La crescita dell’occupazione negli Stati Uniti rallenta a giugno; Il tasso di disoccupazione scende al 3,6%

WASHINGTON, 7 luglio (Reuters) – La crescita dell’occupazione negli Stati Uniti è rallentata più del previsto a giugno, ma le condizioni del mercato del lavoro sono rimaste tese, il tasso di disoccupazione è sceso dai massimi di sette mesi e sono continuati gli aumenti salariali molto forti.

I libri paga non agricoli sono aumentati di 209.000 posti di lavoro il mese scorso, ha affermato venerdì il Dipartimento del lavoro nel suo rapporto sull’occupazione attentamente monitorato. I dati di maggio sono stati rivisti al ribasso per mostrare che i libri paga sono aumentati di 306.000 invece di 339.000 come riportato in precedenza.

Gli economisti intervistati da Reuters avevano previsto un aumento dei salari di 225.000. L’economia ha bisogno di creare 70.000-100.000 posti di lavoro al mese per tenere il passo con la crescita della popolazione in età lavorativa. Il tasso di disoccupazione è sceso al 3,6% dal 3,7% di maggio.

Nonostante la lenta crescita dell’occupazione, il mercato del lavoro rimane debole nonostante l’offerta della Federal Reserve di 500 punti base di aumenti dei tassi a partire da marzo 2022, la sua più rapida campagna di inasprimento della politica monetaria in oltre 40 anni. Per ora, l’economia sta contribuendo a sfidare le previsioni degli economisti di una recessione.

La retribuzione oraria media è aumentata dello 0,4% il mese scorso. Nei 12 mesi fino a giugno, i salari sono aumentati del 4,4%, eguagliando l’anticipo di maggio.

La crescita annuale dei salari è troppo alta per essere coerente con l’obiettivo di inflazione del 2% della banca centrale. Dopo la pausa di giugno, la Federal Reserve americana è quasi certa di alzare i tassi di interesse verso la fine del mese, come segnalato dal presidente della Fed Jerome Powell.

READ  Madre, figlio di 1 anno ucciso nell'attacco di un orso polare in Alaska

Mentre industrie ben pagate come la tecnologia e la finanza stanno eliminando i lavoratori, settori come il tempo libero e l’ospitalità e l’istruzione del governo locale stanno perdendo dipendenti e subendo rapidi licenziamenti durante la pandemia di COVID-19.

Le aziende stanno anche accumulando lavoratori nel 2021 e all’inizio del 2022, un retaggio di gravi carenze di manodopera mentre l’economia si riprende dalle ricadute del COVID-19.

Ma alcuni economisti hanno sostenuto che l’accaparramento del lavoro mascherasse la debolezza dell’economia, indicando la produttività del lavoro, che è diminuita nel primo trimestre. Hanno notato che mentre il prodotto interno lordo, una misura tradizionale della crescita economica, è stato solido nel trimestre gennaio-marzo, una misura alternativa, il reddito interno lordo, si è contratto per due trimestri consecutivi.

Mentre le aziende si accontentano di accumulare lavoratori per ora, la situazione potrebbe cambiare man mano che la minore spesa dei consumatori inizia a erodere i profitti, hanno affermato gli economisti, prevedendo importanti licenziamenti.

Il rallentamento della crescita salariale è stato determinato, tra l’altro, dalla perdita di posti di lavoro altamente retribuiti nel settore tecnologico e finanziario, il che implica una riduzione della spesa dei consumatori, un’ancora chiave dell’economia.

Relazione di Lucia Muticani; Montaggio di Daniel Wallis e Chisu Nomiyama

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *