Guerra in Ucraina: due navi d'assalto anfibie russe attaccano la Crimea, dicono i funzionari

  • Di James Gregory e Pauline Colla
  • notizie della BBC

didascalia dell'immagine,

Il sindaco di Kiev ha detto ai residenti di non lasciare i rifugi

L'Ucraina afferma di aver colpito due mezzi da sbarco, un centro di comunicazione e altre infrastrutture utilizzate dalla flotta russa del Mar Nero nell'annessa Crimea.

L'annuncio dei funzionari pubblici ucraini afferma che le navi Yamal e Azov sono state distrutte.

Il governatore del porto di Sebastopoli, residente in Russia, ha detto che 10 missili ucraini sono stati abbattuti.

La Russia ha lanciato attacchi missilistici e droni sulla capitale Kiev e sulla regione di Lviv domenica mattina presto.

Quando l'attacco è iniziato alle 05:00 (03:00 GMT), i residenti di Kiev si sono rifugiati nelle stazioni della metropolitana.

I funzionari hanno detto che le loro forze di sicurezza hanno abbattuto lì 18 missili russi e 25 droni. Sono stati fatti solo lievi danni.

Circa 20 missili russi e sette droni hanno preso di mira “infrastrutture critiche” nella parte occidentale di Leopoli. Non è stato fatto alcun danno.

Un missile da crociera è entrato nello spazio aereo della vicina Polonia, membro della NATO, hanno riferito le forze armate.

“L'oggetto è entrato nello spazio aereo polacco vicino alla città di Osartow e vi è rimasto per 39 secondi. Durante l'intero volo è stato seguito dai sistemi radar militari”, hanno riferito in un comunicato le forze armate.

Nell'attacco ucraino sono stati distrutti un edificio per uffici e un gasdotto e una donna è rimasta leggermente ferita, ha detto in una nota il sindaco di Sebastopoli nominato dalla Russia, Mikhail Rasvozhayev.

Non è chiaro se si riferisse allo stesso attacco contro i dipendenti pubblici ucraini.

La BBC non è stata in grado di verificare l’affermazione ucraina secondo cui sarebbero stati danneggiati i mezzi da sbarco russi, utilizzati per sbarcare truppe ed equipaggiamenti direttamente a terra senza la necessità di una nave o di un molo.

didascalia dell'immagine,

Parti di un missile da crociera sono atterrate in un parco a Kew

La Russia ha annesso la Crimea nel 2014 e ha lanciato un’invasione su vasta scala dell’Ucraina nel febbraio 2022.

Gli attacchi aerei di entrambe le parti si sono intensificati negli ultimi giorni mentre la Russia ha fatto lenti progressi nella riconquista di parti dell’est del paese.

E l’Ucraina continua ad attaccare obiettivi in ​​Crimea.

In particolare, l'Ucraina ha ripetutamente attaccato la flotta del Mar Nero, considerata la migliore della flotta russa. Le immagini satellitari hanno mostrato diverse navi da guerra con sede in Crimea che lasciavano la penisola per il porto russo di Novorossijsk sul Mar Nero l’anno scorso.

Il mese scorso, le forze armate ucraine hanno riferito che la nave d'assalto anfibia russa Caesar Kunikov era affondata al largo della costa della Crimea.

La sua nave gemella Novocherkassk è stata attaccata nel dicembre dello scorso anno mentre si trovava nel porto di Feodosiya.

Lo scorso settembre, l’Ucraina ha utilizzato 10 missili e tre droni per attaccare obiettivi navali e infrastrutture portuali in uno dei più grandi attacchi alla flotta del Mar Nero. Ciò ha provocato un grave incendio nel cantiere navale di Sebastopoli.

Il più grande scalpo dell’Ucraina nella guerra navale è stato l’affondamento dell’ammiraglia missilistica russa Moskva nel Mar Nero nell’aprile 2022.

L'Ucraina ha ripetutamente preso di mira il ponte di Kerch in quanto è un'importante via di rifornimento per le forze russe che occupano parti del sud del paese.

Kiev ha ripetutamente affermato che intende recuperare la Crimea e tutti i territori conquistati dalla Russia.

L’Ucraina dipende in modo critico dalle forniture di armi degli Stati Uniti e di altri alleati occidentali per continuare la guerra con la Russia, una forza militare molto più grande con grandi quantità di armi e artiglieria.

Oltre ad essere una base per attaccare l’Ucraina, la flotta del Mar Nero è un simbolo chiave della secolare presenza militare della Russia.

Aveva sede in Crimea in base ad un contratto di locazione prima che la Russia annettesse illegalmente la penisola.

Il presidente Vladimir Putin ha affermato che la Russia deve mantenere la Crimea sotto il suo controllo per evitare che cada nelle mani dell’Occidente.

READ  Justin Verlander vince sui Marlins entrando nella lista degli infortunati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *