Greta Thunberg, coinvolta nello sciopero delle miniere di carbone in Germania, è stata arrestata dalla polizia

Commento

BERLINO – La polizia in tenuta antisommossa nera si dimenava nel fango marrone scuro, lottando per rimuovere i piedi dal pantano. Mentre diversi agenti strisciano verso un campo erboso, un attivista per il clima con un grembiule marrone spinge un altro agente a terra, tra gli applausi della folla.

La scena, ripresa in video, è stata uno dei numerosi scontri tra manifestanti e forze di sicurezza nei giorni scorsi, quando le autorità hanno raso al suolo il villaggio di Lutzerath, nella Germania occidentale. Per espandere una miniera di carbone a cielo aperto.

L’attivista svedese per il clima Greta Thunberg, una delle centinaia di manifestanti che si sono recati nella zona per manifestare, è stata arrestata dalla polizia per la seconda volta martedì. Secondo tutti i villaggi rimanenti, un gruppo che lotta per demolire i villaggi per far posto alle miniere di carbone. Foto e video hanno mostrato Thunberg scortato dalla polizia.

Ma a partire da martedì era rimasto ben poco di Lutzerath e gli attivisti che occupavano i suoi edifici erano stati sfrattati, ha detto David Dresen, un residente della zona e attivista del gruppo. “Non c’è niente da salvare”, ha detto.

Il villaggio è diventato un simbolo del declino della Germania nei combustibili fossili quando la guerra in Ucraina ha interrotto le forniture di gas naturale a basso costo dalla Russia. Scavare carbone sotto Lützerath dimostra che la Germania non si preoccupa delle sue responsabilità climatiche e mette in luce l’ipocrisia della più grande economia europea, anche se fissa obiettivi rinnovabili, sostengono gli attivisti.

La Germania sta accendendo vecchie centrali a carbone, alimentando i timori che gli obiettivi climatici vadano in fumo

READ  Elon Musk afferma di aver trovato un nuovo CEO di Twitter

Nei giorni in cui il villaggio è stato in gran parte distrutto, gli attivisti hanno continuato le loro manifestazioni, cercando di bloccare le strade della miniera e arrampicandosi sui suoi enormi escavatori per impedirne l’uso.

“Messaggio: non si tratta di Lutzerath; Non lo è mai stato”, ha detto Dressen. “Riguarda il carbone. Sebbene Lützerath sia caduta, stiamo ancora cercando di chiudere la miniera.

La miniera Garzweiler II, gestita dalla società energetica RWE, estrae 25 milioni di tonnellate di lignite all’anno. Decine di migliaia di residenti sono stati sfollati a causa degli scavi.

“La Germania ora si mette in imbarazzo” Thunberg ha detto ai giornalisti fine settimana. “Penso che sia assolutamente ridicolo che ciò accada nel 2023”.

La demolizione è continuata nonostante l’impegno della Germania di eliminare gradualmente il carbone entro il 2030, otto anni prima del previsto. In un accordo con il governo dello scorso anno, RWE è stata autorizzata a scavare sotto Lützerath, ma ha accettato di non demolire altri cinque villaggi e di interrompere anticipatamente l’attività mineraria.

Alcuni attivisti per il clima si sono accampati nel villaggio per più di due anni, occupando la fattoria del XVIII secolo e i suoi annessi dopo che l’ultimo contadino se n’è andato.

Ma dopo che i tribunali hanno confermato che la terra è stata legalmente trasferita a RWE e gli attivisti se ne sono andati, La polizia ha iniziato a sgomberare l’area La settimana scorsa, i manifestanti sono stati tirati fuori dagli edifici e le loro case di legno sono state rimosse.

Altri attivisti, tra cui Dunberg, sono arrivati ​​durante il fine settimana per sostenere lo sforzo di resistenza.

READ  Papa Francesco ha rimosso il tessuto cicatriziale e riparato un'ernia durante un intervento chirurgico addominale di 3 ore

Gli attivisti hanno accusato la polizia di usare una forza eccessiva per disperdere le loro manifestazioni. Un video Ha mostrato il testimone alla polizia Accusa contro i manifestanti.

Il ministro degli interni della Renania settentrionale-Vestfalia, Herbert Riuhl, ha dichiarato a un talk show del fine settimana di ritenere che le forze di polizia fossero “altamente professionali”, ma che le accuse di uso eccessivo della forza da parte della polizia sarebbero state indagate.

“Il cuore del conflitto a Lutserath non è tra il ministro degli interni e gli attivisti, ma tra la società e la distruzione dei fossili”, ha twittato. Venerdì per la futura attivista Louisa Neubauer. “I conflitti climatici non si risolvono con la polizia o criminalizzando determinati cittadini. Si risolvono con la rapida ed equa attuazione delle promesse sul clima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *