I leader del GOP della Camera esortano il procuratore distrettuale di Manhattan Bragg a testimoniare all’udienza di Trump

WASHINGTON – I leader del comitato repubblicano delle tre Camere hanno inviato lunedì una lettera al procuratore distrettuale di Manhattan Alvin Brock chiedendogli di testimoniare davanti al Congresso su eventuali accuse nell’indagine di riciclaggio di denaro del pubblico ministero sull’ex presidente Donald Trump, affermando che si trattava “chiaramente di una decisione dell’accusa politicamente motivata .”

“L’accusa contro l’ex presidente degli Stati Uniti e attuale candidato dichiarato a quella carica: stai commettendo un abuso senza precedenti del potere dell’accusa”, si legge nella lettera.

Viene prima di un verdetto in sospeso del gran giurì di New York nel caso.

“Questo atto d’accusa è ciò che il tuo ufficio ha cercato per anni – su qualsiasi base – per sporgere denuncia, e finalmente risolve una nuova teoria legale che non è stata testata da nessuna parte nel paese e che le autorità federali si sono rifiutate di perseguire”, hanno continuato i legislatori del GOP. . “Se queste affermazioni sono accurate, le tue azioni mineranno la fiducia nell’eguale applicazione della giustizia e interferiranno irrevocabilmente con il corso delle elezioni presidenziali del 2024”.

La lettera è stata firmata dal presidente della commissione giudiziaria della Camera Jim Jordan, R-Ohio; Il presidente del comitato di sorveglianza della Camera James Comer, R-Ky. e il presidente del comitato amministrativo della Camera Brian Steele, R-Wis.

La lettera non è un mandato di comparizione, ma segna la prima azione investigativa dei gruppi dopo che il presidente della Camera Kevin McCarthy, R-Calif., Ha promesso di indagare sulle persone che hanno interrogato Trump.

I leader del GOP hanno sostenuto che il “testimone principale” di Bragg è l’ex avvocato di Trump Michael Cohen, che secondo loro ha un “serio problema di credibilità”. Hanno chiesto a Bragg di condividere le comunicazioni tra il suo ufficio e il Dipartimento di Giustizia dal gennaio 2017 e altri documenti relativi a Trump. I leader hanno chiesto a Bragg di testimoniare “su queste questioni il prima possibile” in un’intervista sulla trascrizione, e ha chiesto al personale del team di documenti e comunicazioni di programmare la sua intervista dopo le 10 di giovedì.

READ  Gli avvocati di Trump chiedono al giudice di considerare i tempi della campagna nel caso dei documenti

Un portavoce dell’ufficio del procuratore distrettuale ha risposto alla lettera lunedì, dicendo: “Non ci faremo intimidire dai tentativi di minare il processo giudiziario, né permetteremo che accuse infondate ci dissuadano dall’applicare la legge in modo equo”.

“In ogni caso, seguiamo la legge senza paura o favore per far emergere la verità. I ​​nostri avvocati qualificati, onesti e dedicati lavorano sodo”, ha aggiunto il portavoce.

La richiesta della testimonianza di Bragg arriva dopo che Trump ha indicato sabato che “fughe di notizie illegali” avrebbero portato al suo arresto martedì. Nei post sul suo sito di social media, Truth Social, Trump ha fatto riferimento a rapporti secondo cui potrebbe presto affrontare accuse penali a New York relative ai pagamenti alla star del cinema per adulti Stormi Daniels.

Trump non ha detto È stato informato dalle forze dell’ordine dell’imminente atto d’accusa di sabato? Il portavoce di Trump in seguito ha chiarito in una dichiarazione che non aveva “alcun avviso oltre a fughe di notizie illegali dal Dipartimento di Giustizia e dall’ufficio del procuratore distrettuale alla NBC” e ad altre testate giornalistiche.

NBC News ha riferito venerdì che le forze dell’ordine si stavano preparando ad incriminare Trump all’inizio di questa settimana.

Il gran giurì deve ancora restituire un atto d’accusa poiché i suoi membri hanno ascoltato lunedì la testimonianza dell’avvocato Robert “Bob” Costello, ex consulente legale dell’ex avvocato di lunga data di Trump, Michael Cohen.

Durante il fine settimana, i repubblicani del Congresso hanno espresso sostegno a Trump in vista di una possibile decisione del gran giurì. In un ritiro della conferenza House GOP a Orlando, in Florida, McCarthy ha difeso Trump in pieno, ha respinto le indagini di Bragg come motivate politicamente e ha detto che il procuratore generale non era interessato a frenare l’aumento della criminalità a New York City.

READ  Summer Game Fest 2023: tutto annunciato

McCarthy, tuttavia, ha chiesto silenzio e ha esortato gli americani a non protestare se l’ex presidente fosse stato incriminato e arrestato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *