Funzionario israeliano afferma che la descrizione di Biden dell’accordo di cessate il fuoco “non è accurata”

GERUSALEMME – L’interpretazione del presidente Joe Biden della proposta di cessate il fuoco di Israele “non era accurata”, ha detto a NBC News un alto funzionario israeliano, sollevando dubbi lunedì sulla posizione amichevole dell’America sull’accordo.

Biden ha detto in A Annuncio a sorpresa Venerdì ha illustrato una proposta di cessate il fuoco avanzata da Israele e trasmessa dai mediatori ad Hamas.

Ma con il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu che deve affrontare pressioni contrastanti – Washington e le famiglie di ostaggi da un lato e ministri di destra che minacciano di rovesciare il suo governo dall’altro – un alto funzionario israeliano ha messo in dubbio l’interpretazione di Biden dell’accordo di cessate il fuoco.

Ufficialmente, è particolarmente controverso il fatto che Israele abbia accettato il ritiro totale delle sue forze dalla Striscia di Gaza come parte di un accordo per la liberazione degli ostaggi.

“Israele non ha cambiato i suoi termini per raggiungere un cessate il fuoco permanente. “Ciò avverrà solo dopo che i nostri obiettivi, compresa la distruzione delle capacità militari e di governo di Hamas, saranno stati raggiunti”, ha detto il funzionario.

Il funzionario ha detto che mentre la Casa Bianca descriveva il piano come proveniente da Israele, in realtà si trattava di una proposta avanzata dai mediatori alla quale Israele aveva apportato revisioni e modifiche.

“È strano che dicano che è una proposta israeliana, mentre Israele deve accettarla”, ha detto il funzionario. Il funzionario ha aggiunto che Israele è in attesa di una risposta formale da parte di Hamas alla proposta.

Biden ha illustrato la proposta venerdì in un discorso alla Casa Bianca. Chip Somodevilla/Getty Images

Biden ha detto venerdì che il piano è stato inviato al gruppo militante attraverso il Qatar, che ha aiutato i negoziati per mesi.

READ  Mercato azionario oggi: aggiornamenti in tempo reale

Un portavoce di Hamas ha detto che il gruppo “vede positivamente” ciò che è stato incluso nel discorso di Biden. Il ministro degli Esteri egiziano Sameh Shogri ha ribadito lunedì che Hamas ha visto favorevolmente la proposta e ha detto che tutti aspettano una risposta da parte di Israele.

Biden ha detto che Israele ha presentato una “nuova proposta globale” che alla fine porterà a un cessate il fuoco permanente a Gaza.

Biden ha affermato che il piano in tre parti includerebbe il ritiro delle forze israeliane da tutte le aree popolate di Gaza dopo l’assalto del 7 ottobre guidato da Hamas e il rilascio di diversi ostaggi tenuti all’interno dell’enclave. La prima fase del piano prevede anche un cessate il fuoco completo per sei settimane.

“Non puoi contare i tuoi ostaggi finché non tornano a casa”

Il discorso di Biden ha messo Netanyahu sotto rinnovata pressione in patria e all’estero.

Due dei suoi ministri di destra hanno minacciato di ritirarsi dalla coalizione che lo mantiene al potere se accetterà un accordo di cessate il fuoco delineato da Biden. media israeliani segnalato lunedì Netanyahu dovrebbe incontrare il suo intransigente ministro della Sicurezza nazionale, Itamar Ben-Khiri, per la sua minaccia di lasciare il governo.

Allo stesso tempo, le famiglie degli ostaggi israeliani hanno intensificato le richieste affinché il governo raggiunga un accordo che consenta la liberazione dei loro cari.

Rachel Goldberg-Bolin, il cui figlio Hersh è detenuto a Gaza dal 7 ottobre, ha affermato che il piano delineato da Biden lunedì le ha dato speranza, ma è rimasta cauta.

“Non puoi abbracciare i tuoi ostaggi finché non sono a casa”, ha detto alla NBC News in un’intervista a Gerusalemme, aggiungendo: “Mi piace pensare che questo sia l’inizio della fine”.

READ  I Pacers sono caduti contro i Knicks in Gara 1 della loro serie di playoff NBA

Goldberg-Bolin ha criticato i funzionari del governo israeliano che hanno affermato che continuare la guerra è più importante che riportare a casa gli ostaggi rimasti. “Se credi che sia giusto continuare così, fermiamolo per cinque ore, lasciamo uscire quelle 125 persone, tu, tuo figlio, tua figlia, tua madre, tuo fratello, tua sorella, tuo nonno, tieni il bambino lì dentro e continuare la tua guerra con te. Le persone lì”, ha detto. “La nostra gente ha passato un periodo all’inferno per nove mesi.”

Anche l’amministrazione Biden ha continuato la sua campagna di pressione nel fine settimana.

Il ministro degli Esteri Antony Blinken ha parlato domenica scorsa con il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant e con il membro del gabinetto di guerra Benny Gantz, che hanno “lodato” Israele per il piano e hanno detto che ora spetta a Hamas accettarlo. Inviti emessi dal Dipartimento di Stato.

Un accordo di cessate il fuoco porterà il sollievo tanto necessario ai palestinesi di Gaza, dove l’operazione militare israeliana a Rafah ha costretto più di 1 milione di persone a fuggire dalla città meridionale, ha detto lunedì l’UNRWA, la principale agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi.

Le forze di difesa israeliane hanno affermato che le loro truppe stanno continuando “operazioni mirate basate sull’intelligence” a Rafah dopo essersi spinte più in profondità nella città nonostante gli avvertimenti degli Stati Uniti.

Sebbene Biden l’abbia definita una proposta israeliana, Netanyahu deve ancora rispondere pubblicamente e la posizione ufficiale del Paese non è stata immediatamente nota. NBC News ha contattato l’ufficio del primo ministro israeliano per chiarimenti.

Sabato il suo ufficio ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma che le condizioni poste da Israele per porre fine alla guerra non sono cambiate, affermando che un cessate il fuoco permanente sarebbe stato “inefficace” finché non si fossero incontrati.

READ  Putin ha presentato la guerra come una guerra per la sopravvivenza della Russia

Ma in un’intervista con il quotidiano britannico Sunday Times, Ofir Falk, principale consigliere di politica estera di Netanyahu, ha detto che Israele non ha rifiutato l’accordo. Falk ha detto che si trattava di “un accordo che abbiamo concordato: non è un buon accordo, ma vogliamo liberare gli ostaggi”.

Raf Sanchez ha riferito da Gerusalemme e Yulia Talmazan da Londra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *