I manifestanti israeliani inscenano la “giornata dell’interruzione” contro la controversa revisione giudiziaria


Gerusalemme
Cnn

Decine di migliaia di manifestanti sono scesi in piazza martedì in Israele nella più grande protesta di una settimana da mesi contro le rinnovate mosse del governo. Il sistema giudiziario del paese dovrebbe essere riformato.

Hanno interrotto il traffico a Tel Aviv, causato il caos all’aeroporto Ben Gurion, marciato verso la Corte Suprema di Gerusalemme e costeggiato le spiagge del Mediterraneo.

Foto e video rilasciati dalla polizia israeliana di manifestanti nelle strade delle città di tutto il paese, tra cui Haifa, Petach Tikva, Be’er Sheva, Hod Hasharon e altrove. Almeno 66 persone sono state arrestate entro le 14:50 ora locale (7:50 ET), sette delle quali erano già state rilasciate, ha dichiarato la polizia israeliana in un comunicato.

Lunedì i legislatori hanno votato per privare la Corte Suprema del suo potere di dichiarare “irragionevoli” le azioni del governo nella prima delle tre votazioni necessarie affinché il controverso disegno di legge diventi legge.

Ronen Zvulun/Reuters

Membri delle forze di sicurezza rimuovono un manifestante che blocca l’autostrada che porta a Gerusalemme.

Il disegno di legge fa parte di una serie di riforme giudiziarie volte a indebolire la magistratura. Il primo ministro Benjamin Netanyahu ei suoi alleati definiscono le misure “riforme” e affermano che dovrebbero riequilibrare i poteri tra i tribunali, i legislatori e il governo. Ma gli oppositori del piano affermano che minaccia di trasformare Israele in una dittatura rimuovendo un controllo vitale sulle operazioni del governo.

Massicce proteste contro l’agenda si sono svolte nel paese dall’inizio di quest’anno. Netanyahu ha sospeso il processo legislativo a marzo a seguito di uno sciopero generale senza precedenti che ha bloccato gran parte dell’economia israeliana. Il voto di lunedì segna la fine di quella moratoria.

READ  Mercato azionario oggi: aggiornamenti in tempo reale

Una grande protesta si sta svolgendo nelle città di tutto Israele, l’ultima di una serie di manifestazioni contro la revisione giudiziaria che durano mesi e sconvolgono la vita nel paese.

Gli organizzatori hanno dichiarato di aver bloccato l’autostrada Ayalon, la via principale di Tel Aviv, martedì, e hanno promesso che la polizia non sarebbe stata in grado di rimuoverla a causa del numero di manifestanti.

Un fotografo del quotidiano israeliano Haaretz è stato spinto a terra prima di essere portato via dalla polizia durante una protesta ad Haifa, nel nord di Israele, martedì mattina, come mostra il video della scena.

Il video lo mostra mentre dice alla polizia che lavora per Haaretz, uno dei giornali più popolari di Israele. Haaretz ha twittato il video e ha detto che il fotografo è stato aggredito dalla polizia, arrestato e rilasciato pochi istanti dopo.

Si sentivano i manifestanti intorno a lui cantare “vergogna” – un canto comune nelle proteste anti-riforma – mentre veniva portato via. La polizia israeliana ha detto che il fotografo ha bloccato una strada, “si è comportato in modo dirompente” e ha spinto gli agenti di polizia prima di essere preso in custodia.

Ha “gridato e turbato. Di conseguenza, è stato spinto verso il marciapiede. In risposta, il giornalista ha respinto le forze dell’ordine, che hanno dovuto usare la forza per rimuoverlo dalla scena. Notiamo che è stato rilasciato immediatamente”, ha detto in una nota il dipartimento del portavoce della polizia israeliana.

Ronen Zvulun/Reuters

Le proteste sono scoppiate durante tutto l’anno in Israele contro i piani.

A marzo, tra scioperi e proteste diffusi e la crescente pressione internazionale, Netanyahu è stato costretto a ritirarsi dai suoi controversi piani di revisione della magistratura del Paese.

READ  Aquile contro 49ers Live: punteggio del campionato NFC e aggiornamenti

Quel ritardo è seguito a uno sciopero generale senza precedenti che ha chiuso trasporti, università, ristoranti e rivenditori. Netanyahu ha anche affrontato rare espressioni di preoccupazione per i suoi piani da alleati chiave, inclusi gli Stati Uniti.

Ma Netanyahu non ha abbandonato l’ordine del giorno, l’ha solo rimandato a una futura sessione della Knesset. Ora è tornato alla controversa impresa, suscitando indignazione nel Paese.

La Knesset ha votato lunedì sera per introdurre un disegno di legge che priverebbe la Corte Suprema del suo potere di dichiarare ingiuste le decisioni del governo: il primo dei tre voti necessari affinché il disegno di legge diventi legge. Il secondo e il terzo sono previsti per il 24 luglio.

Se passa quei voti, diventerà il primo pezzo a diventare legge.

La riforma giudiziaria è un insieme di progetti di legge che, in sostanza, darebbero al parlamento israeliano, alla Knesset e ai partiti al potere un maggiore controllo sulla magistratura israeliana.

Da come vengono eletti i giudici a quali leggi decide la Corte Suprema, i cambiamenti rifletteranno una scossa storica della magistratura israeliana.

L’aspetto più controverso delle modifiche proposte da Netanyahu il mese scorso – una disposizione che consentirebbe all’assemblea nazionale, la Knesset, di ribaltare le sentenze della Corte Suprema – Abbandonato e non può essere restituito.

Ma anche se quell’elemento non ritorna, il pacchetto contiene ancora una serie di modifiche controverse, inclusa la modifica della composizione del collegio che elegge i giudici in modo che il governo del giorno abbia un controllo effettivo; rimozione di consulenti legali indipendenti dai ministeri del governo – le cui decisioni sono vincolanti; e ha privato la Corte Suprema del suo potere di dichiarare “ingiuste” le decisioni del governo.

READ  La Fed alzerà i tassi, segnalando una pausa nella lotta inflazionistica

Maya Allerusso/AP

Netanyahu ha sostenuto che la Corte Suprema non rappresenta il popolo israeliano.

Israele non ha una costituzione scritta, solo un insieme semi-costituzionale di leggi fondamentali e nessun controllo sul potere della Knesset. Tranne la Corte Suprema.

Netanyahu ei suoi sostenitori hanno sostenuto che la Corte Suprema è diventata un organo isolato ed elitario che non rappresenta il popolo israeliano. Hanno sostenuto che la Corte Suprema aveva oltrepassato il suo ruolo e si era addentrata in questioni che non avrebbe dovuto giudicare.

I critici hanno detto che Netanyahu stava spingendo avanti il ​​cambiamento a causa della sua stessa indagine sulla corruzione, dove deve affrontare accuse di frode, corruzione e abuso di fiducia. Nega ogni addebito.

I suoi detrattori hanno affermato che la revisione inizialmente proposta sarebbe andata troppo oltre e avrebbe completamente distrutto l’unico modo per fornire controlli ed equilibri al ramo legislativo israeliano.

Netanyahu ha sostenuto i piani di riforma, Lo racconta Fareed Zakaria della CNN Ad aprile, “la grande sfida è riportarla all’equilibrio accettato nella maggior parte delle democrazie, senza andare dalla parte della rimozione effettiva dei controlli e degli equilibri sul potere della maggioranza”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *