La corte d’appello federale nega l’offerta di emergenza di Trump per impedire agli ex aiutanti di testimoniare all’udienza del 6 gennaio


Washington
Cnn

Il team legale dell’ex presidente Donald Trump ha chiesto senza successo un aiuto di emergenza a una corte d’appello federale di Washington, DC, per impedire ad alcuni dei suoi più stretti consiglieri di testimoniare contro di lui, tra cui l’ex capo dello staff della Casa Bianca Mark Meadows. depositare in un nuovo tribunale.

Il team di Trump ha chiesto lunedì sera a una corte d’appello di respingere una sentenza del tribunale di grado inferiore che costringeva molti dei suoi migliori consiglieri a rispondere alle domande di un gran giurì che indagava sugli sforzi di Trump e dei suoi alleati per sovvertire le elezioni presidenziali del 2020. Le garanzie legali che circondano la sua presidenza proteggeranno alcune delle loro testimonianze.

Una corte d’appello ha respinto la sua richiesta martedì, lasciando Trump di fronte a un’altra battuta d’arresto legale poco prima che entrasse in un’aula di tribunale di Manhattan per affrontare le accuse penali in un processo separato.

La rapida decisione potrebbe portare i consiglieri di Trump, incluso Meadows, davanti a un gran giurì federale a Washington nei prossimi giorni. Un tribunale dovrebbe intervenire a favore di Trump per bloccare il loro mandato di comparizione.

Durante la notte, una giuria di tre giudici della corte d’appello – Patricia Millett, Robert Wilkins e Greg Katsas – ha chiesto una risposta al Dipartimento di Giustizia in merito alla richiesta di Trump. Il Dipartimento di Giustizia ha risposto due ore dopo.

Un appello su questioni legali più ampie relative alle affermazioni sui privilegi esecutivi può ancora procedere davanti alla corte d’appello, ma l’azione relativa alla richiesta di emergenza di Trump determinerà ora se rispettare le citazioni in giudizio del Dipartimento di Giustizia per i testimoni e la sentenza di un tribunale di grado inferiore contro Trump.

READ  Carson Wentz, i comandanti di Bobby McCain hanno messo a fuoco il futuro

È improbabile che la squadra di Trump chieda aiuto alla Corte Suprema, ha detto una fonte alla CNN.

La causa è sigillata e Trump e il Dipartimento di Giustizia non sono nominati negli atti. L’amministrazione Biden ha ripetutamente rifiutato di far valere il privilegio dell’esecutivo presidenziale in merito alle azioni di Trump il 6 gennaio 2021, quando questioni simili sono emerse in situazioni precedenti.

Altri testimoni che potrebbero essere interessati dalla sentenza includono l’ex direttore dell’intelligence nazionale di Trump John Radcliffe, l’ex consigliere per la sicurezza nazionale Robert O’Brien, l’ex funzionario del Dipartimento per la sicurezza interna Ken Cuccinelli e diversi consiglieri di Trump alla Casa Bianca come Stephen Miller e Don Scavino. La CNN ha confermato alcuni dei testimoni che in precedenza avevano testimoniato davanti al gran giurì, ma potrebbe essersi rifiutata di rispondere ad alcune domande su indicazione di Trump.

Nell’ambito di un’indagine penale più ampia sulle attività post-elettorali di Trump nel 2020 e sulla rivolta del 6 gennaio 2021, il team del consigliere speciale Jack Smith sta cercando la testimonianza del gran giurì da questi assistenti senior di Trump.

La scorsa settimana, Trump si è rivolto alla Corte d’Appello del Circuito DC contestando la sentenza alla base del caso del giudice del tribunale distrettuale Beryl Howell a marzo. Ma lunedì, due degli avvocati di Trump, Evan Corcoran e James Trusty, si sono incontrati con il giudice capo James Bosberg, un altro giudice del tribunale distrettuale che ora supervisiona i procedimenti del gran giurì, per richiedere una sospensione del caso, ha detto la fonte. Ha negato la loro richiesta, spingendo il team di Trump ad andare alla corte d’appello in cerca di soccorsi di emergenza, secondo la fonte.

READ  Il G7 annuncerà il pacchetto di sicurezza a lungo termine per l'Ucraina al vertice della NATO

L’ordine di Howell di rispondere alle domande di Meadows e altri è stato l’ultimo del suo mandato come giudice capo del tribunale distrettuale DC e si è aggiunto a un mucchio di perdite per Trump mentre cercava di impedire ai pubblici ministeri federali di ottenere testimonianze. 6 gennaio 2021 e indagini penali di Mar-a-Lago. Separatamente, Boasberg ha recentemente stabilito che l’ex vicepresidente Mike Pence dovrebbe testimoniare alla stessa udienza.

Trump ha ripetutamente perso le richieste di privilegio esecutivo in tribunale e il Dipartimento di Giustizia è stato in grado di superare il segreto presidenziale a causa dei requisiti di indagine del gran giurì. Sebbene la squadra di Trump abbia criticato le azioni dei pubblici ministeri come eccessive, le decisioni della corte sono in linea con ciò che le indagini penali precedenti al Watergate erano in grado di realizzare.

Questa storia è stata aggiornata con ulteriori informazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *