di CuoriGialloblu perché no, al cuor proprio non si comanda

Leggi anche

Il DPCM 13 ottobre riapre gli stadi, al Rocchi tornano i tifosi

Torna il pubblico sugli spalti del “Rocchi”. Per effetti del DPCM 13 ottobre varato ieri …