In che modo la caduta di Roe ha reso la Carolina del Nord un punto caldo per l’aborto

Il conflitto politico della Carolina del Nord sull’aborto è sintetizzato da due leader: il suo governatore democratico, Mr. Cooper e il portavoce repubblicano della Camera dei Rappresentanti Tim Moore.

L’ex procuratore generale Sig. Cooper vuole preservare l’attuale legge dello stato. Ha ordinato ulteriori protezioni, incluso il divieto di espulsione di chiunque sia coinvolto in aborti legali nella Carolina del Nord.

Ma il predominio repubblicano nella legislatura significa che Mr. Lo strumento più potente di Cooper. “La nostra legge ora è abbastanza restrittiva nella Carolina del Nord”, ha dichiarato Mr. Cooper ha detto in un’intervista di febbraio.

Il referendum spiega l’attrito politico dello stato: l’ultimo Sondaggio del Meredith College Il 57 percento degli intervistati voleva preservare l’attuale legge sull’aborto della Carolina del Nord o estenderla oltre il limite di 20 settimane. Circa il 35% degli intervistati ha sostenuto la modifica dell’accesso all’aborto a 15 settimane o meno.

Sig. disse Moore.

Sig. Anche Moore ha detto di recente Internet Un democratico oscillante, che ha rifiutato di nominare, era disposto a votare per una restrizione di 12 o 13 settimane. Questa scorciatoia è significativa perché i repubblicani alla Camera sono un voto in meno rispetto a una maggioranza che consentirebbe loro di annullare un veto.

Per ora, anche i residenti della Carolina del Nord stanno subendo l’effetto dei divieti negli stati vicini: quando Maria, 31 anni, che vive fuori Asheville, ha saputo di essere incinta inaspettatamente alla fine di giugno, sapeva che un bambino era più di quanto potesse sopportare. Maniglia. Maria, che non ha voluto dare il suo nome completo perché la sua famiglia si è opposta all’aborto, dice che sta affrontando la depressione e ha diverse altre condizioni mediche.

READ  Il rappresentante Jorge Santos è stato incriminato in un'indagine federale del Dipartimento di Giustizia

Ha chiamato la clinica per aborti più vicina, che si trovava ad Asheville. L’attesa, le fu detto, era di due mesi. Poi ha chiamato due cliniche a Charlotte, a due ore di macchina. Uno non ha risposto. L’altro ha detto che può prenderlo il mese prossimo. Ha preso un appuntamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *