India, Giappone e Corea del Sud “colpiscono più duramente” se il petrolio raggiunge i 100 dollari

  • Domenica l’OPEC+ ha annunciato un taglio alla produzione di 1,16 milioni di barili al giorno, una mossa che i mercati petroliferi non si aspettavano.
  • Alcuni analisti prevedono che il prezzo del petrolio raggiungerà i 100 dollari al barile.
  • “È una tassa su ogni economia importatrice di petrolio. Non sono gli Stati Uniti a risentire maggiormente del petrolio da 100 dollari”, ha affermato Pavel Molchanov, amministratore delegato di Raymond James.

La raffineria di petrolio Esso Fawley, gestita da Exxon Mobil, giovedì 14 maggio 2020 a Fawley, Regno Unito.

Luca MacGregor | Bloomberg | Belle foto

Un taglio alla produzione a sorpresa da parte dell’OPEC e dei suoi alleati ha aumentato i prezzi del petrolio e gli analisti affermano che i principali importatori di petrolio come India, Giappone e Corea del Sud soffriranno maggiormente se i prezzi raggiungeranno i 100 dollari al barile, come alcuni prevedono.

Domenica l’OPEC+ ha annunciato un taglio alla produzione di 1,16 milioni di barili al giorno, una mossa che i mercati petroliferi non si aspettavano.

“Questa è una tassa su ogni economia importatrice di petrolio”, ha affermato Pavel Molchanov, amministratore delegato della banca d’investimento privata Raymond James.

“Non saranno gli Stati Uniti a soffrire di più per il petrolio da 100 dollari, ma i paesi senza risorse petrolifere interne: Giappone, India, Germania, Francia… per citare alcuni grandi esempi”, ha detto Molchanov.

I tagli volontari da parte dei paesi nel settore petrolifero sono iniziati a maggio e dureranno fino alla fine del 2023. Sia l’Arabia Saudita che la Russia Tagliare la produzione di petrolio di 500.000 barili al giorno Fino alla fine dell’anno, anche altri paesi membri dell’OPEC come Kuwait, Oman, Iraq, Algeria e Kazakistan stanno tagliando la produzione.

READ  La Cina simula l'attacco a Taiwan nel secondo giorno di addestramento

I futures sul greggio Brent sono saliti dello 0,57% a 85,41 dollari al barile, mentre i futures US West Texas Intermediate si sono attestati a 81,11 dollari al barile.

“Le regioni più colpite dai tagli all’offerta di petrolio e dai relativi aumenti dei prezzi del greggio dipendono fortemente dalle importazioni e hanno un’elevata quota di combustibili fossili nei loro sistemi energetici primari”, ha affermato Henning Klostein, direttore dell’Eurasia Group.

Se il petrolio sale ulteriormente, anche il greggio russo scontato comincerà a danneggiare la crescita dell’India.

Henning Clostein

Direttore, Gruppo Eurasia

Maggiori informazioni sull’energia da CNBC Pro

“Sebbene stiano ancora approfittando del gas russo scontato, stanno già soffrendo per gli alti prezzi del carbone e del gas”, ha detto Glostein.

“Se il petrolio aumenta ulteriormente, anche il greggio russo scontato inizierà a danneggiare la crescita dell’India”.

Giappone

Il petrolio è la fonte energetica più importante in Giappone Circa il 40% dei conti Il suo approvvigionamento energetico totale.

“Mancanza di una produzione interna significativa, il Giappone è fortemente dipendente dalle importazioni di greggio, con l’80% al 90% proveniente dalla regione del Medio Oriente” Agenzia Internazionale dell’Energia disse.

Corea del Sud

Per la Corea del Sud, produce petrolio I suoi principali requisiti energetici sonoSecondo la società di ricerca indipendente Enerdata.

“La Corea del Sud e l’Italia fanno affidamento sul petrolio importato per oltre il 75%”, ha sottolineato Molchanov.

L’Europa e la Cina sono “altamente esposte”, secondo Clostein.

Tuttavia, l’esposizione della Cina è leggermente inferiore a causa della produzione interna di petrolio, e l’Europa nel suo insieme si basa principalmente su nucleare, carbone e gas naturale, ma fa affidamento sui combustibili fossili nel loro mix energetico primario.

READ  Gli alleati occidentali differiscono sui jet per l'Ucraina, la Russia rivendica guadagni

Molchanov ha affermato che alcuni mercati emergenti che “non hanno la capacità di valuta estera per sostenere queste importazioni di carburante” sarebbero influenzati negativamente dal prezzo di $ 100. Ha nominato Argentina, Turchia, Sud Africa e Pakistan come economie vulnerabili.

Lo Sri Lanka, che non produce petrolio a livello nazionale e fa affidamento al 100% sulle importazioni, sarà colpito più duramente, ha aggiunto.

Le torri di raffreddamento rilasciano vapore presso la raffineria di Leuna e il complesso di impianti chimici, sede di raffinerie e impianti gestiti da TotalEnergies, a Leuna, in Germania, martedì 7 giugno 2022.

Cristiano Bocsi | Bloomberg | Belle foto

“I paesi con scarse riserve di valuta estera e i paesi che sono importatori saranno maggiormente colpiti dal prezzo del petrolio in dollari USA”, ha affermato Amrita Sen, fondatrice di Energy Aspects.

Tuttavia, con i 100 dollari al barile probabilmente all’orizzonte, Molchanov ha affermato che il prezzo elevato non può durare a lungo e non sarà un “plateau permanente”.

“A lungo termine, i prezzi saranno probabilmente più in linea con dove siamo oggi” – circa $ 80 a $ 90 circa, ha detto.

“Una volta che il greggio raggiunge i 100 dollari al barile e rimane lì per un po’, spinge i produttori ad aumentare nuovamente la produzione”, ha detto Clostein.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *