La Russia lancia missili contro l’Ucraina: aggiornamenti in tempo reale

debito…Bryce Wilson, via Reuters
debito…Chris Barry, tramite Instagram, tramite Reuters

Due cittadini britannici, Andrew Bagshaw e Chris Barry, hanno lasciato la città di Kramatorsk alle 8 del mattino del 6 gennaio e si sono diretti a est verso la linea del fronte dell’Ucraina con la Russia, ha detto la polizia ucraina.

La loro missione era evacuare una donna anziana a Soledar, una piccola città dove le forze russe e ucraine stavano combattendo una brutale battaglia, secondo un operatore umanitario a conoscenza della questione.

Non sono mai tornati.

Le domande sul loro destino sono rimaste fino a martedì, quando Mr. La famiglia di Barry ha dichiarato in una dichiarazione rilasciata dal Ministero degli Esteri britannico che “la nostra cara Chrissy” e Mr. Bagshaw ha confermato che sono stati “uccisi mentre cercavano di evacuarli umanamente da Solatar”.

“Il suo impegno disinteressato nell’aiutare gli anziani, i giovani e i meno privilegiati là fuori ha reso noi e la sua famiglia allargata molto orgogliosi”, si legge nella nota.

Si ritiene che il veicolo degli uomini sia stato colpito dal fuoco dell’artiglieria, sebbene le indagini siano in corso, ha affermato il sig. I genitori di Paksha hanno detto in un posto. Conferenza stampa. Temevano una simile decisione, ma si sono detti “molto orgogliosi” del suo lavoro.

Sig. Bagshaw, 47 anni, e il sig. Barry, 28 anni, faceva parte di un gruppo ad hoc di stranieri senza esperienza di combattimento che hanno aiutato a evacuare i civili dal fronte, hanno detto persone familiari. Sig. Barry e Mr. I numerosi esodi di Paksha Documentato Di Giornalisticompreso Arnaud De Decker, che ha condiviso Signor a Pakmut. Le opinioni di Barry Pochi giorni prima che scomparisse.

READ  Il quarterback diretto in Florida Jaden Rashada chiede il rilascio della borsa di studio tra le polemiche NIL: fonti

Le loro morti sono un duro promemoria del pericolo affrontato da coloro il cui lavoro è diventato un’ancora di salvezza nel Donbass, dove molti ucraini sono intrappolati in una delle peggiori zone di guerra che l’Europa abbia visto dalla seconda guerra mondiale.

Gennaio. 6, i due “sono andati a un indirizzo molto pericoloso”, ha detto Kreskors Rybak, che ha lavorato con entrambi e Mr. Un altro volontario straniero che ha vissuto con Paksha per due settimane a Kramatorsk. “Non sono mai tornati”.

PMC Wagner, un famigerato mercenario che combatte per conto della Russia, ha affermato di aver trovato uno dei corpi degli uomini una settimana dopo la loro scomparsa. Il signor Vaishniakov è un volontario presso la Fondazione Pavlo Vyshnyakov, un ente di beneficenza con sede a Kiev che invia risorse tra cui cibo e forniture mediche a civili, ospedali e militari. Il team ha pubblicato le foto dei loro passaporti su Telegram insieme a un certificato che identifica Barry. gruppi. La fiducia ha rifiutato di commentare.

L’affermazione di Wagner non poteva essere verificata all’epoca e i media statali russi affermarono, senza prove, che si trattava di mercenari.

La guerra in Ucraina è un problema umanitario. Le condizioni in alcune aree sono troppo pericolose per la permanenza dei residenti, o molte organizzazioni internazionali consentono al proprio personale di entrare, ha affermato Abby Stoddart, analista di politiche umanitarie.

Quindi alcune evacuazioni pericolose vengono effettuate da volontari indipendenti – “in altre parole, persone con risorse limitate per mantenere le persone al sicuro”, ha detto la signora Stoddard.

Brian Stern è un attore americano che ha co-fondato un umanitario Operazione di salvataggio, ha descritto gli sforzi di evacuazione in prima linea in Ucraina come “tutti contro tutti”. Mentre i volontari stranieri vengono in Ucraina con buone intenzioni, la maggior parte “non sa cosa sta facendo”, ha detto.

READ  L'economia cinese è cresciuta del 4,5% nel primo trimestre, la più rapida in un anno

“È una storia davvero triste”, ha detto.

Sig. Barry era un ingegnere del software che amava viaggiare per il mondo, ha detto la sua famiglia.

All’inizio di gennaio, ha detto Una stazione locale della BBC In Cornovaglia, dove è cresciuto, “non sapeva nulla” dell’Ucraina prima dell’invasione, ma era “ossessionato” dall’aiutare. Aveva intenzione di unirsi ai combattenti stranieri ma, non avendo esperienza di combattimento, ha invece acquistato un furgone e ha iniziato a lavorare come autista di evacuazione lo scorso marzo.

Su Instagram Posta Pochi giorni dopo il suo arrivo, il sig. Barry ha scritto che aveva paura di un viaggio programmato a Kharkiv perché “tutti quelli con cui ho parlato credevano che ci fosse una possibilità molto forte che morissi”.

Sig. Bagshaw era un genetista britannico che era tra un lavoro e l’altro a Christchurch, in Nuova Zelanda, la scorsa primavera quando ha deciso di visitare l’Ucraina, ha scritto un fotoreporter che lo ha incontrato. Araldo della Nuova Zelanda In ottobre. La sua famiglia ha detto ai giornalisti che credeva che fosse “la cosa moralmente giusta da fare”.

Sig. tradotto per i volontari. Rybak ha affermato che la loro operazione temporanea è stata in gran parte svolta da una piccola comunità di lingua inglese a Gramadorsk. Sig. Barrio o Mr. Ha detto che Pakshao non parlava ucraino o russo.

Gli ucraini contatterebbero gli operatori umanitari locali sui parenti vicino a Pakmut ei loro indirizzi sarebbero trasmessi ai volontari, che li evacuerebbero nella zona del conflitto, spesso con veicoli donati o finanziati dalla folla. I viaggi sono imprevedibili, sig. Rybak ha detto che a volte gli indirizzi sono vuoti oi residenti fanno resistenza a trasferirsi.

READ  La banca centrale ha mantenuto i tassi stabili e prevede un solo taglio quest’anno

Dopo la guerra gli uomini avevano dei piani. Sig. Barry aveva un partner che voleva sposare, Mr. Rybak ha ricordato, e Mr. Bagshaw voleva continuare la sua carriera scientifica.

“Volevano vivere”, ha detto.

Thomas Gibbons-Neff Rapporto contribuito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *