Girone C, caso Matera bomba a orologeria? - Viterbese Calcio News- Cuori Gialloblu
domenica, 17 Febbraio, 2019
Ultime notizie
Girone C, caso Matera bomba a orologeria?

Girone C, caso Matera bomba a orologeria?

Il Matera ha deciso di rinunciare alla partita odierna di campionato, in programma con la Cavese. Lamberti, il presidente del club lucano, lo ha reso noto già ieri.

Scatterà dunque, in modo automatico, l’articolo 53 delle Noif che prevede l’esclusione dal torneo per i club che saltano quattro gare. Il nuovo regolamento varato in Consiglio federale che modifica l’articolo in questione, azzerando senza discrimine tra girone di andata e girone di ritorno tutti i risultati di un club escluso per qualsiasi ragione dal torneo di competenza, decorrerà però solo a partire dal 1 luglio 2019. Non ha carattere retroattivo.

Il punto è, quale sorte toccherà alle gare finora disputate dal Matera?

La risposta a questa domanda parte da una fondamentale premessa. In occasione del Consiglio federale è stato emesso un comunicato ufficiale di lampante chiarezza. Recita così: “tenuto conto della particolare sofferenza di alcuni casi di società di Lega Pro, il presidente Gravina ha chiesto e ottenuto delega per avviare l’iter a norma dell’articolo 16 delle Noif per la contestazione dell’affiliazione di Matera e Pro Piacenza”. In soldoni la norma comporta la perdita della matricola.

L’ingarbugliato caso Matera soggiace pertanto a una doppia norma federale. Quella sancita dall’articolo 53 Noif ancora in vigore (che discrimina la cancellazione dei risultati tra girone di andata e girone di ritorno) e quella sancita dall’articolo 16 Noif, comma 4, lettere c) e d)  per l’applicazione del quale Gravina ha avuto specifica delega dal Consiglio federale.

In quanto all’articolo 53 la questione ruota intorno a un preciso interrogativo: il girone di andata del raggruppamento meridionale si deve davvero ritenere concluso in modo regolare? Non sembrerebbe, in effetti.

In quanto al Matera, pesa l’ultima gara di andata messa in calendario. Ovvero quella giocata con la Reggina (persa per 0-6), nella quale è stata schierata la formazione Beretti. In quanto al girone preso nella sua interezza, per considerare definitivamente chiusa l’andata mancano ancora all’appello i sei recuperi della Viterbese. Vale a dire che, oltre al club gialloblù, altre sei squadre hanno una classifica monca. Si tratta di Siracusa, Monopoli, Virtus Francavilla, Cavese, Catania e Catanzaro.

La classifica del girone C è dunque attualmente falsata per due ragioni: 1) il girone di andata è ancora di fatto in corso; 2) la differenza reti è stata sballata dalle sei reti segnate dalla Reggina contro la formazione Berretti del Matera.

Un pasticciaccio brutto. Una situazione che si colloca al di fuori di ogni norma regolamentare sancita dalle Noif. Una patata bollente per la Figc, l’ennesima. 

Se il presidente Gravina applicherà il combinato degli articoli 16 e 53 delle Noif, per ridare credibilità a una classifica al momento falsata e per ripristinare la formazione della graduatoria alla luce delle norme federali in vigore, a nostro parere tutte le partite giocate dal Matera dovrebbero essere azzerate, non solo quelle del girone di ritorno.

Diversamente, si potrebbero aprire altri lunghi ed estenuanti contenziosi.

DI Sergio Mutolo

Sergio Mutolo
Innamorato da una vita dei colori gialloblù, prova a tenere viva in rete la "grande storia del club". Su Calciopress si dedica alle criticità del sistema calcio, con particolare attenzione alla Serie C, sempre schierato dalla parte dei tifosi.

Leggi anche

Radiazione Matera, stravolto il girone C?

Radiazione Matera, stravolto il girone C?

Nella giornata di mercoledì 6 febbraio il Matera potrebbe vedersi revocata l’affiliazione dal presidente della …