Incontra i manifestanti israeliani che si oppongono al disegno di legge di riforma giudiziaria di Netanyahu

Una marcia a Tel Aviv il 18 marzo. (Afir Berman)

Commento

TEL AVIV — Le proteste che hanno scosso Israele da gennaio — la più grande serie continua di manifestazioni di massa nella storia del paese — sono state insolite non solo per dimensioni ma anche per composizione.

Molte delle centinaia di migliaia di israeliani che esprimono le loro obiezioni al piano del governo di destra per ottenere un maggiore controllo sulla magistratura affermano di non essere mai stati manifestanti regolari. Sono insegnanti, operai tecnici, medici e pensionati, che ora si uniscono alle masse nella corsa per bloccare ponti e autostrade. Quasi tutti sventolano bandiere israeliane, simbolo delle marce formali della destra.

Molti provengono dai servizi militari e di intelligence, dove le manifestazioni pubbliche sono quasi sconosciute.

“Sto molto attenta con la parola ‘senza precedenti'”, ha detto Dahlia Scheindlin, sondaggista e consulente elettorale di Tel Aviv, “Non questa volta”.

La revisione giudiziaria darebbe al primo ministro Benjamin Netanyahu e alla sua coalizione di partiti ultraortodossi e nazionalisti dei coloni più potere di scegliere i giudici e annullare le sentenze della Corte Suprema.

Giovedì il Washington Post ha parlato con i manifestanti a Tel Aviv per scoprire perché sono in strada.

Tahel Ilan Ber gestisce un’azienda di biogenetica nella città costiera di Herzliya, parte di un’esplosione di innovazione tecnologica che ha messo il turbo alla reputazione di Israele come “nazione delle startup”. Ma è cresciuto a Gerusalemme, un centro di vita ultraortodossa, e in sintonia con il crescente divario tra israeliani religiosi e laici.

Man mano che l’ala destra del paese guadagnava influenza, Ilan Per era profondamente preoccupato per il crescente predominio del fondamentalismo nella vita pubblica.

“Abbiamo partiti politici che impediscono alle donne di candidarsi”, ha detto.

READ  Altri migranti sono stati abbandonati fuori dalla casa del vicepresidente sotto il gelo della vigilia di Natale

Già molte comunità non consentono ai trasporti pubblici di operare di sabato e alcuni luoghi non consentono a uomini e donne di partecipare insieme agli eventi.

La spinta per limitare la capacità della Corte Suprema di controllare il governo spingerà ulteriormente i partiti religiosi nella coalizione, ha detto. Non voleva che i suoi figli crescessero in uno stato “teocratico”.

“Le persone nel mondo dell’alta tecnologia non sono abituate a fare questo”, ha detto delle proteste di massa. “Ma voglio che mia figlia vada sulla stessa spiaggia dei suoi fratelli.”

Patya Amir è un’insegnante a Kfar Saba, una città nel centro di Israele. È immigrato trent’anni fa dalla Germania, dove era tra coloro che stavano sul muro di Berlino quando cadde nel 1989. Vide una società divisa in due.

“I tedeschi dell’est ci hanno detto che non ci sarebbe stata alcuna barriera, poi hanno fatto rotolare il filo spinato e c’era un muro”, ha detto Amir. “Sento che sta succedendo qui. È come se all’improvviso fossimo due paesi.”

La sua cittadina normalmente pacifica è allarmata dalla spinta del governo a indebolire i tribunali. Alcuni dei suoi vicini stanno pensando di lasciare il paese.

Amir ha protestato ogni settimana dall’inizio del movimento, sperando di evitare una divisione più ampia.

“Non abbiamo dormito bene”, ha detto. “Voglio essere qui. Sono ebreo e amo questo paese.

David Shalita indossa una bandiera israeliana sulle spalle. Era uno delle migliaia di manifestanti che indossavano o sventolavano la bandiera nazionale – molte nuvole blu e bianche lampeggianti sulla folla.

“È un simbolo per tutti, non solo per i giusti”, ha detto Shalitha, un regista di animazione in pensione che vive nell’antica città portuale di Giaffa.

Shalitha non sente il bisogno di mostrare il suo patriottismo. È stato un soldato attivo e di riserva per oltre 25 anni ed è stato paracadutista sulle alture del Golan nel 1968. Lui e sua moglie, Brava, sono venuti a protestare settimanalmente, a volte di più, perché teme per la democrazia che ha difeso. con la sua vita.

READ  La Russia ha colpito le città ucraine con attacchi aerei durante la notte

Tutti e tre i loro figli hanno prestato servizio militare a lungo e tutti si sono pubblicamente opposti alla riforma giudiziaria. La sua unica figlia si sposò in una famiglia ortodossa e si trasferì a Gerusalemme.

Sono vicini, ma “non discutiamo di politica in questo momento”, ha detto.

L’esperienza più ravvicinata di Asaph Goodman, prima dell’annuncio della riforma giudiziaria tre mesi fa, è stata la partecipazione a una parata del gay pride. Ma ora scende in piazza più volte alla settimana, temendo di togliere le protezioni alle minoranze, compresa la sua comunità LGBTQ.

“Temo un Israele in cui una piccola maggioranza possa revocare tutti i nostri diritti”, ha detto. “Sarà unico nel suo genere Roè v. Guadare È successo in America, ma qui in Israele è invertito con gli steroidi.

Goodman, 24 anni, proviene da una famiglia religiosa di destra nella città di Malot, nel nord dell’Israele, dove dice che l’intolleranza sta crescendo. Nelle scuole insegnano che “non è giusto uscire dall’aula. … Se questa riforma viene approvata, questa è la direzione in cui si sta dirigendo questo paese.

Un laureato dell’unità di intelligence militare d’élite 8200, che lavora come specialista della sicurezza dei dati presso una delle redditizie società tecnologiche di Tel Aviv, dice che potrebbe lasciare Israele se viene sostituito. Molti dei suoi amici sono già lì.

“È una cosa”, ha detto della sua decisione di combattere la riforma giudiziaria o il Canada.

Eyal Radzkowski ha in mente cose più importanti dei compiti e del liceo. Si identifica come un sionista che ama Israele ma pensa che i coloni di estrema destra esercitino troppo potere nel governo, minacciando di peggiorare l’occupazione militare israeliana della Cisgiordania.

READ  La guerra della Russia contro l'Ucraina è l'ultima: la Russia afferma di aver preso il controllo della città di Salt

Una recente decisione della Knesset di legalizzare diversi importanti avamposti di insediamento nel nord della Cisgiordania incoraggerà altri coloni a costruire lì e ad intensificare le violente tensioni con i palestinesi, ha affermato.

“Sarà un inferno”, ha detto Radzkowski.

Sta ancora valutando se servire nell’esercito quando compirà 18 anni, cosa richiesta a tutti gli ebrei israeliani. Combatte l’occupazione da anni e teme che la nuova legge possa peggiorare la situazione.

“Sarà un male per tutti”, ha detto. “Porteranno qui le tattiche della Cisgiordania, così non possiamo combatterla”.

Yetid Ben Zakai ha rinviato il servizio militare obbligatorio per studiare la Torah in una yeshiva nella città di Dimona, nel sud dell’Israele, dove molti dei suoi familiari e amici sostengono la riforma giudiziaria. Ma è turbato dalle profonde divisioni sociali che ha causato.

“Mi addolora sapere che questo sta ferendo così tante persone nel paese”, ha detto. “Ma la Corte Suprema non ha fatto bene, ad esempio, sui temi legati al terrorismo, li ha lasciati andare troppo facilmente. I tribunali sembrano essere di sinistra.

Ha detto che vede la Corte Suprema come un gruppo elitario di minoranze. Ma ha anche ammesso di non capire in cosa consistesse la ristrutturazione o quale sarebbe stato il suo impatto su Israele.

“Sono qui per iniziare una conversazione, per impedire che il divario si ingrandisca”, ha detto. “Non voglio pensare alla guerra civile. È un pensiero che mi terrorizza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *