domenica, 15 Settembre, 2019
Ultime notizie

La lezione della Lucchese

Riportiamo un aggiornamento relativo alle incredibili vicende societarie della Lucchese, i cui tifosi sono gemellati con quelli gialloblù e stanno vivendo giornate d’inferno. Uno stato di cose che si ripete per la terza volta in dieci anni e sta fiaccando la voglia di calcio nella città toscana. Una situazione kafkiana, per come la descrive gazzettalucchese.it > Lucchese nel baratro.

Riporta i tifosi gialloblù, e non solo, a brutte storie che hanno marcato gli ultimi decenni bui. Perché la ruota gira, nel calcio precario del terzo millennio (> QUI). Non si sa mai  a chi toccherà restare con il cerino in mano. A Viterbo stiamo vivendo anni tranquilli solo grazie alla famiglia Camilli. Teniamolo bene a mente.

* * * * * * * * * 

“Un’altra giornata da incubo, una fine che di nuovo torna a materializzarsi dopo i due fallimenti del 2008 e del 2011. La Lucchese è di nuovo appesa a un filo e al termine di una giornata frenetica non è ancora chiaro il suo destino.

Dopo che con un colpo degno di un prestigiatore di quinta categoria Lorenzo Grassini si è sfilato, senza aver tirato fuori praticamente un euro o quasi in fase di iscrizione, sostenendo di essere stato fatto oggetto di minacce da parte di anonimi con tanto di denuncia, la situazione del club rossonero, già alle prese con sicure penalizzazioni, è tracollata. Come le promesse di pagamento, mai realizzate.

Arnaldo Moriconi, che da un eventuale fallimento ha molto sicuramente da temere visto che di fatto è stato il proprietario per un anno e mezzo della Lucchese, ha provato nella giornata di ieri a trovare nuovi acquirenti, mentre il termine per il ripianamento (la mezzanotte del 6) è trascorso a quanto pare invano. E dunque la Lucchese verrà deferità anche per questo, rischiando nuove e ulteriori penalizzazioni.

Nella serata di ieri Moriconi, in compagnia del commercialista Matteo Romani, di Giuseppe Bini di Città Digitali e del presidente di Lucca Unite Stefano Galligani in nome dei tifosi, si è recato a Firenze per incontrare un possibile intermediario dietro cui ci celerebbe un gruppo di imprenditori. Una strada a dir poco nebulosa e con profili, nella migliore delle ipotesi da chiarire, nella peggiore, invece, che portano a qualcuno tra i tanti che speculano su società in disgrazia. Dall’incontro non è trapelato nulla, se non che dovrebbe esserci un seguito nella giornata di oggi. Il tutto mentre la Lucchese non ha praticamente un giocatore, ma ha un direttore generale un allenatore e un vice a libro paga”.

gazzettalucchese.it

DI Sergio Mutolo

Sergio Mutolo
Innamorato da una vita dei colori gialloblù, prova a tenere viva in rete la "grande storia del club". Su Calciopress si dedica alle criticità del sistema calcio, con particolare attenzione alla Serie C, sempre schierato dalla parte dei tifosi.

Leggi anche

Cerignola dentro, in C cambiano i calendari?

Il dispositivo pubblicato dal Collegio di Garanzia dello Sport del CONI ha dato ragione all’Audace …