Le azioni sono inferiori alle previsioni sugli utili trimestrali di Netflix

LOS ANGELES, 19 luglio (Reuters) – Il pioniere dei video in streaming Netflix (NFLX.O) ha deluso Wall Street mercoledì con utili del secondo trimestre inferiori alle stime degli analisti, che hanno fatto crollare le azioni di quasi il 9% nel trading after-hour.

Il numero delle entrate ha oscurato una previsione più debole del previsto per le entrate nel terzo trimestre, l’aggiunta di 5,9 milioni di nuovi clienti in streaming da aprile a giugno e guadagni che hanno facilmente superato le previsioni.

Le azioni di Netflix sono scese dell’8,9% dopo i risultati di $ 435.

Netflix è alla ricerca di nuovi modi per fare soldi mentre la concorrenza dello streaming si surriscalda e si avvicina alla saturazione del mercato negli Stati Uniti. La società ha introdotto un livello più economico con la pubblicità lo scorso novembre e a maggio ha iniziato a chiedere ai mutuatari di password di pagare in un diffuso giro di vite.

La società ha affermato di aspettarsi un’accelerazione della crescita dei ricavi nella seconda metà dell’anno, poiché mira a continuare a creare spettacoli e film avvincenti, migliorare la monetizzazione, sviluppare il business dei videogiochi e migliorare l’esperienza dell’utente.

“Sebbene quest’anno abbiamo compiuto progressi costanti, c’è ancora molto lavoro da fare per riaccelerare la nostra crescita”, ha affermato la società nella sua lettera trimestrale agli azionisti.

La società ha registrato un utile diluito per azione nel secondo trimestre di $ 3,29, superiore alla previsione di consenso di $ 2,86 degli analisti intervistati da Refinitiv.

I suoi quasi 6 milioni di abbonati erano più degli 1,9 milioni previsti da Wall Street. Netflix aveva un totale di 238,4 milioni di abbonati in tutto il mondo alla fine di giugno.

READ  L'India ritira dalla circolazione le banconote da 2.000 rupie

I ricavi trimestrali sono aumentati del 2,7% rispetto all’anno precedente a $ 8,2 miliardi, appena al di sotto delle stime degli analisti di $ 8,3 miliardi. La società ha stimato che le entrate del terzo trimestre raggiungeranno gli 8,5 miliardi di dollari. Wall Street aveva previsto 8,7 miliardi di dollari.

Craig Huber, analista di Huber Research Partners, ha affermato che alcune parti interessate potrebbero essere diventate troppo ottimiste sulla suddivisione degli annunci di Netflix e sulla soppressione delle password.

“Le aspettative di alcuni investitori (per il terzo trimestre) erano molto più alte di quanto realistico sulla guida del management”, ha affermato Huber.

Sebbene la società abbia aggiunto abbonati, il ricavo medio per membro è diminuito del 3% rispetto all’anno precedente. Ciò è in parte dovuto al fatto che molti nuovi abbonamenti provengono da paesi in cui Netflix applica prezzi più bassi.

Il livello pubblicitario di Netflix rimane una piccola parte della sua base di membri e non è un flusso di entrate pubblicitarie attuale.

“Abbiamo ancora molta strada da fare da dove siamo oggi, anche il 10% (delle entrate)”, ha detto il Chief Financial Officer Spencer Newman in un’intervista post-utili con un analista.

Jeffrey Wlodarczak, analista del Major Research Group, ha attribuito parte del calo delle azioni dopo i risultati agli investitori che hanno preso profitti. Le azioni Netflix sono aumentate del 62% quest’anno, oltre l’8% questo mese.

Come i suoi concorrenti, Netflix è alle prese con gli scioperi di decine di migliaia di attori e scrittori di Hollywood. L’azione sindacale ha costretto alla chiusura molte produzioni cinematografiche e televisive, anche se gli analisti affermano che Netflix ha un vantaggio a causa della sua produzione globale.

READ  I prezzi della zona euro scendono all'8,5% poiché gli aumenti dei tassi segnalati dalla BCE non sono finiti.

Netflix ha aumentato la sua stima del flusso di cassa libero per il 2023 a $ 5 miliardi da $ 3,5 miliardi.

Il co-CEO di Netflix Ted Sarandos, che è cresciuto in una famiglia sindacale e ricorda le difficoltà dello sciopero di suo padre, ha affermato di sperare che le tensioni sindacali si risolvano presto.

“Vorrei iniziare chiarendo una cosa: questo sciopero non era un risultato che volevamo”, ha detto Sarandos.

Reportage di Lisa Richwin e Dan Chmielewski a Los Angeles; Reportage aggiuntivo di Yuvraj Malik a Bangalore; Montaggio di Deepa Babington e Chris Rees

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *