martedì, 3 Agosto, 2021

La Serie C riparte da tre criticità: capienza degli stadi, campagna abbonamenti e protocolli sanitari

Fino a quando potrà reggere la serie C se si continuerà a giocare a porte chiuse? La “telenovela” estiva delle iscrizioni è andata fin troppo bene, considerato il momento difficile attraversato da una categoria che non ha avuto introiti durante la scorsa stagione. Servono interventi concreti, anche dall’alto per rimettere in marcia una terza serie nazionale che, al momento, è tenuta in piedi dalla generosità senza limiti dei presidenti.

In quanto agli stadi, l’ultima revisione dei protocolli sanitari diffusa dalla Figc di Gabriele Gravina parla di una riapertura soltanto parziale degli impianti sportivi, con capienza non superiore al 25%. Non certo il massimo per quanti avrebbero la sia pur minima voglia di contribuire, con una sponsorizzazione, al sostegno economico dei club.

Il presidente della Lega Pro, Francesco Ghirelli (nella foto), è intervenuto ai microfoni di Tcf Tv per tenere alta l’attenzione su questo tema molto delicato in prospettiva per la stessa sopravvivenza della Serie C: “Abbiamo sicuramente ancora problemi di sostenibilità economica e dobbiamo accompagnare tutti i club. Veniamo da un campionato e mezzo in cui gli stadi sono rimasti chiusi e le risorse fondamentali per la serie C vengono proprio dagli incassi e dal botteghino”.

Occorrono interventi urgenti anche a livello governativo. Sul punto il numero uno della Lega Pro è stato molto chiaro, anche in relazione all’apertura delle campagne abbonamenti: “Non si deve arrivare a settembre, il governo deve darci immediate indicazioni per gli stadi in ottica campagna abbonamenti. Il problema sarebbe serissimo per i club se non dovesse essere avviata per il secondo anno di fila. Ne ho parlato con la sottosegretaria Vezzali e so che il presidente Gravina ci sta lavorando”.

Molto rilevante, in rapporto all’impegno economico, anche il problema della sostenibilità economica dei protocolli sanitari per il contenimento dell’epidemia. Anche qui Ghirelli  ha messo le mani avanti: “Stiamo pensando anche alla questione protocolli, in modo tale da alleggerirli”.

L’avviso ai naviganti non poteva essere più esplicito. Presto, che è tardi!

DI Sergio Mutolo

Innamorato da una vita della Viterbese, prova a tenere viva in rete la 'grande 'storia del club'. Direttore responsabile di Calciopress su Cuori Gialloblu si dedica alle criticità del sistema calcio, con particolare riferimento alla Serie C, sempre dal punto di vista dei tifosi.

Leggi anche

Serie C, il Coni esclude quattro club. Solo la Paganese resta in Lega Pro

Il Collegio di Garanzia del Coni (nella foto) ha bocciato il ricorso del Chievo Verona, …