La Camera degli Stati Uniti è pronta a votare una moratoria urgente sul tetto del debito

WASHINGTON, 30 maggio (Reuters) – La legislazione mediata dal presidente Joe Biden e dal presidente della Camera Kevin McCarthy per aumentare il tetto del debito degli Stati Uniti di 31,4 trilioni di dollari e ottenere nuovi tagli alla spesa federale ha superato un ostacolo critico nella tarda serata di martedì, passando al dibattito all’intera Camera dei Rappresentanti e una votazione di base prevista per mercoledì. .

La commissione per le regole della casa ha votato 7-6 per approvare le regole che consentono il dibattito in plenaria. Due repubblicani del comitato, i rappresentanti Chip Roy e Ralph Norman, hanno sostenuto la loro leadership opponendosi al disegno di legge.

Il voto ha sottolineato la necessità che i Democratici aiutino a far passare il provvedimento alla Camera, che è controllata dai Repubblicani con una stretta maggioranza di 222-213.

La Camera approva il disegno di legge e lo invia al Senato. La mossa richiederebbe l’approvazione del Congresso prima del 5 giugno, quando il Dipartimento del Tesoro finirebbe i fondi per estinguere il debito per la prima volta nella storia degli Stati Uniti.

Se il Dipartimento del Tesoro non è in grado di effettuare tutti i suoi pagamenti o è costretto a dare la priorità ai pagamenti, scatenerà il caos economico negli Stati Uniti e nelle economie globali.

Biden e McCarthy hanno predetto che avrebbero ottenuto abbastanza voti per far passare il disegno di legge di 99 pagine prima della scadenza del 5 giugno.

Il segnapunti del bilancio apartitico del Congresso ha dichiarato martedì che la legislazione ridurrà la spesa di 1,5 trilioni di dollari rispetto alle attuali proiezioni su 10 anni a partire dal 2024.

READ  L'uomo è "improvvisamente peggiorato" dopo l'incidente sugli sci di Gwyneth Paltrow, secondo la corte

Il Congressional Budget Office ha anche affermato che la misura, se convertita in legge, ridurrebbe gli interessi sul debito pubblico di 188 miliardi di dollari.

McCarthy ha definito il disegno di legge “l’accordo più conservatore che abbiamo mai avuto”.

Tuttavia, alcuni dei repubblicani più conservatori della Camera non hanno spinto per i tagli di spesa più profondi, e non è chiaro quanti democratici McCarthy dovrebbe vincere in un voto previsto per mercoledì.

Tutti e quattro i Democratici del Comitato per le Regole hanno votato contro il disegno di legge, mentre hanno votato sulla legislazione generalmente sostenuta dai Repubblicani. Mentre il leader del Partito Democratico Hakeem Jeffries ha affermato che il suo partito darà a McCarthy il sostegno di cui ha bisogno, non è chiaro se ciò influenzerà altri Democratici a fare lo stesso mercoledì.

Molti democratici al Congresso non vogliono che Biden si impegni in colloqui per tagliare il budget con i repubblicani fino a quando non allenteranno la presa sull’approvazione di un disegno di legge sul tetto del debito.

Battaglia al Senato in vista

Il presidente Joe Biden stringe la mano al presidente della Camera Kevin McCarthy della California dopo il discorso sullo stato dell’Unione a una sessione congiunta del Congresso al Campidoglio, martedì 7 febbraio 2023, a Washington, DC. Jacqueline Martin/Poole di REUTERS/File Foto

Il direttore del bilancio della Casa Bianca Shalanda Young, uno dei principali negoziatori di Biden, ha esortato il Congresso ad approvare il disegno di legge.

“Voglio essere chiaro: questo accordo rappresenta un compromesso, il che significa che nessuno otterrà tutto ciò che vuole e dovranno essere fatte scelte difficili”, ha detto Young in una conferenza stampa.

Il voto al Senato potrebbe estendersi nel fine settimana se i legislatori di quella camera provassero a rallentarlo.

Almeno un senatore, il repubblicano Mike Lee, ha affermato che potrebbe provare a farlo, e altri repubblicani hanno espresso disagio per alcuni aspetti dell’accordo.

READ  I critici affermano che la nuova legge di Hong Kong è “l’ultimo chiodo nella bara”

Il disegno di legge sospende il tetto del debito degli Stati Uniti fino al 1 gennaio 2025, consentendo a Biden e ai legislatori di accantonare la questione politicamente delicata fino a dopo le elezioni presidenziali del novembre 2024.

Ridurrebbe parte della spesa pubblica nei prossimi due anni, accelererebbe il processo di approvazione di alcuni progetti energetici, annullerebbe i fondi COVID-19 inutilizzati e introdurrebbe requisiti di lavoro per i programmi di assistenza alimentare per alcuni poveri americani.

In un’altra vittoria per i repubblicani, distoglierebbe alcuni fondi dall’Internal Revenue Service, anche se la Casa Bianca afferma che non dovrebbe tagliare l’applicazione delle tasse.

Biden può anche indicare guadagni. L’accordo lascia in gran parte intatte le sue infrastrutture distintive e le leggi sull’energia verde, e i tagli alla spesa e i requisiti di lavoro sono molto al di sotto di ciò che volevano i repubblicani.

I repubblicani hanno sostenuto che sono necessari forti tagli alla spesa per controllare la crescita del debito nazionale, che equivale a 31,4 trilioni di dollari di produzione economica annuale.

Secondo le previsioni del governo, i pagamenti degli interessi su quel debito dovrebbero consumare una quota crescente del bilancio poiché una popolazione che invecchia fa aumentare i costi sanitari e pensionistici. L’accordo non fa nulla per limitare i progetti in rapida crescita.

Gran parte dei risparmi proverrà dalla limitazione della spesa per programmi nazionali come l’alloggio, l’istruzione, la ricerca scientifica e altri tipi di spesa “discrezionale”. Le spese militari potranno aumentare nei prossimi due anni.

La posizione del tetto del debito ha spinto le agenzie di rating ad avvertire che potrebbe declassare il debito degli Stati Uniti, che sostiene il sistema finanziario globale.

READ  Nomination agli Oscar 2023: aggiornamenti in tempo reale

I mercati hanno finora risposto positivamente all’accordo.

Reportage di Moira Warburton, David Morgan, Richard Cowan, Steve Holland e Gram Slattery a Washington; Montaggio di Scott Malone, Mark Porter, Matthew Lewis, Gerry Doyle e Himani Sarkar

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *