La SEC ha citato in giudizio Coinbase, definendolo un broker di criptovalute non registrato

Stock di Adobe

La SEC ha citato in giudizio Coinbase per aver agito come broker non registrato.


New York
Cnn

Il principale regolatore di Wall Street sta prendendo di mira alcuni dei più grandi nomi delle criptovalute in un giro di vite normativo che ha scosso il settore degli asset digitali, accusandoli di violare le leggi statunitensi sui titoli.

Martedì, la Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti ha citato in giudizio Coinbase, il più grande scambio di criptovalute degli Stati Uniti, per presunta attività di broker non registrato. Quella denuncia è arrivata meno di 24 ore dopo essere stata presentata Un caso simile contro il concorrente straniero Binance.

“Almeno dal 2019, Coinbase ha guadagnato miliardi di dollari acquistando e vendendo illegalmente titoli di criptovalute”, ha affermato la SEC. Comunicato stampa. “Coinbase combina i servizi tradizionali di uno scambio, broker e agente di regolamento senza registrarsi presso la Commissione come richiesto dalla legge.”

La mancata registrazione di Coinbase “ha privato gli investitori di protezioni significative”, ha affermato la SEC.

Il CEO di Coinbase, Brian Armstrong, ha dichiarato martedì in un tweet di essere “orgoglioso di rappresentare l’industria in tribunale per ottenere finalmente un po’ di chiarezza sulle regole delle criptovalute”. Ma ha respinto la SEC, che ha notato riconoscere l’attività della piattaforma crittografica quando ha permesso a Coinbase di diventare pubblica nel 2021.

“Non c’era modo di ‘entrare e registrarsi’ – abbiamo provato ancora e ancora.” Ha scritto. “Invece di emanare un regolamento chiaro, la SEC ha adottato un regolamento che danneggia l’America attraverso un approccio di applicazione. Quindi, se i tribunali devono essere usati per cercare chiarezza, così sia.

READ  Avon: DEEP – NBC Bear soppresso dopo aver morso una donna di 74 anni nel Connecticut

In una dichiarazione alla CNN, il chief legal officer di Coinbase, Paul Grewal, ha fatto eco alla dichiarazione di Armstrong, aggiungendo: “La legislazione che consente di creare apertamente regole della strada eque e applicarle in modo equo è la soluzione, non la causa”.

Martedì le azioni di Coinbase sono scese di oltre il 12%.

Il caso Coinbase arriva sulla scia di una simile denuncia della SEC contro Binance, il più grande scambio di criptovalute al mondo. Nelle 24 ore successive alla citazione in giudizio da parte della società di Binance, gli investitori hanno prelevato circa 790 milioni di dollari dalla piattaforma e dalla sua controllata statunitense, ha dichiarato martedì la società di dati Nansen.

Ho visto Binance I deflussi netti sono stati di $778,6 milioni I token crittografici sulla blockchain di Ethereum, insieme alla sua sussidiaria americana Binance.US, registrano un deflusso netto di 13 milioni di dollari, ha twittato Nansen.

Lunedì un portavoce di Binance ha affermato che la società prende sul serio le accuse della SEC, ma ritiene che le accuse dell’agenzia siano “ingiustificate” e che la società sia stata presa di mira a causa delle sue dimensioni e del riconoscimento del nome.

La crescente repressione normativa ha sorpreso gli investitori di criptovalute, che sono rimasti scioccati dall’esplosione dello scorso anno di FTX, una stella nascente che ha bruciato in modo spettacolare ed è ora una merce. Una massiccia indagine federale per frode. Da allora, i prezzi delle risorse digitali sono diminuiti e le autorità di regolamentazione hanno intensificato il controllo del settore.

Le società di criptovalute hanno resistito a lungo a classificare i loro prodotti come titoli o materie prime tradizionali, sostenendo che si tratta di un tipo completamente nuovo di risorsa digitale che richiede regole e regolamenti su misura. La SEC non è d’accordo e ha spesso affermato che la maggior parte delle offerte di criptovalute sono titoli che dovrebbero essere regolamentati come azioni e obbligazioni a Wall Street.

READ  La Turchia taglia il commercio con Israele, citando le condizioni a Gaza: aggiornamenti in tempo reale

Le azioni legali contro due dei più grandi nomi delle criptovalute potrebbero aiutare a forzare la questione normativa spingendo il Congresso ad agire e, infine, le revisioni giudiziarie.

“Questo caso potrebbe non essere positivo per Coinbase, ma dovrebbe esserlo per lo spazio crittografico”, hanno scritto martedì gli analisti di TD Cowen. “Indipendentemente da come decide il giudice, le criptovalute dovrebbero rimanere vicine alle regole finali lungo la strada.”

– Matt Egan della CNN ha contribuito alla segnalazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *