Il cosmo pulsa di onde gravitazionali, hanno scoperto gli astronomi

Marcel Soares-Santos, un astrofisico dell’Università del Michigan che non è stato coinvolto nel lavoro, ha riconosciuto che i risultati sono affascinanti, anche se si tratta di prove iniziali. “Questo è qualcosa che la comunità attendeva da un po’”, ha detto, aggiungendo che le misurazioni indipendenti di altre collaborazioni sulla temporizzazione delle pulsar hanno rafforzato i risultati.

Ciò nonostante il dott. Soares-Santos afferma che è troppo presto per dire quale impatto avrà lo sfondo delle onde gravitazionali sulla ricerca futura. Come credono molti collaboratori di NANOGrav, questo segnale è in realtà una spirale interna molto lenta, che aumenterà la comprensione da parte degli scienziati di come le prime galassie si fondessero per formare sistemi sempre più grandi di stelle e polvere che alla fine si depositarono nel complesso. Strutture viste oggi.

Ma se le increspature hanno avuto origine con il Big Bang, potrebbero invece fornire informazioni sulla natura dell’espansione dell’universo o della materia oscura – la colla invisibile che gli scienziati pensano tenga insieme l’universo – e persino rivelare nuove particelle o forze che esistevano una volta. (Gli esperti notano che lo sfondo delle onde gravitazionali può provenire da più fonti, nel qual caso la sfida è scoprire quanto viene da dove.)

Il team di NANOGrav sta già lavorando all’analisi di tutti i dati delle collaborazioni sulle onde gravitazionali in tutto il mondo, il che equivale a circa 25 anni di misurazioni da 115 pulsar. Questi risultati saranno pubblicati entro un anno, ha affermato il Dr. Siemens, e si aspetta che superino il livello di scoperta 5-sigma.

Ma potrebbero volerci ancora alcuni anni per confermare l’origine del fondo di onde gravitazionali. I ricercatori stanno già iniziando a utilizzare i loro dati per mettere insieme le mappe dell’universo e cercare intense regioni vicine di segnali di onde gravitazionali che potrebbero indicare un binario unico di super buco nero. È qui che inizia il divertimento, ha affermato il dottor Mingarelli, che analizza quelle mappe per cercare fenomeni più esotici come getti interstellari, stringhe cosmiche o wormhole.

READ  Beni di Trump: il procuratore generale di New York intraprende un’azione iniziale per sequestrare i beni

“Questo potrebbe portare a qualcosa di veramente sorprendente”, ha detto il dott. Soares-Santos, paragonandolo alla scoperta del fondo cosmico a microonde negli anni ’60, che ha cambiato la conoscenza dei fisici dell’universo primordiale. “Non sappiamo ancora quale impatto avrà, ma sarà sicuramente un nuovo capitolo nel libro delle onde gravitazionali. Sembra che stiamo guardando scrivere questo libro.

Overbuy di tennis Rapporto contribuito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *