La “stanchezza di Trump” complica l’offerta della Casa Bianca del 2024 nel New Hampshire

WEARE, New HampshireJan. 27 (Reuters) – Donald Trump ha sconfitto i suoi rivali repubblicani nelle primarie del New Hampshire del 2016 con una straordinaria vittoria che ha preannunciato altri stati come un serio contendente per il reality showman. Trump ha conquistato la nomination repubblicana e poi la Casa Bianca.

Ma mentre l’ex presidente inizia il suo tentativo di riconquistare la Casa Bianca nel 2024 con un discorso nel New Hampshire sabato – il suo primo in uno stato delle primarie – troverà il panorama politico più insidioso di quanto non abbia fatto sei anni fa. Per attivisti di partito, membri e strateghi nello stato.

Nelle interviste con 10 funzionari e membri del Partito Repubblicano del New Hampshire, alcuni dei quali hanno lavorato alla campagna delle primarie di Trump del 2016 e tutti erano convinti sostenitori di Trump in passato, Reuters ha trovato solo tre che questa volta sono rimasti con lui, incluso il governo. Il presidente, un’influente figura repubblicana così innamorata di Trump, si dimetterà sabato per aiutare la sua campagna.

Gli altri erano stanchi delle polemiche di Trump, eccitati dal dramma continuo e freschi per la sconfitta di Trump nel 2020, che pensavano di avere buone possibilità di vincere nel 2024.

La campagna di Trump non ha risposto alle richieste di commento.

La protesta pubblica per l’ex presidente è uno sviluppo preoccupante per Trump. Una sconfitta complicherebbe le sue possibilità di vincere la candidatura del partito alla presidenza, dicono gli analisti, perché il New Hampshire spesso dà slancio a un candidato mentre si sposta in altri stati primari.

La mancanza di entusiasmo per l’ex presidente e le sue possibilità di vincere nel 2024 potrebbero danneggiare Trump, poiché gli attivisti del partito svolgono un lavoro fondamentale per i candidati, come bussare alle porte e fare telefonate per raccogliere fondi e aumentare l’affluenza alle urne.

La maggior parte dei membri del partito del New Hampshire che si sono raffreddati su Trump hanno affermato di preferire il governatore della Florida Ron DeSantis come portabandiera del partito, sebbene DeSantis non abbia ancora detto se lancerà un’offerta alla Casa Bianca.

READ  L'incidente di Elon Musk con Ron DeSantis mette a nudo le debolezze di Twitter

“Donald Trump è una distrazione per il Partito Repubblicano in questo momento che cerca di andare avanti. Donald Trump ha fatto il suo corso”, ha detto il membro del comitato repubblicano della contea di Hillsborough Brian Sullivan, 60 anni, che ha sostenuto Trump nelle primarie del 2016.

“Mi piacerebbe vedere qualcuno come Ron DeSantis in gara”, ha detto Sullivan.

Mentre gli piacciono le politiche di Trump e ammira i suoi successi in carica, “ha un sacco di bagagli. Non credo che abbia quello che serve per riconquistare la Casa Bianca”, ha detto Sullivan.

Tre repubblicani che sostengono Trump hanno affermato che la sua base nel New Hampshire è entusiasta, che ha un forte riconoscimento del nome, che a molti elettori repubblicani piacciono i suoi risultati politici mentre è in carica e che gli danno un ottimo record a differenza di altri potenziali candidati.

La campagna di Trump ha affermato in una e-mail ai sostenitori che un sondaggio del 24 gennaio dell’Emerson College Poll mostra che DeSantis è in testa dal 55% al ​​29% a livello nazionale tra gli elettori repubblicani.

Eppure la disponibilità dei repubblicani a criticare Trump nelle conversazioni con Reuters è stata sorprendente. Alcuni funzionari e membri repubblicani che hanno rotto con Trump in passato hanno dovuto affrontare contraccolpi e trolling online da parte dei suoi sostenitori.

Lori Davis, 67 anni, è entrata nella politica repubblicana di base a causa di Trump. Quando ha annunciato la sua candidatura nel 2015, è rimasto impressionato. Ha lavorato alla sua campagna per le primarie nel New Hampshire, bussando alle porte per lui ed esortando chiunque incontrasse a votare per lui.

Non questa volta.

“Mi piace Donald Trump, ma è diventato così polarizzante. Sarà una battaglia in salita per lui in queste primarie a causa della sua divisione. La gente è stanca del dramma”, ha detto Davis davanti agli hamburger a casa sua.

“Vedo che la gente ama DeSantis. Ha molta filosofia Trump, ma non è ampolloso, non attacca le persone 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Le persone sono stanche di questo. Fa loro venire il mal di testa”, ha detto Davis.

READ  La Nuova Zelanda vieterà TikTok sui dispositivi collegati al parlamento, citando problemi di sicurezza

“La gente vuole un vincitore”

E non è solo nel New Hampshire dove Trump deve affrontare potenziali venti contrari. Alcuni dei donatori miliardari che hanno finanziato le sue precedenti campagne devono ancora donare. Tra loro ci sono il miliardario degli hedge fund Robert Mercer e sua figlia Rebecca Mercer. Ha già donato al gruppo politico di DeSantis.

Il New Hampshire gioca un ruolo importante nella selezione dei candidati alla presidenza, poiché è il secondo concorso per le nomine dopo i caucus dell’Iowa.

Il vincitore delle primarie repubblicane del New Hampshire nel 2000 è stato George W. Sebbene Bush non abbia vinto le elezioni generali nello stato, è visto come un test importante nel processo di nomina.

Chris Maidment, presidente del comitato repubblicano della contea di Hillsborough, ha descritto l’umore tra molti membri come “stanchezza di Trump”, aggiungendo: “Sono decisamente di mentalità aperta a questo punto. Ci sono molti candidati entusiasmanti”.

Trump ha perso la maggior parte delle elezioni del Congresso a favore dei Democratici a novembre. I repubblicani hanno perso il controllo di entrambe le camere del Congresso nei quattro anni di Trump come presidente dalla sua vittoria nel 2016 sul democratico Hillary Clinton, e ha perso le elezioni del 2020 a favore del suo avversario democratico, Joe Biden.

“La gente vuole un vincitore e le elezioni riguardano il futuro. I repubblicani vogliono qualcuno che possa vincere e non assecondare la sinistra. Trump lo rappresentava prima, ma non sono sicuro che lo rappresenti ora”, ha detto Neal. Levesque è direttore esecutivo del New Hampshire Institute of Politics al Saint Anselm College.

Un sondaggio di Levesque sugli elettori primari repubblicani nel New Hampshire poco prima delle elezioni dello scorso novembre ha rilevato che Trump era dietro a DeSantis dal 38% al 47%. Complessivamente, il 50% degli elettori statali aveva un’opinione “fortemente sfavorevole” di Trump, con solo il 22% “fortemente favorevole”.

Un altro fattore complicante per Trump questa volta è che gli indipendenti possono votare alle primarie repubblicane e democratiche del New Hampshire. Se Biden si candiderà di nuovo, le primarie democratiche saranno incontrastate e molti indipendenti potrebbero scegliere di votare alle primarie repubblicane, dove i loro voti avranno un impatto maggiore.

READ  McCarthy dice che incontrerà Biden dopo una chiamata sul tetto del debito "produttivo".

“Gli indipendenti stanno andando in campo. Molti indipendenti voteranno contro Trump. Non è una buona notizia per lui”, ha detto Tom Roth, uno stratega repubblicano nel New Hampshire.

I sondaggi nel New Hampshire e altrove mostrano Trump impopolare con una maggioranza di indipendenti.

Nonostante i segni di stanchezza con Trump, alcuni strateghi del partito hanno affermato che sarebbe ancora un candidato forte alle primarie del New Hampshire.

“È ancora alla guida del 2023. Si chiama ID, ha una solida base di sostenitori. La sua influenza è ancora significativa”, ha dichiarato Jim Merrill, uno stratega senior del New Hampshire Republican Party.

Mentre il campo dei contendenti potrebbe crescere quest’anno, Trump è l’unico repubblicano che ha annunciato finora il suo candidato. L’ex vicepresidente di Trump Mike Pence DeSantis e l’ex governatore della Carolina del Sud Nikki Haley dovrebbero entrare in gara.

Attenersi al vero affare

Per l’ex rappresentante di stato Steve Stepanek, il primo funzionario eletto nel New Hampshire ad appoggiare Trump nel 2015 e presidente del Partito Repubblicano del New Hampshire, quei potenziali rivali sono pallide sfumature della realtà.

È stato un convinto sostenitore dell’ex presidente e ha detto a Reuters che si dimetterà da presidente del partito perché vuole essere coinvolto nell’ultima campagna di Trump.

Un sostituto sarà scelto sabato in un caucus, dove Trump sarà l’oratore principale. Non è chiaro se la partenza di Stepanek allenterà la presa di Trump sulla macchina del partito.

Stepanek ha accusato gli oppositori repubblicani di essere addetti ai lavori repubblicani, non elettori ordinari che decidono le primarie.

“Crederai a un candidato che dice che continuerà le politiche di Trump – o a una persona che seguirà le politiche di Trump?”

Segnalazione di Tim Reid a Ware, New Hampshire; Montaggio di Ross Colvin e Suzanne Goldenberg

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *