martedì, 21 Settembre, 2021

Di Viterbo orgoglio e vanto: Leonardo Bonucci e l’abbraccio della Curva Nord

Leonardo Bonucci e la Curva Nord. Una storia d’amore, di rispetto reciproco, di vicinanza.

Grande festa ieri a Viterbo: la città ha accolto il suo figlio prediletto, campione d’Europa con la nazionale azzurra nella notte magica di Wembley lo scorso 11 luglio. Consegnata dal sindaco Giovanni Arena l’onorificenza cittadina in Comune, con una cerimonia privata in consiglio comunale, Leonardo ha inaugurato il murales a lui dedicato sulla tangenziale – realizzato da Luca Oroni – e poi ha raccolto l’abbraccio dei mille viterbesi (di più non era possibile per le norme anti covid) sugli spalti del “Rocchi”. Un pomeriggio bello per il campione che porta Viterbo nel cuore e per la sua città che lo ama e lo sostiene da sempre.

Come i ragazzi della Curva Nord Vetus Urbs 1908, che fedeli alla mentalità ultras non sono entrati allo stadio, contrari alle restrizioni. Ma che hanno atteso Leo fuori dal “Rocchi” e hanno commissionato al bravissimo artista viterbese Michele Telari – su idea grafica di un tifoso stesso – un quadro che ritrae il campione d’Europa con lo sfondo del palazzo papale e dei simboli della città.

“Gli ultras della Nord non sono qui oggi, li rappresento io – ha detto Eleonora Celestini, giornalista e madrina dell’evento – e a loro nome ti consegno questa opera insieme a Michele Telari che l’ha realizzata. Gli ultras hanno la loro mentalità, per cui allo stadio si va senza restrizioni: sono qui fuori, hanno voluto esserci perché col cuore ci sono. Come ci sono stati sempre, anche durante l’Europeo quando ti hanno dedicato lo striscione ‘Bonucci orgoglio etrusco’ che tu Leonardo hai condiviso sui tuoi social”.

 

“Un’opera bellissima – ha commentato Bonucci, commosso da tanto affetto -, grazie a chi l’ha ideata e a chi l’ha fatta diventare realtà. Grazie ai ragazzi della Curva perché in qualsiasi situazione mi hanno sempre fatto sentire il loro appoggio. Ho grande rispetto per la loro mentalità, di quello che loro portano avanti. Mi ricordo tante volte che anche io sono andato in Curva quando non ero in questo campo e per me il calcio è la passione dei tifosi. Giocare un anno e mezzo senza tifosi è stato difficile, all’Europeo abbiamo avuto la possibilità di ricominciare e mi auguro sia soltanto l’inizio e di rivedere presto le curve piene, gli stadi pieni. E di goderci il calcio nella sua essenza più pura: la passione”.

Grazie Leonardo, Viterbo è con te.

 

DI Redazione

La Redazione di Cuorigialloblu si occupa della gestione degli articoli pubblicati dai propri Redattori, e presta attenzione a tutto quanto ruota attorno ai colori gialloblu

Leggi anche

Viterbese – Cesena, l’elenco dei gialloblu convocati

Sono 22 i calciatori convocati da mister Dal Canto per Viterbese – Cesena, gara valida …