La Corte Suprema sostiene la mappa del Congresso della Carolina del Sud che ha diluito il suffragio nero



CNN

Corte Suprema La Carolina del Sud, di tendenza repubblicana, sostenne il Congresso Giovedì la mappa ha respinto la tesi dei gruppi per i diritti civili secondo cui i legislatori avrebbero utilizzato la razza come proxy per aumentare le possibilità del GOP.

Ma l’alta corte ha anche affermato che i gruppi per i diritti civili che contestano le mappe potrebbero portare avanti parte della loro richiesta, il che ritarderebbe la battaglia per i distretti di mesi.

Un tribunale federale ha già stabilito a marzo che la Carolina del Sud può utilizzare una mappa contestata nelle elezioni di quest’anno con l’avvicinarsi della scadenza per le elezioni statali.

Il risultato è stato 6-3 lungo le linee conservatore-liberali.

“Ci sono poche prove circostanziali che dimostrino che la razza, e non le preferenze indipendenti, abbia guidato il processo di riorganizzazione distrettuale, e nessuno dei rapporti di esperti presentati dagli sfidanti fornisce un supporto significativo alla loro posizione”, ha scritto il giudice Samuel Alito nel parere della maggioranza.

La Corte Suprema ha precedentemente affermato che non esaminerà i gerrymander partigiani, ovvero le mappe che favoriscono un partito rispetto a un altro. Tuttavia, nel creare questi vantaggi, ai cartografi è vietato fare affidamento principalmente sulla razza quando spostano gli elettori da un distretto all’altro. La sfida è che la razza e l’appartenenza partitica a volte sono allineate, quindi è difficile separare l’una dall’altra.

“La disputa tra i candidati democratici e repubblicani in questo caso è tecnica ma ha enormi ramificazioni legali”, ha affermato Steve Vladek, analista della Corte Suprema della CNN e professore presso la School of Law dell’Università del Texas. “In questo caso, i giudici conservatori hanno effettivamente trasferito il loro giudizio al tribunale distrettuale su ciò che è realmente accaduto, il che potrebbe avere conseguenze oltre il contesto specifico dei casi di razzismo”.

READ  Attacco missilistico Houthi su una nave mercantile uccide tre militari statunitensi

La giudice liberale Elena Kagan, insieme ad altri due liberali, ha scritto in un lungo dissenso sostenendo che la maggioranza “incoraggerebbe i legislatori statali e i cartografi a usare la razza come proxy per raggiungere fini di parte”.

“Vai bene, questa Corte lo dice agli Stati oggi. “Continuate anche se non avete alcuna giustificazione riconosciuta per usare la razza, come ad esempio rispettare le leggi che garantiscono la parità dei diritti di voto”, ha scritto Kagan I democratici in un altro: andate avanti (meglio).”

Ha continuato: “Soprattutto in un campo elettorale dove ‘le forme più brutte di diffusa discriminazione razziale’ hanno regnato a lungo sovrane, dobbiamo chiedere di meglio – per noi stessi, per i nostri rappresentanti politici e per tutta questa Corte”.

Thomas dice che i tribunali dovrebbero smettere di esaminare le denunce di gerrymandering

Il giudice Clarence Thomas ha scritto una concomitanza chiedendosi se i tribunali federali debbano in primo luogo sorvegliare i razzisti.

Sarebbe un drammatico allontanamento dal modo in cui i tribunali federali hanno esaminato per decenni le richieste di riorganizzazione distrettuale, che hanno reso più difficile per gli elettori di minoranza sfidare i razzisti.

“A mio avviso, la corte non ha giurisdizione per giudicare questo tipo di richieste”, ha scritto Thomas.

“Disegnare i distretti politici è compito dei politici, non dei giudici federali. “Non esistono standard amministrabili giudizialmente per risolvere le controversie sulla riorganizzazione distrettuale, e la Costituzione lascia tali questioni esclusivamente ai rami politici”, ha scritto.

Thomas ha fatto riferimento a una sentenza della Corte Suprema del 2019 che ha posto fine al controllo giurisdizionale federale sui gerrymander partigiani e ha suggerito che la stessa logica di tale opinione si applica ai casi di profilazione razziale.

Per entrambi i tipi di controversie, ha scritto Thomas, i tribunali “richiedono ai tribunali di risolvere una questione – la circoscrizione congressuale – che è testualmente affidata al Congresso come campo politico unificato”.

“Un sistema in cui solo gli esperti possono constatare l’esistenza di un danno costituzionale è intollerabile, e il danno razziale non è suscettibile di decisione giudiziaria”, ha detto.

Il caso relativo alle mappe della Carolina del Sud è uno dei numerosi casi di riorganizzazione distrettuale di alto profilo da portare alla Corte Suprema in seguito al censimento del 2020 e alla ridefinizione, una volta ogni decennio, dei distretti congressuali per tenere conto dei cambiamenti nella popolazione. L’anno scorso, una maggioranza di 5 voti a favore e 4 contrari ha votato per ridisegnare la mappa del Congresso dell’Alabama dopo che alcuni gruppi avevano sostenuto che ciò violava lo storico Voting Rights Act del 1965. Un caso di riorganizzazione distrettuale correlato dalla Louisiana Si sta ancora facendo strada attraverso i tribunali federali.

I repubblicani attualmente detengono una maggioranza risicata nella Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti e simili battaglie legali ne sono il risultato Aiuta a determinare quale partito ha il controllo Consiglio quando il nuovo Congresso si riunirà l’anno prossimo. In Alabama, le nuove mappe potrebbero diventare democratiche. Le nuove mappe in Georgia e Carolina del Nord, al contrario, preservano o migliorano le possibilità del GOP.

Nella Carolina del Sud, nel 2020 è stato sorteggiato un distretto in difficoltà a beneficio del GOP. La NAACP South Carolina State Convention e Taiwan Scott, un elettore nero, hanno affermato che l’uso della razza ha dominato il processo decisionale e che lo stato ha agito per diluire deliberatamente il potere degli elettori neri. Una corte federale ha acconsentito, definendo la mappa rivista “whiteout”.

Mentre i repubblicani sono stati eletti costantemente nel distretto costiero dal 1980 al 2016, nel 2018 è stato eletto un democratico in mezzo ai disordini politici.

Due anni dopo, la rappresentante repubblicana Nancy Mays vinse il seggio in una corsa serrata. Mentre i legislatori statali iniziano a prendere in considerazione nuove mappe del Congresso nel 2021, la maggioranza repubblicana ha cercato di creare una forte inclinazione del GOP nel distretto. Attualmente lo possiedono i repubblicani Sei dei sette distretti dello stato.

Dopo un processo durato otto giorni che coinvolse 42 testimoni e 652 reperti, A Un collegio di tre giudici del tribunale distrettuale L’anno scorso, una mappa della Carolina del Sud affermava che era un gerrymander incostituzionale basato sulla razza che violava la clausola di pari protezione perché la razza era un fattore importante nella riorganizzazione distrettuale.

I repubblicani della Carolina del Sud, guidati dal presidente del Senato statale Thomas Alexander, hanno fatto appello alla Corte Suprema all’inizio dello scorso anno, sostenendo in parte che le mappe erano state disegnate pensando alla politica – non alla razza.

Un problema ricorrente nel caso è che i querelanti che hanno contestato la mappa non hanno fornito una mappa alternativa per dimostrare perché i nuovi distretti potrebbero raggiungere gli stessi obiettivi partigiani senza avere un impatto significativo sulla razza.

“Abbiamo ripetutamente osservato che questo tipo di mappatura alternativa può fare molto per aiutare i querelanti a superare le divisioni razziali e politiche”, ha scritto Alito. “Una mappa alternativa può svolgere l’importante compito di distinguere le motivazioni razziali e politiche quando razza e faziosità sono strettamente intrecciate.”

Questa storia è stata aggiornata con ulteriori dettagli.

Fredreka Schouten della CNN ha contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *