Il CEO di TikTok testimonia sugli aggiornamenti di Capitol Hill:

Di fronte a domande su presunte azioni dannose stimolate dai post di TikTok, Chew ha affermato di sostenere le continue protezioni di responsabilità per le piattaforme di social media come mezzo per proteggere la libertà di parola.

La protezione della responsabilità stabilita nella Sezione 230 del Communications Decency Act del 1996 protegge i siti di social media e altre piattaforme dalla responsabilità legale che potrebbe derivare dai contenuti pubblicati dagli utenti.

“[Section] 230 è molto importante per la libertà di espressione su Internet”, ha affermato Chew. “Questo è uno dei nostri impegni nei confronti di questo team e dei nostri utenti”.

“Penso che sia importante preservarlo”, ha detto.


Ore prima che Chew iniziasse la testimonianza giovedì, il Wall Street Journal ha riferito che la Cina ha affermato che la vendita di TikTok da parte della società madre cinese ByteDance richiederebbe l’approvazione del governo cinese.

All’udienza, i legislatori hanno chiesto informazioni sulla relazione di Chiv.

“Contrariamente alle tue assicurazioni, la Cina pensa certamente di avere il controllo di TikTok e del suo software”, ha affermato il rappresentante Michael Burgess, R-Texas. “Non è vero?”

Chew ha risposto: “TikTok non è disponibile nella Cina continentale e oggi abbiamo sede a Los Angeles e Singapore”.

“Non sto dicendo che i fondatori di Byte Dance non siano cinesi, e non sto dicendo che non impieghiamo dipendenti cinesi come molte aziende in tutto il mondo”, ha aggiunto.


In uno scambio iniziale, Chew ha dovuto affrontare ripetute domande sulla relazione di TikTok con il governo cinese e sulla sua presunta censura dei contenuti per suo conto.

Il rappresentante McMorris Rodgers ha chiesto a Chew di un processo chiamato “contenuto caldo”, in cui un sito di social media promuove o valuta i post che appaiono sulla sua piattaforma.

READ  Aggiornamenti in tempo reale sull'Ucraina: la Russia distrugge i carri armati ucraini

“Nelle tue posizioni attuali o precedenti presso aziende cinesi, i dipendenti sono stati coinvolti nel marketing di contenuti per utenti al di fuori della Cina?” chiese McMorris Rodgers.

“Il nostro processo di riscaldamento è stato riconosciuto dai nostri gruppi locali in vari paesi”, ha risposto Chew, aggiungendo che sono attualmente in uso contenuti controversi come i post sul massacro di piazza Tiananmen del 1989.

McMorris dubita della veridicità dell’affermazione di Rodgers: “Ti ricordo che è un crimine federale fare dichiarazioni false o fuorvianti al Congresso”.


Chew ha affrontato le preoccupazioni dei legislatori sulla protezione dei dati e la gestione dei contenuti nelle osservazioni di apertura, sottolineando le misure che l’azienda ha adottato per proteggere i dati degli utenti.

Chew ha detto di Project Texas, uno sforzo continuo che secondo lui manterrà tutti i dati sugli utenti statunitensi all’interno del paese, collaborando con la società di cloud computing Oracle con sede ad Austin.

“La fede riguarda le azioni che intraprendiamo”, ha detto Chew. “Proteggeremo i dati degli Stati Uniti da accessi stranieri indesiderati attraverso i firewall”.

“TikTok sarà un luogo di libera espressione e non sarà manipolato da nessun governo”, ha aggiunto.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *