La Russia bandisce 500 americani, compresi i giornalisti della CNN



Cnn

L’ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama, il conduttore televisivo a tarda notte Stephen Colbert e Erin Burnett della CNN sono tra i “500 americani” a cui è stato vietato l’ingresso in Russia.

La Russia ha annunciato venerdì che sta vietando a “500 americani”, diverse figure chiave del ramo esecutivo degli Stati Uniti, di entrare nel paese, secondo una dichiarazione del ministero russo. Affari Esteri.

L’elenco include Obama, l’ex ambasciatore degli Stati Uniti John Huntsman, diversi senatori statunitensi e il prossimo presidente atteso del Joint Chiefs, Charles Q. Marrone jr.

L’elenco dei nomi in voga include anche i conduttori televisivi americani Jimmy Kimmel, Colbert e Seth Meyers.

La dichiarazione aggiungeva: “La ‘Lista-500’ allegata include persone del governo e delle forze dell’ordine che sono state direttamente coinvolte nel molestare i dissidenti sulla scia della cosiddetta Tempesta del Campidoglio”. Il 6 gennaio 2021, un gran numero di sostenitori dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha tentato di bloccare la certificazione presidenziale di Biden e ha preso d’assalto la capitale degli Stati Uniti.

Il presidente russo Vladimir Putin ha messo in dubbio gli arresti dei rivoltosi mesi dopo, dicendo che la gente era venuta al Congresso con “richieste politiche”. Lo ha riferito Reuters.

L’elenco di venerdì include l’ancora della CNN Erin Burnett ed è un aggiornamento di un lungo elenco precedentemente pubblicato di individui sanzionati che include il principale corrispondente per la sicurezza internazionale della CNN Nick Patton Walsh, i collaboratori della CNN Bianna Golodryga e Timothy Naftali.

Sebbene nominato come uno dei “500 americani” nell’elenco, Patton Walsh è un cittadino britannico.

Il ministero ha giustificato le sanzioni in una dichiarazione sul suo sito web: “È tempo che Washington impari che anche un attacco ostile contro la Russia non andrà senza una forte risposta”.

Non specifica le denunce contro ogni individuo né spiega quali sono le restrizioni al di là del divieto di ingresso nella contea.

Inoltre, il ministero ha affermato di aver continuato a negare la richiesta dell’ambasciata americana di accesso consolare al giornalista statunitense Ivan Gershkovich “a causa del mancato rilascio dei visti ai giornalisti russi del pool Lavrov”, un apparente riferimento alla visita del ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov. In America ad aprile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *