Le azioni sono crollate mentre i dati provenienti dalla Cina hanno alimentato i timori economici globali

  • L’euro STOXX 600 è sceso dello 0,2%
  • La crescita della Cina nel 2022 è una delle peggiori in quasi 50 anni
  • Le azioni asiatiche sono scese dello 0,4%
  • Lo yen si avvicina al massimo di 7 mesi

LONDRA, 17 gennaio (Reuters) – Borsa in ribasso dopo il rallentamento della crescita della Cina nel 2022, interrompendo il rally di Capodanno e mettendo gli investitori all’erta per il rischio di una recessione globale, mentre lo yen giapponese ha superato il massimo di sette mesi. Un’importante decisione della banca centrale.

Euro Stoxx 600 (.STOXX) Ha perso lo 0,2%, scivolando dal massimo di nove mesi di lunedì. Le azioni globali sono avanzate finora nel 2022, alimentate da un rimbalzo dell’economia cinese e spera che le pressioni sui prezzi negli Stati Uniti e in Europa si allentino.

Ma i dati cinesi hanno mostrato che la seconda economia mondiale è cresciuta del 2,9% nel quarto trimestre dello scorso anno, superando le aspettative ma sottolineando una cifra dettata dalla rigorosa politica “zero-Covid” di Pechino.

La crescita della Cina del 3% per il 2022 è stata ben al di sotto dell’obiettivo ufficiale del 5,5%. Escludendo un’espansione del 2,2% nel 2020 dopo il primo impatto del Covid-19, questo è il peggior risultato in quasi mezzo secolo.

Titoli tecnici sensibili al tasso (.SX8P) Lo STOXX 600 ponderato nel suo complesso è sceso dello 0,8%. Wall Street, nel frattempo, ha aperto leggermente in ribasso dopo il giorno festivo di lunedì, con i futures E-mini per l’S&P 500 in calo dello 0,3%.

Gli operatori di mercato hanno affermato che gli investitori stanno prendendo atto di come l’economia si espanderà con il picco dell’inflazione e la banca centrale ha allentato la politica monetaria, sottolineando lo scetticismo sul fatto che i dati dalla Cina avrebbero agito da stimolo.

READ  DeAndre Hopkins è stato rilasciato dagli Arizona Cardinals

“Cosa rivitalizza la crescita?” ha detto Gail Combs, capo della ricerca di base presso Unigestion. “È improbabile che la Cina fornisca l’ascensore che ha fornito in passato durante la crisi finanziaria globale”.

In precedenza, le scorte dell’Asia Pacifico al di fuori del Giappone (.MIAPJ0000PUS) Le perdite sono aumentate in risposta ai dati cinesi, in calo dello 0,4%. Azioni a Hong Kong (.il suo) L’indice di riferimento cinese CSI300 è sceso dello 0,8% (.CSI300) Perdite recuperate piatte.

Boge sotto pressione

In tutto il mondo, la parola con la R continua a incombere.

Due terzi dei principali economisti del settore privato e pubblico intervistati dal World Economic Forum di Davos prevedono una recessione globale quest’anno, con circa il 18% che la considera “molto probabile”, più del doppio rispetto alla precedente indagine condotta nel settembre 2022. .

Gli operatori di valuta si sono concentrati sulle banche centrali.

Lo yen giapponese era vicino al massimo di sette mesi mentre gli investitori si preparavano a un possibile cambiamento di politica presso la Bank of Japan (BOJ).

Lo yen si è stabilizzato intorno a 128,78 dopo aver toccato un massimo di 127,22 per dollaro lunedì, mentre gli operatori si preparavano a movimenti più decisi quando la BOJ concluderà una riunione di due giorni mercoledì.

La BOJ, che è sotto pressione per cambiare la sua politica sui tassi di interesse non appena mercoledì, ha ritirato la sua offerta per prendere una pausa, incoraggiando gli investitori obbligazionari a testare la sua determinazione.

L’indice del dollaro è salito a 102,27 dal minimo di sette mesi di 101,77 raggiunto il giorno prima, mentre la sterlina è salita dopo che il ritmo di crescita dei salari in Gran Bretagna ha visto la Banca d’Inghilterra osservare da vicino quanto avrebbe aumentato i tassi di interesse. Tassi, ancora una volta, accelerati.

READ  Darius Miles: giocatore di basket dell'Università dell'Alabama accusato di omicidio per l'omicidio di una donna di 23 anni

La sterlina è salita dello 0,5% a 1,2254 dollari dopo che la crescita dei salari ha raggiunto il ritmo più veloce nei tre mesi fino a novembre, mentre l’occupazione è aumentata più velocemente del previsto.

I mercati dei titoli di stato sono stati relativamente tranquilli, con i rendimenti obbligazionari della zona euro in aumento rispetto ai minimi mensili della scorsa settimana, ma il commercio di obbligazioni globali è rimasto cauto prima della fine della riunione della BOJ.

Con il rally delle azioni quest’anno, anche altri asset più rischiosi hanno guadagnato.

La criptovaluta n. 1 Bitcoin ha realizzato quasi un quarto dei guadagni a gennaio, aumentando di oltre il 20% solo nell’ultima settimana, ed è sulla buona strada per il suo mese migliore da ottobre 2021. L’ultima volta è stato scambiato a $ 21.208.

Reportage di Tom Wilson a Londra e Ken Wu a Hong Kong; Montaggio di Gerry Doyle, Neil Fullick, Alex Richardson e Chisu Nomiyama

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *