Il sultano Al-Neyadi degli Emirati Arabi Uniti è diventato il primo astronauta arabo a completare una missione spaziale.

L’astronauta degli Emirati Arabi Uniti Sultan Al-Neyadi è diventato il primo arabo a camminare nello spazio.

Doubai:

L’astronauta degli Emirati Arabi Uniti Sultan Al-Neyadi è diventato il primo arabo a camminare nello spazio durante la spedizione 69, che è decollata dalla Stazione spaziale internazionale (ISS) e ha completato la sua missione spaziale.

La storica passeggiata spaziale è durata 7,01 ore nel vuoto dello spazio sul lato di tribordo della struttura reticolare della ISS, raggiungendo due obiettivi principali.

Uno degli obiettivi dell’attività extraveicolare (EVA) svolta da Sultan al-Neyadi con l’ingegnere di volo della NASA Stephen Bowen era lavorare su una serie di attività preparatorie per deviare i cavi elettrici, che è stata completata con successo.

Il lavoro sui cavi è stato completato come precursore dell’installazione del quarto array solare di roll-out della stazione spaziale, noto come International Space Station Roll-Out Solar Array (iROSA), che dovrebbe essere consegnato in una prossima missione cargo SpaceX Dragon . . Il prossimo obiettivo è recuperare un’unità critica del gruppo di radiofrequenze (RFG).

Questa antenna di comunicazione o RFG è attualmente imbullonata alla stazione a causa della difficoltà di rimuoverla. Prima di intraprendere la passeggiata spaziale, sia Sultan al-Neyadi che Bowen sono stati sottoposti a una purga di ossigeno di due ore per eliminare l’azoto dai loro corpi.

Successivamente, Warren Hoburg e Frank Rubio hanno assistito gli astronauti nell’indossare le loro tute spaziali, un’operazione importante. Sia Sultan al-Neyadi che Bowen hanno impiegato un’ora in più per indossare le tute spaziali e l’equipaggiamento protettivo, il che avrebbe gradualmente ridotto la pressione per aprire il portello esterno.

READ  L'Iran sequestra una petroliera mentre gli Stati Uniti sequestrano una petroliera

Prima della passeggiata spaziale, sono stati condotti controlli approfonditi per garantire la sicurezza degli astronauti. Durante la loro passeggiata ad alta quota fuori dalla ISS, Sultan al-Neyadi e Bowen hanno dovuto affrontare due grandi sfide: radiazioni e temperature estreme.

L’ambiente circostante nello spazio può raggiungere temperature fino a 120°C alla luce del sole e fino a -150°C quando il Sole non è visibile.

Mentre la tuta spaziale è stata progettata per gestire tutto questo, anche un’attenta gestione della tuta durante la missione è stata un compito.

Hamad Obaid Al-Mansouri, presidente di MBRSC, ha dichiarato: “La missione 2 degli Emirati Arabi Uniti è un’iniziativa davvero stimolante che incarna lo spirito di eccellenza e la determinazione degli Emirati per raggiungere la grandezza in tutti i nostri sforzi”.

“Dal lancio alla più lunga missione spaziale araba sulla missione ISS fino alla designazione storica del primo Fronte di ascensione arabo, continuando ora l’incredibile impresa della prima missione spaziale araba del sultano Al-Neyadi. Un nuovo standard per l’eccellenza nell’esplorazione spaziale”.

Il direttore generale dell’MBRSC Salem Humaid Al-Marri ha dichiarato: “La missione spaziale del sultano Al-Neyadi ha generato un livello senza precedenti di entusiasmo e interesse tra il pubblico, sottolineando l’immensa importanza di questa missione”.

“L’aggiunta della passeggiata spaziale, durante lo svolgimento di esperimenti scientifici a terra sulla Sultan ISS, mostra un’altra dimensione della straordinaria esperienza degli Emirati Arabi Uniti nell’esplorazione dello spazio. Questo risultato storico giocherà un ruolo chiave nel ripristinare la Stazione Spaziale Internazionale alle sue piene capacità operative La capacità consolida la posizione degli Emirati Arabi Uniti come uno dei principali contributori alla comunità spaziale globale”, ha affermato Al-Mari.

READ  La stagione dei conti si conclude con i partecipanti Tamar Hamlin

Lanciato il 2 marzo con i membri dell’equipaggio del suo Gruppo 6 da Cape Canaveral, in Florida, Sultan Al-Neyadi completerà presto due mesi nello spazio. Nel suo secondo mese sulla stazione spaziale, Sultan al-Neyadi ha condotto diversi esperimenti.

Il Programma Astronauti degli Emirati Arabi Uniti è uno dei programmi gestiti dal Centro Spaziale Mohammed Bin Rashid nell’ambito del Programma Spaziale Nazionale degli Emirati Arabi Uniti e finanziato dal Fondo ICT dell’Autorità di regolamentazione del governo delle telecomunicazioni e del digitale, che mira a sostenere la ricerca e lo sviluppo nel settore ICT. Promuove l’integrazione del paese negli Emirati Arabi Uniti e nell’arena globale.

(A parte il titolo, questa storia non è stata modificata dallo staff di NDTV ed è stata pubblicata da un feed sindacato.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *