Il panel UFO della NASA afferma che sono necessari dati migliori al primo incontro pubblico

WASHINGTON, 31 maggio (Reuters) – I membri di un gruppo indipendente della NASA che studia gli UFO, o ciò che il governo degli Stati Uniti ora chiama UAP, “fenomeni anomali non identificati”, hanno dichiarato mercoledì nel loro primo incontro pubblico che i dati erano di alta qualità e stigma persistente. Questo è il più grande ostacolo per svelare tali misteri.

Il corpo di 16 membri, formato lo scorso anno tra i maggiori esperti di campi che vanno dalla fisica all’astrofisica, ha intenzionalmente trasmesso le loro scoperte iniziali in diretta su un webcast della NASA prima di un rapporto previsto per la fine dell’estate.

Il presidente del gruppo, l’astrofisico David Spergel, ha affermato che il ruolo del suo gruppo non era “risolvere la natura di questi fenomeni”, ma fornire alla NASA una “tabella di marcia” per guidare le analisi future.

I funzionari della NASA hanno affermato che diversi membri dell’equipaggio sono stati oggetto di “abusi online” e molestie non specificati da quando hanno iniziato il loro lavoro nel giugno dello scorso anno.

“È straziante sentire delle molestie che i membri del nostro team stanno affrontando online per studiare questo argomento”, ha detto il capo scientifico della NASA Nicola Fox nelle sue osservazioni di apertura. “Le molestie portano a un’ulteriore stigmatizzazione”.

Tuttavia, i membri del panel hanno citato la mancanza di metodi scientificamente affidabili per documentare gli UFO come la più grande sfida nel vedere oggetti che sembrano muoversi in modi che sfidano i confini delle tecnologie conosciute e delle leggi della natura.

Il problema fondamentale è che i fenomeni in questione non sono progettati o calibrati per osservare e misurare con precisione le particolarità che vengono tipicamente rilevate e registrate con telecamere, sensori e altre apparecchiature.

READ  Il co-fondatore ed ex presidente di Intel, Gordon Moore, è morto all'età di 94 anni

“Se potessi riassumere ciò che penso abbiamo imparato in una riga, abbiamo bisogno di dati di alta qualità”, ha detto Sperkel. “I dati attuali e i rapporti dei testimoni oculari da soli non sono sufficienti per fornire prove definitive della natura e dell’origine di ciascun evento UAP”.

Ci sono anche ostacoli che circondano il problema.

Sebbene il Pentagono abbia incoraggiato i piloti militari a documentare gli incidenti UAP negli ultimi anni, molti piloti commerciali sono “molto riluttanti a segnalarli” a causa del persistente stigma che circonda tali avvistamenti, ha affermato Spergel.

Il comitato consultivo della NASA rappresenta la prima indagine sugli UFO condotta sotto gli auspici dell’agenzia spaziale statunitense su una questione che il governo una volta consegnava alla competenza esclusiva e segreta dei funzionari militari e della sicurezza nazionale.

Un’indagine basata sul Pentagono

Lo studio della NASA si basava sui rapporti di un’indagine recentemente formalizzata basata sul Pentagono condotta da piloti militari negli ultimi anni e analizzata da funzionari della difesa e dell’intelligence statunitensi.

L’esercito americano ha documentato più di 800 casi negli ultimi due decenni, ha affermato Sean Kirkpatrick, direttore del nuovo ufficio per la risoluzione delle anomalie di tutti i domini del Pentagono, o AARO.

Ma solo una piccola percentuale è considerata al di là di una spiegazione relativamente semplice, e il resto può essere attribuito a fenomeni banali come aerei, palloni aerostatici, detriti o cause atmosferiche, ha affermato.

Gli sforzi paralleli della NASA e del Pentagono segnano un’inversione di tendenza per il governo dopo decenni di deviazioni, demistificazioni e discrediti di segnalazioni di oggetti volanti non identificati, o UFO, negli anni ’40.

Ma nell’affrontare finalmente la questione frontalmente, sia la NASA che il Pentagono hanno sottolineato l’imperativo di proteggere lo spazio aereo statunitense e, per estensione, la sicurezza pubblica e la protezione naturale.

READ  Dopo aver lasciato il ristorante, Justin Bieber non riusciva a smettere di afferrarle l'inguine

Partendo dal Pentagono, il team della NASA esamina solo i rapporti non classificati di osservatori civili, un approccio che consente la condivisione pubblica delle informazioni tra organizzazioni scientifiche, commerciali e internazionali e il pubblico, ha affermato Spergel.

Il termine UFO, a lungo ampiamente associato ai concetti di dischi volanti ed extraterrestri, è stato sostituito nel linguaggio ufficiale del governo dall’acronimo UAP.

Una recente legge statunitense ha modificato l’acronimo UAP, precedentemente “eventi aerei”, per indicare “eventi anomali non identificati”, ampliando l’ambito della ricerca del team investigativo della NASA per includere eventi anomali nello spazio o in mare.

I membri del team hanno affermato che la maggior parte del loro lavoro è ancora focalizzata sugli eventi aerei.

Inoltre, mentre sia la NASA che i funzionari dell’intelligence della difesa non hanno escluso l’esistenza di extraterrestri intelligenti, hanno sottolineato di non aver trovato prove che suggeriscano che gli avvistamenti UFO abbiano un’origine extraterrestre.

“Ci vorrebbero prove straordinarie per dire che stiamo vedendo qualcosa che è la prova dell’intelligenza non umana, e non lo stiamo vedendo”, ha detto Sperkel.

Reportage di Joey Rowlett a Washington e Steve Gorman a Los Angeles; Montaggio di Robert Birzel, Bill Bergrod e Himani Sarkar

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *