Il cartello “AIUTO” dei naufraghi del Pacifico spinge gli Stati Uniti a una missione di salvataggio e a un inaspettato ricongiungimento familiare



CNN

Martedì un'operazione della Marina e della Guardia Costiera degli Stati Uniti ha salvato tre marinai bloccati su una piccola isola dell'Oceano Pacifico per più di una settimana dopo che il trio aveva usato fronde di palma sparse su una spiaggia di sabbia bianca per cantare “aiuto”.

La missione si trasformò inaspettatamente in una riunione di famiglia.

Secondo i funzionari della Guardia Costiera degli Stati Uniti, i tre uomini stavano progettando di andare a pescare nelle acque intorno all'atollo di Byklot, parte della Micronesia, il 31 marzo quando la loro barca aperta da 20 piedi è rimasta intrappolata in un moto ondoso e ha danneggiato il motore fuoribordo.

Sono corsi a riva in un parcheggio disabitato per biciclette, ma la batteria della loro radio si è scaricata prima che potessero chiedere aiuto.

Così hanno raccolto le fronde di palma dall'isola di 31 acri, si sono preparati a gridare “AIUTO” sulla spiaggia e hanno aspettato, secondo una dichiarazione della Guardia Costiera.

I nomi degli uomini bloccati non sono stati rilasciati dalla Guardia Costiera, e i tentativi della CNN di contattare i loro parenti non hanno ricevuto risposta.

Per una settimana, gli uomini hanno vissuto mangiando carne di cocco, ma avevano acqua dolce da un piccolo pozzo sull'isola, che a volte viene visitato dai pescatori della zona, hanno detto i funzionari della Guardia Costiera.

Dai un'occhiata a questo contenuto interattivo su CNN.com

La ricerca degli uomini è iniziata il 6 aprile, quando uno dei loro parenti ha chiamato i soccorritori nel territorio di Guam, nel Pacifico americano, e ha detto che non erano tornati all'atollo di Polowat, a 100 miglia di distanza, dove il trio aveva iniziato il viaggio. Domenica di Pasqua.

READ  MTV News chiude mentre la Paramount taglia la forza lavoro negli Stati Uniti

È difficile sopravvalutare quanto sia remoto Piklelot. L'isola fa parte degli Stati Federati di Micronesia, una nazione del Pacifico tra le Filippine e le Hawaii, composta da più di 600 isole sparse su un oceano di circa 2,5 milioni di chilometri quadrati.

Un aereo da ricognizione P-8A della Marina statunitense inviato dalla base aerea di Kadena a Okinawa, in Giappone, ha avvistato un cartello con la scritta “AIUTO” di una fronda di palma sulla spiaggia il 7 aprile, ha detto la Guardia Costiera.

Il coordinatore della ricerca e del salvataggio, il tenente Chelsea Garcia, ha detto il giorno in cui è stato trovato il trio che l'identificazione era “fondamentale” per trovarli in un'area di ricerca di oltre 103.000 miglia quadrate.

“Questa mossa intelligente è stata fondamentale per indirizzare gli sforzi di salvataggio direttamente sulla loro posizione”, ha detto Garcia in una nota.

Un jet della Marina ha lanciato kit di sopravvivenza sui tre uomini e ha comunicato la loro posizione a un centro di soccorso.

Maestro Sergente. Richard Ebensberger/Manuale/Guardia costiera statunitense

L'isola di Paiklot è vista in una foto scattata dal volo Hawaii Air National Guard 2020 durante un'operazione di ricerca.

Il giorno dopo, un HC-130 della guardia costiera in volo dalla stazione aerea Barbers Point, Hawaii, diede agli uomini una radio.

Quando il cutter della Guardia Costiera Oliver Henry raggiunse Bigelot il 9 aprile, la storia prese un'altra svolta.

Uno dei primi ad essere salvato a terra fu il sottufficiale di 2a classe Eugene Halishlius. Le persone bloccate furono sorprese nello scoprire che Halishlius era della Micronesia e parlava la lingua locale.

READ  Jenna Ellis: L'ex avvocato di Trump ammette che i rapporti sulle elezioni del 2020 erano falsi e censurati dal giudice

Micronesia della guardia costiera americana

Il sottufficiale della costa statunitense di seconda classe Eugene Halishlius è originario della Micronesia.

“Ho potuto leggere nei loro volti, 'Whoa! Chi sta tirando su questo ragazzo che parla la nostra lingua?'” Ha detto Halishlius alla CNN in un'intervista con Oliver Henry, che era in mare dopo aver lasciato gli uomini a Polovat giovedì.

Quando dà il suo nome al primo degli incagliati che ha raggiunto la scialuppa di salvataggio, Castware rimane sbalordito: sono parenti.

“È un mondo pazzesco, e in realtà ho scoperto di essere imparentato con loro!” Ha detto Halishlius.

“Non poteva credere che stessi cercando di salvarli con la Guardia Costiera.”

La persona è un cugino di terzo grado e gli altri sono cugini di quarto grado, ha detto.

Sorprendentemente, questo non è il primo salvataggio di persone che sono state gettate fuori dal parcheggio delle biciclette.

Nel 2020 altri tre uomini hanno viaggiato tra i due atolli della Micronesia L'hanno trovato laggiù Dopo che la loro barca ha finito il carburante durante il viaggio.

Il trio ha gridato “SOS” sulla spiaggia, che è stata avvistata dall'equipaggio di una nave cisterna dell'aeronautica americana che operava dalla base aeronautica di Anderson a Guam, spingendo le unità della guardia costiera, della Micronesia e della marina australiana a ricevere personale. dall'isola.

Come è possibile che ciò accada due volte sulla stessa isola in quattro anni?

“Potrebbe essere accidentale”, ha detto Sarah Muir, responsabile delle relazioni pubbliche della Guardia costiera statunitense della Micronesia.

“I micronesiani visitano spesso l'isola, e lo fanno con abilità ed esperienza”, ha detto.

READ  Le azioni di TSMC sono scese di quasi il 7% a Taipei a causa delle preoccupazioni sulle prospettive globali dei chip

Ma gli incidenti accadono di tanto in tanto. Quindi ci saranno incontri familiari inaspettati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *