lunedì, 28 Settembre, 2020

Juventus U23, gli alieni del pianeta C

La Federcalcio ha un modo curioso di risolvere i fallimenti seriali che da lustri falcidiano la serie C, anello debole di un calcio professionistico pletorico e sempre più alla deriva.

Il coniglio dal cilindro secondo la “guida” del sistema calcio italiano? Riempire con squadre B le caselle lasciate vuote da club storici della provincia italiana. Paradigmatici i casi dell’Andria e della Reggiana, ultimi in ordine di tempo. Una scelta, oggettivamente, molto infelice.

A rendere ancora più opaco il quadro è la decisione di mettere la Juventus B e il Milan B al primo posto nella classifica dei ripescaggi. La ciliegina finale su una procedura squallida e sleale, che esiste e resiste solo nel disastrato mondo pallonaro italiano.

In questo modo la C si allontanerà ancora e sempre più dalla sua dimensione provinciale per inseguire il business che ha portato (quasi) tutti, prima o poi, a diventare tifosi di un club strisciato che nulla ha a che vedere con il territorio dove si è nati e/o si vive.

Questo calcio alla canna del gas non si merita di risucchiare anche i tifosi delle provinciali. Merita solo teleutenti da salotto asserviti alle pay tv, vere padrone del pallone. Un problema, l’epocale crisi della Lega di Firenze, non si può e non si deve risolvere creando un altro problema.

Che c’entrano le squadre B con la storia di una categoria, quella inventata dal grande Artemio Franchi, espressione dei “cento campanili” italiani? Che fare, per arrestare questo schifo?

Sergio Mutolo – www.calciopress.net

DI Sergio Mutolo

Sergio Mutolo
Innamorato da una vita dei colori gialloblù, prova a tenere viva in rete la "grande storia del club". Su Calciopress si dedica alle criticità del sistema calcio, con particolare attenzione alla Serie C, sempre schierato dalla parte dei tifosi.

Leggi anche

Eleonora Celestini e la ‘grande storia del club’

La vita di ogni tifoso è tracciata dal fil rouge della squadra del cuore. I colori …