La Turchia affronta un secondo turno elettorale dopo che Erdogan è sopravvissuto al primo test

  • Né Erdogan né il suo rivale hanno raggiunto la soglia del 50%.
  • Il governo ventennale di Erdogan è in gioco
  • Seconda tappa il 28 maggio
  • I sondaggi prevedevano una gara serrata, con Kilicdaroglu in testa

ISTANBUL, 14 maggio (Reuters) – Né Tayyip Erdogan né il rivale Kemal Kilicdaroglu domenica hanno superato la soglia della vittoria assoluta, spingendo la Turchia a una seconda elezione presidenziale nonostante Erdogan abbia fatto meglio del previsto nella battaglia per estendere il suo governo ventennale.

Con il 96% delle urne contate, Erdogan era in testa con il 49,44% e Kilicdaroğlu con il 44,86%, secondo l’agenzia di stampa statale Anadolu.

Ma entrambe le parti hanno contestato le cifre, affermando di essere in vantaggio e mettendo in guardia contro qualsiasi conclusione prematura in un paese profondamente polarizzato a un bivio politico.

Il voto, visto come un verdetto sul percorso sempre più autoritario di Erdogan, darebbe alla sua coalizione di governo la maggioranza in parlamento, dandogli la possibilità di un ballottaggio il 28 maggio.

I sondaggi pre-elettorali indicavano una corsa molto serrata, ma davano a Kilicdaroglu, che guida una coalizione a sei partiti, un leggero vantaggio. Anche due sondaggi di venerdì lo hanno mostrato sopra la soglia del 50%.

Il voto presidenziale determinerà non solo chi guiderà la Turchia membro della NATO di 85 milioni di persone, ma anche se tornerà su un percorso più laico e democratico; come affronterà la sua acuta crisi del costo della vita; e gestire le relazioni chiave con la Russia, il Medio Oriente e l’Occidente.

“Erdogan avrà un vantaggio nel secondo sondaggio dopo che la sua coalizione avrà ottenuto risultati migliori rispetto alla coalizione di opposizione. Mi aspetto molta volatilità valutaria nelle prossime due settimane”, ha affermato Hakan Akbas, amministratore delegato della società di consulenza politica Servizi di consulenza strategica. .

READ  Risultati WWE SmackDown (12/30) - Roman Reigns e Sami Zayn vs. John Cena e Kevin Owens, il nuovo campione femminile, Drew McIntyre ritorna

Un conteggio dei voti separato rilasciato da ANKA ha mostrato il 99% delle urne contate, con Erdogan che ha ottenuto il 49,26% e Kilicdaroglu il 45,04%.

Tuttavia, l’opposizione ha affermato che la parte di Erdogan stava ritardando i risultati completi presentando obiezioni mentre i funzionari rilasciavano i risultati in un ordine che gonfiava artificialmente il conteggio di Erdogan.

Kilicdaroglu, nella sua prima apparizione dopo la mezzanotte, ha detto che il partito di Erdogan stava “distruggendo la volontà della Turchia” opponendosi al conteggio delle 1.000 urne. “Non puoi fermare ciò che accade con le obiezioni. Non permetteremo mai che ciò accada”, ha detto.

Un alto funzionario della coalizione di opposizione ha dichiarato: “Sembra improbabile che vinca il primo turno. Ma i nostri dati indicano che Kilicdaroglu prenderà il comando”.

Nel frattempo, i tifosi di entrambe le parti hanno festeggiato.

Migliaia di sostenitori di Erdogan si sono riuniti presso la sede del partito ad Ankara, facendo esplodere canzoni di festa dagli altoparlanti e sventolando bandiere e manifesti di Erdogan. Alcuni hanno ballato per strada.

“Sappiamo che non è ancora esattamente una festa, ma speriamo di celebrare presto la sua vittoria. Erdogan è il miglior leader che abbiamo avuto per questo Paese e lo amiamo”, ha detto Yalcin Yildirim, 39 anni, proprietario di una fabbrica tessile.

Ha detto che Erdogan ha aumentato il valore della Turchia nell’arena mondiale.

Fayez Balcu, 23 anni, ingegnere della sicurezza informatica, ha dichiarato: “Accettiamo che l’economia non sia in buona forma ora, ma Erdogan la migliorerà”.

READ  La guardia costiera cinese ha sparato con i cannoni ad acqua una nave filippina pochi giorni dopo che gli Stati Uniti avevano appoggiato Manila nelle acque contese.

I sostenitori hanno sventolato bandiere e suonato i tamburi del fondatore della Turchia Mustafa Kemal Atatürk presso la sede del partito CHP a Kıldıröğlu.

Ballottaggio del 28 maggio

La scelta del prossimo presidente della Turchia è una delle decisioni politiche più importanti nei 100 anni di storia del paese e si ripercuoterà ben oltre i confini della Turchia.

Una sconfitta di Erdogan, uno dei più importanti alleati del presidente Vladimir Putin, preoccuperebbe il Cremlino ma conforterebbe l’amministrazione Biden e molti leader europei e mediorientali che hanno avuto rapporti difficili con Erdogan.

Alla domanda di un giornalista se avesse qualche commento sulle elezioni turche e sulla disputa tra le due parti sui primi risultati, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha detto: “Suona familiare, vero?”

Il leader di lunga data della Turchia ha trasformato il membro della NATO e il secondo paese più grande d’Europa in un attore globale, modernizzandolo con mega progetti come nuovi ponti e aeroporti e costruendo un’industria di armi ricercata da nazioni straniere.

Ma la sua politica economica irregolare di bassi tassi di interesse, una crisi del costo della vita e l’inflazione, lo hanno reso il bersaglio dell’ira degli elettori. La lenta risposta del suo governo a un devastante terremoto nel sud-est della Turchia che ha ucciso 50.000 persone si è aggiunta allo sgomento degli elettori.

Kilicdaroglu si è impegnato a ripristinare la democrazia dopo anni di repressione statale, tornare a politiche economiche ortodosse, rafforzare le istituzioni che hanno perso autonomia sotto la stretta presa di Erdogan e ricostruire i fragili legami con l’Occidente.

Se l’opposizione vince, migliaia di prigionieri politici e attivisti potrebbero essere rilasciati.

READ  Risultati in tempo reale e statistiche di Sacramento Kings vs New Orleans Pelicans - 19 aprile 2024 GameTracker

I critici temono che Erdogan governerà in modo ancora più autocratico se vincerà un altro mandato. Il presidente 69enne, il più anziano di una dozzina di vittorie elettorali, afferma di apprezzare la democrazia.

Un terzo candidato presidenziale nazionalista, Sinan Ogan, ha ricevuto il 5,3% dei voti. Chi deciderà di sostenere nel prossimo turno potrebbe essere determinante.

Decisioni parlamentari

I turchi hanno anche votato per un nuovo parlamento. La Coalizione popolare di Erdogan, che comprende l’AKP di matrice islamista e il nazionalista MHP e altri, è andata meglio del previsto e si è avvicinata alla maggioranza.

Con il 93% dei voti contati, la coalizione di Erdogan conquisterebbe 324 seggi nei 600 parlamentari. L’Alleanza nazionale di Kilicdaroğlu di sei partiti di opposizione, compreso il suo Partito repubblicano laico (CHP), fondato da Atatürk, ha 211 seggi garantiti.

L’Alleanza del Lavoro e della Libertà, guidata dal partito filo-curdo della Sinistra Verde, ha ottenuto 65 seggi.

Scritto da Alexandra Hudson Montaggio di Frances Kerry

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *