Il governo libanese non è d’accordo sull’ora legale in due diversi fusi orari

  • Per la prima volta, milioni di persone in un piccolo Paese si spostano improvvisamente tra due diversi fusi orari a causa dei disaccordi tra le autorità politiche e religiose libanesi.
  • Ciò ha causato caos e confusione negli aeroporti, nelle aziende e nelle persone in tutto il Libano.
  • “È un film completamente stupido e stupido”, ha detto un economista libanese.

Vista aerea della zona costiera del distretto di Manara vicino a Beirut.

Billwander | Belle foto

Nessuno sa che ore sono in Libano.

Domenica, la nazione mediterranea di circa 6 milioni di persone doveva tornare indietro di un’ora per l’ora legale, come fa ogni anno insieme alla regione più ampia e a gran parte dell’Europa.

Ma questa volta c’è stata resistenza all’ultimo momento.

Il Ramadan, il mese sacro osservato dalla maggioranza della popolazione libanese e dai musulmani che digiuna dall’alba al tramonto, cade quest’anno a marzo e aprile. L’ora legale significa che il tramonto cade intorno alle 19:00 anziché alle 18:00, consentendo ai musulmani praticanti di interrompere il digiuno e tornare a mangiare e bere un’ora prima.

Alcuni giorni prima che gli orologi venissero posticipati, il primo ministro conservatore libanese Najib Mikati e il presidente del parlamento Nabih Berri hanno deciso che l’ora legale dovrebbe essere posticipata fino al 21 aprile, ampiamente visto come un atto di sostegno ai musulmani che celebrano il Ramadan. La leadership del Paese è divisa tra musulmani e cristiani sunniti e sciiti.

La potente Chiesa maronita del Libano, il più grande organismo cristiano del Paese, si è opposta, affermando di non essere stata consultata e che un simile cambiamento dell’ultimo minuto avrebbe causato confusione nel Paese ed era contrario agli standard internazionali.

READ  Il fumo degli incendi canadesi sta nuovamente inquinando l'aria negli Stati Uniti

Il risultato? Per la prima volta, milioni di persone in un piccolo paese si trovano improvvisamente in due fusi orari diversi.

È importante sottolineare, tuttavia, che gli orologi delle persone non cambiavano automaticamente; Il governo si aspetta che le persone cambino manualmente i propri orologi. Poiché nessuna autorità unificata dice loro che ora è nel paese, i libanesi dicono di essere confusi e tutti vanno in fusi orari diversi.

Ciò ha causato caos e confusione negli aeroporti, nelle aziende e nelle persone in tutto il Libano.

Anche Apple e Google non sembrano essere d’accordo su che ora è in Libano: su iPhone e iPad, Apple non cambia il fuso orario del Libano e si allinea con l’ora legale. Ma se chiedi a Google che ora è in Libano, è indietro di un’ora.

Tutta questa faccenda è un film stupido e stupido … il finale è stupido, ma la reazione basata sulla religione è ancora più stupida (e molto pericolosa).

e l’Ass

Economista libanese

All’aeroporto internazionale di Beirut, il tabellone degli orari delle partenze mostra due orari diversi per lo stesso volo: ad esempio, il volo A3 947 per Atene è indicato due volte come partenza alle 15:30 e alle 16:30 di domenica.

“Arrivo all’aeroporto di Beirut 4 ore prima del mio volo in modo che questo idiota non perda il mio volo”, ha detto alla CNBC Peter Sleiman, un media start-up manager.

“Personalmente seguo l’ora internazionale (ora legale)”, ha detto Sleeman. “Non riesco a gestire i miei appuntamenti e la programmazione nel fuso orario [the prime minister] Dovrebbe.”

Sui social sono esplosi meme che prendono in giro la situazione, mentre alcuni temono che concentrarsi troppo sull’aspetto religioso della decisione possa alimentare tensioni settarie nel Paese, che ospita vari gruppi religiosi.

READ  Elezioni in Iran: inizia il conteggio tra le notizie di bassa affluenza alle urne

“Il ricordo più triste e più comune ora è: ‘Ehi ragazzi, ci vediamo alle 17:00’ ‘In quale fuso orario? Cristiano o musulmano?'”, ha raccontato Sleiman.

Alcuni in Libano hanno suggerito che la mossa di Mikati sia un complotto per approfondire le divisioni nel paese e minacciare la sua popolazione cristiana.

“La questione dell’ora legale non è una questione banale, ma un segno di una profonda crisi della rappresentanza politica cristiana in Libano e merita una seria attenzione”, ha scritto su Twitter lo scrittore e blogger libanese Mustafa Hamoy.

“Ignorando o minimizzando questo problema, rischiamo di alienare ed emarginare ulteriormente la comunità cristiana, e questo si ritorcerà contro tutti”, ha affermato. “Questa è una grande vergogna per molti cristiani che hanno visto Perry e Mikati prendere una decisione su una questione che riguarda la vita di tutti senza nemmeno sentire la loro opinione”.

Altri, nel frattempo, rifiutano di inquadrare la questione in termini settari.

L’economista libanese ed ex amministratore delegato della filiale libanese della Standard Chartered Bank, Dan Azzi, ha twittato: “Secondo me questo è un film completamente stupido e stupido.

“La conclusione è assurda, ma una risposta ancora più noiosa (e più pericolosa) al settarismo dovrebbe essere quella di chiedere un sostegno concertato attraverso vari canali settari, politici e mediatici”, ha scritto.

Resta da vedere se il governo libanese adeguerà e unificherà il suo fuso orario, o se il popolo libanese – che già deve affrontare l’aumento dell’inflazione, una valuta quasi al collasso, interruzioni di corrente quotidiane e interruzioni pubbliche – dovrà continuare con entrambi. Fusi orari per il mese successivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *