Gli spettacoli televisivi a tarda notte si stanno oscurando mentre gli scrittori scioperano per chiedere una paga migliore

NEW YORK (AP) – Il primo sciopero di Hollywood in 15 anni è iniziato martedì quando le pressioni economiche dell’era dello streaming hanno spinto gli sceneggiatori televisivi e cinematografici sindacalizzati a scioperare per una migliore retribuzione al di fuori degli studi principali, che già dominano la maggior parte degli spettacoli a tarda notte. Ritrasmettere.

“Nessun contratto, nessun contenuto!” I membri della Writers Guild of America che portavano il segno hanno cantato fuori da un edificio di Manhattan dove NBCUniversal stava annunciando il suo servizio di streaming Peacock agli inserzionisti.

Circa 11.500 scrittori cinematografici e televisivi rappresentati dal sindacato hanno abbandonato penne e laptop dopo aver fallito nel raggiungere un nuovo contratto con l’associazione di categoria che rappresenta gli studi e le società di produzione di Hollywood.

Il sindacato sta cercando richieste come un salario minimo più alto, più scrittori per spettacolo e contratti di esclusiva più brevi, che secondo lui non sono stati all’altezza del boom dei contenuti guidato dallo streaming.

“C’è troppo lavoro e non abbastanza paga”, ha detto il manifestante Sean Crespo, uno scrittore di 46 anni i cui crediti includono l’ex show della TBS “Full Frontal With Samantha Bee”.

A seconda della durata dello sciopero, la disputa di lavoro potrebbe avere un effetto a cascata sulla produzione televisiva e cinematografica, e i servizi di streaming sono sottoposti a crescenti pressioni da parte di Wall Street per mostrare la redditività.

Proprio come lo sciopero degli scrittori del 2007 è durato 100 giorni, la televisione di mezzanotte è stata la prima a sentirne le conseguenze.

Tutti i grandi spettacoli a tarda notte, gestiti da scrittori che scrivevano monologhi e barzellette per i loro ospiti, si sono oscurati immediatamente. “The Tonight Show” della NBC, “Daily Show” della Comedy Central, Jimmy Kimmel Live della ABC, “The Late Show” della CBS e “Late Night” della NBC sono stati tutti replicati per tutta la settimana.

READ  L'Ohio fa causa al Norfolk Southern per il deragliamento del treno della Palestina orientale

Il “Saturday Night Live” della NBC doveva mandare in onda un nuovo episodio sabato, e invece diventerà oscuro e verrà replicato.

“Tutti, me compreso, sperano che entrambe le parti raggiungano un accordo. Ma non credo che le richieste degli sceneggiatori siano irragionevoli”, ha detto lunedì il presentatore Stephen Colbert al “Late Show”.

“Questo paese deve molto ai sindacati”, ha detto Colbert. “I sindacati sono il motivo per cui abbiamo i fine settimana e il motivo per cui abbiamo i TGI Friday”.

Tra coloro che hanno protestato a New York martedì c’erano il drammaturgo Tony Kushner (“The Fablemans”) e il creatore di “Topsick” Danny Strong.

L’impatto dello sciopero sui serial e sui film sceneggiati richiederà più tempo per essere notato. Se lo sciopero dura tutta l’estate, i palinsesti televisivi autunnali potrebbero aumentare. Nel frattempo, coloro che hanno finalizzato le sceneggiature possono continuare le riprese.

Durante lo sciopero del 2007, i conduttori notturni alla fine sono tornati a trasmettere e hanno improvvisato la loro strada attraverso gli spettacoli. Il conduttore di “Stasera” Jay Leno ha fatto arrabbiare la leadership della WGA quando ha iniziato a scrivere i suoi monologhi.

Uno spettacolo a tarda notte non è mai buio. “Cutfeld!” di Fox News Fox ha detto martedì che continuerà a trasmettere nuovi episodi con Greg Gutfeld.

L’Alleanza dei produttori cinematografici e televisivi, che rappresenta studi e società di produzione, ha affermato che offrirà un “generoso aumento del compenso degli sceneggiatori e miglioramenti ai residui di streaming”.

L’associazione di categoria ha affermato in un comunicato di essere disposta ad aggiornare la sua offerta “ma non era disposta a farlo dato il numero di altre proposte ancora sul tavolo per le quali la Gilda continua a spingere”.

READ  Nomi di 11 vittime della sparatoria a Monterey Park

Una chiusura è stata ampiamente prevista per mesi. Il mese scorso gli scrittori hanno votato in modo schiacciante per approvare lo sciopero, con il 98% di supporto per i membri. Gli scrittori dicono che la loro paga non ha tenuto il passo con l’inflazione, le stanze degli scrittori televisivi si sono ridotte così tanto che il vecchio calcolo di come vengono pagati coloro che rimangono deve essere ridisegnato..

Lo streaming ha fatto esplodere il numero di serie e film prodotti ogni anno, il che significa maggiori opportunità di lavoro per gli scrittori. Ma gli scrittori dicono che stanno facendo meno di prima quando lavorano in condizioni più difficili. “Il comportamento delle aziende ha creato una gig economy all’interno di una forza lavoro sindacalizzata”, ha affermato la WGA.

Il sindacato chiede un compenso più elevato per gli scrittori avanzati. Questo perché molti pagatori che storicamente hanno tratto profitto dal back-end, come syndication e licenze internazionali, sono stati in gran parte eliminati dall’inizio dello streaming.

L’associazione di categoria degli studi ha dichiarato lunedì che i principali punti critici dell’accordo erano le cosiddette stanze piccole – la gilda cerca un numero minimo di scrittori per stanza dello scrittore – e la durata dei contratti di lavoro.

The Writers Guild afferma che gli scrittori hanno bisogno di maggiore flessibilità nella tempistica dei contratti per le serie di durata più breve rispetto alla stagione di trasmissione standard di oltre 20 episodi. Stanno anche cercando maggiori restrizioni sull’uso dell’intelligenza artificiale, che secondo gli scrittori potrebbe dare ai produttori una scorciatoia per porre fine al lavoro di uno scrittore WGA.

READ  Credit Suisse Bank: secondo quanto riferito, UBS è in trattative per l'acquisizione con un rivale in difficoltà

“Comprendi che la nostra lotta è la stessa che sta arrivando accanto al tuo campo professionale: sta svalutando lo sforzo umano, l’abilità e il talento a favore dell’automazione e dei profitti”, ha detto lo sceneggiatore e regista Justin Bateman.

Molti studi e società di produzione stanno tagliando i costi. La Walt Disney Company sta tagliando 7.000 posti di lavoro. La Warner Bros. Discovery sta tagliando i costi per ridurre il proprio debito. Netflix ha interrotto la crescita della spesa.

Con l’esodo a lungo atteso, gli scrittori si sono affrettati a far sì che le sceneggiature e gli studi si affrettassero a preparare le loro pipeline per sfornare contenuti per almeno un breve periodo di tempo. Ma la perdita per le economie locali potrebbe essere sostanziale. Si stima che Los Angeles abbia perso 2,1 miliardi di dollari di produzione economica durante l’ultimo sciopero.

David Zaslau, amministratore delegato di Warner Bros. Discovery, ha dichiarato il mese scorso che “presumiamo il peggio dal punto di vista commerciale”. “Siamo pronti. Abbiamo molti contenuti prodotti.

Anche le serie straniere possono riempire parte del vuoto. “Abbiamo un’enorme piattaforma di programmi e film in arrivo da tutto il mondo”, ha dichiarato il co-amministratore delegato di Netflix Ted Sarandos durante la chiamata sugli utili della società ad aprile.

Lo sciopero WGA potrebbe essere solo l’inizio. Entrambi i contratti Directors Guild of America e SAG-AFTRA scadono a giugno. Alcuni degli stessi problemi relativi al modello di business dello streaming influiranno su quelle sessioni di contrattazione.

Martedì l’Unione degli attori ha incoraggiato i suoi membri a unirsi allo sciopero degli scrittori in segno di solidarietà. ___

Aron Ranen e David Bauder hanno contribuito a questo rapporto.

___

Segui lo sceneggiatore di AP Jake Coyle su Twitter: http://twitter.com/jakecoyleAP

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *