Il legislatore dell'Arizona condivide il piano per depenalizzare l'aborto nel discorso

Quando Eva Burch ha saputo di recente che avrebbe potuto perdere un'altra gravidanza, si è sentita sopraffatta.

Il senatore dello stato dell’Arizona lotta da anni con la fertilità, soffrendo di aborti spontanei per più di un decennio e di un aborto nel 2022 dopo aver vissuto una gravidanza non vitale. Lei e suo marito sapevano che difficilmente la sua gravidanza in corso sarebbe stata sostenibile. Dopo che un medico le ha detto che non poteva dare alla luce un bambino sano, sapeva che avrebbe cercato un altro aborto.

In questo periodo, Burch e suo marito presero anche un'altra decisione difficile: avrebbe raccontato al Senato dell'Arizona il suo piano per interrompere la gravidanza – e le restrizioni statali sull'aborto rendevano il tutto ancora più doloroso.

“Penso che entrambi pensassimo che fosse troppo”, ha detto al Washington Post Burch, democratica e madre di due figli.

Lunedì ha condiviso la sua storia in un discorso di 10 minuti all’aula del Senato. Con la voce tremante, Burch ha detto ai suoi colleghi di essere andata in una clinica venerdì dove le sono state fornite ecografie invasive e consulenza nonostante fosse già a conoscenza delle alternative all'aborto. La sua gravidanza è improbabile. Burch ha detto nel discorso che quelle esperienze, come richiesto dalla legge dell'Arizona, sono state “orrende”.

I suoi commenti hanno evidenziato il conflitto sull’aborto in Arizona, dove la procedura è illegale dopo 15 settimane e i sostenitori dell’aborto sperano di ottenere protezione nella costituzione dello stato quest’anno, ripristinando potenzialmente il divieto totale.

Mentre Burch prendeva il microfono, alcuni dei suoi colleghi democratici stavano dietro di lui per mostrare il loro sostegno. Ha detto che alcuni senatori del GOP potrebbero essere visti lasciare l'aula.

READ  L'Ucraina cerca di riaprire il transito del grano attraverso la Polonia mentre aumentano i divieti di importazione

Tuttavia, Burch ha continuato a parlare, sperando di mostrare “la realtà di come il lavoro che svolgiamo in questo organismo influisce sulle persone nel mondo reale”.

“Non esiste un copione valido per tutti per le persone che cercano cure per l'aborto, e il legislatore non ha il diritto di assegnarne uno”, ha detto lunedì.

Legge dell'Arizona Un operatore dovrebbe eseguire l'ecografia e dare alla paziente l'opportunità di visualizzare l'immagine almeno 24 ore prima dell'aborto. Ci sono anche i medici necessario “Una paziente ragionevole prenderebbe in considerazione la decisione se sottoporsi o meno a un aborto” per informare i pazienti sulle alternative.

I tentativi del Post di contattare i funzionari dell'Arizona che hanno sponsorizzato progetti di legge che limitano l'aborto martedì non hanno avuto successo. Il leader della maggioranza dell'Arizona Sen. Anche Sonny Borelli (a destra) non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento. Secondo il portavoce di Burch, Borelli ha lasciato la stanza durante il discorso di Burch prima di tornare per la giornata.

All'aula del Senato, Burch ha descritto il protocollo imposto dalla legge statale come un'interferenza con quello che crede sia “il trattamento più sicuro e appropriato per me”. Ha detto di essere stata costretta a sottoporsi ad un esame ecografico transvaginale che non voleva, e poi le è stato detto delle alternative, tra cui la genitorialità e l'adozione.

Prima di essere eletta al Senato dell'Arizona, Burch ha lavorato come infermiera presso una clinica femminile per più di un decennio. Questo contesto, ha detto nel suo discorso, “trasmetto la mia comprensione della situazione”.

Nel 2022, durante la campagna per il seggio che ricopriva, Burch apprese che la sua gravidanza non era praticabile. Ha iniziato ad abortire prima del suo appuntamento per l'aborto. Ma non ha potuto ricevere cure ospedaliere perché, ha detto, “non sanguinava” e il suo caso non era considerato critico.

READ  Guerra in Ucraina: la Russia lancia il secondo attacco missilistico prima dell'alba in tre giorni

Il giorno successivo ha abortito in una clinica. Due settimane dopo, la Corte Suprema ha ribaltato la decisione Roe contro WadeInvertire il diritto all’aborto, che dura da 50 anni.

Mentre parlava all'aula del Senato, Burch ha detto al Post che sentiva la paura invaderlo.

“È innaturale per me condividere in questo modo. Mi mette a disagio”, ha detto martedì. “Ma sentivo fortemente che era la cosa giusta da fare.”

Anche se Burch non ha rivelato chi fossero i suoi operatori sanitari o le date esatte in cui ha appreso della sua gravidanza e della sua prognosi, ha descritto le difficoltà delle ultime settimane dicendo: “Lei è l'esempio perfetto del motivo per cui abbiamo bisogno di questo rapporto tra pazienti e operatori sanitari”. .” “

Ha insistito affinché agli elettori fosse data la possibilità di abortire a novembre. I gruppi per i diritti dell'aborto nello stato hanno messo in votazione un emendamento costituzionale che garantirebbe il diritto all'aborto tra le 22 e le 24 settimane.

“La legislatura dell'Arizona non ha le persone giuste per questo lavoro”, ha detto Burch. “Gli arizoniani meritano la libertà e la libertà di prendere queste decisioni da soli.”

Prima del discorso di lunedì, Burch ha mantenuto i suoi piani in gran parte privati. Ma pochi minuti prima dell’inizio della sessione, ha detto ad alcuni dei suoi colleghi democratici cosa voleva fare in sala e li ha invitati a stare con lui.

Sebbene Burch volesse che i suoi colleghi repubblicani ascoltassero la sua storia e fosse delusa nel vederli andarsene, sperava che le sue parole raggiungessero gli abitanti dell’Arizona oltre la Camera, specialmente coloro che hanno dovuto affrontare decisioni difficili o hanno dovuto navigare nel panorama mutevole delle cure riproduttive.

READ  Le azioni di TSMC sono scese di quasi il 7% a Taipei a causa delle preoccupazioni sulle prospettive globali dei chip

“Sono con loro. Li apprezzo”, ha detto Burch lunedì. “Sono loro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *