La Russia ha colpito le città ucraine con attacchi aerei durante la notte

KIEV, 20 giugno (Reuters) – La Russia ha lanciato martedì un attacco aereo notturno diffuso contro l’Ucraina, prendendo di mira strutture militari e infrastrutturali a Kiev e in altre città, hanno detto martedì funzionari.

L’Ucraina afferma di aver abbattuto 32 dei 35 droni Shahed iraniani lanciati dalla regione russa di Bryansk e dal Mar d’Azov.

Non sono state segnalate vittime nei recenti attacchi aerei di Mosca da quando Kiev ha lanciato una controffensiva che sostiene di aver riconquistato 113 km quadrati (44 miglia quadrate) di territorio dalle forze russe.

Le difese aeree sono attive sulla maggior parte dell’Ucraina, ha affermato l’aeronautica sull’app di messaggistica Telegram.

“Tuttavia, la direzione principale degli attacchi dei droni iraniani era la regione di Kiev. Due dozzine di Shahed sono stati distrutti qui”, ha detto sull’app di messaggistica Telegram.

Serhii Babko, capo dell’amministrazione militare di Kiev, ha dichiarato che l’allerta aerea nella capitale è durata più di tre ore. Non ha fornito dettagli sui danni.

Un’infrastruttura critica non specificata è stata colpita nella città di Lviv, a 70 km (43 miglia) dal confine con la Polonia, membro della NATO, e alcune linee del tram sono state deviate durante l’ora di punta mattutina, hanno detto i funzionari.

“Hanno colpito una struttura importante. Ci sono stati tre colpi”, ha detto il governatore regionale Maksym Kozytskiy.

La Russia ha anche colpito la città industriale sud-orientale di Zaporizhzhya con missili Iskander e S-300, ha detto l’aeronautica.

READ  Notizie sulla guerra Russia-Ucraina: aggiornamenti in tempo reale

Yury Malashko, capo dell’amministrazione militare della regione di Zaporozhye, ha affermato che la Russia ha preso di mira le infrastrutture di telecomunicazione e le risorse agricole e agricole.

Secondo i rapporti iniziali, la Russia ha lanciato sette missili contro Zaporizhia, ha detto l’esercito ucraino.

Reuters non ha potuto verificare in modo indipendente i rapporti. Non ci sono stati commenti immediati dalla Russia.

Reportage di Olena Harmash a Kyiv e Lydia Kelly a Melbourne; Montaggio di Timothy Heritage

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *