Le guardie costiere greche proteggono le operazioni poiché si teme che più di 500 migranti diretti in Europa siano morti tra le macerie

ATENE, Grecia (AP) – Venerdì la guardia costiera greca ha difeso la sua risposta a una nave che si è arenata al largo della costa meridionale del paese, lasciando a bordo più di 500 migranti. Considerato annegato. Le critiche sono aumentate in anni di fallimento europeo Per evitare tali tragedie.

Motovedette ed elicotteri hanno sorvolato il Mediterraneo per il terzo giorno dopo che un peschereccio sovraffollato si è capovolto mercoledì all’inizio di quello che secondo l’agenzia delle Nazioni Unite per la migrazione potrebbe essere il secondo peggior disastro di navi migranti mai registrato. Nell’aprile 2015, una nave si è capovolta al largo della costa libica in rotta verso l’Italia, uccidendo 1.100 persone.

Il portavoce della guardia costiera greca Nikos Alexiou ha detto che sia la guardia costiera che le navi private hanno ripetutamente chiesto assistenza via radio e altoparlante mercoledì mentre si trovavano in acque internazionali, in rotta dalla Libia all’Italia, ma sono state respinte.

Alexio ha sostenuto che qualsiasi tentativo di rimorchiare il peschereccio sovraffollato o di spostare centinaia di persone riluttanti su navi vicine sarebbe stato troppo rischioso.

“Hai un’interruzione e le persone si ribellano – sfortunatamente è quello che è successo alla fine”, ha detto Alexio alla TV statale ERT. “Devi aver causato un incidente.”

Alexio ha anche detto che dopo aver accettato il cibo da una nave mercantile, i passeggeri del peschereccio si sono rifiutati di portare altra corda dalla seconda nave mercantile perché “pensavano che l’intero processo fosse un modo per portarli in Grecia”.

Le autorità greche inviarono la prima nave, la Lucky Sailor, per fornire cibo e acqua ai coloni. La compagnia che gestisce la petroliera ha detto venerdì che le persone a bordo erano “molto riluttanti a ricevere aiuto e la barca ha iniziato a manovrare in ogni tentativo”.

READ  Rapporto: alcuni allenatori dei Broncos hanno avuto problemi con l'ufficio di Russell Wilson presso la struttura della squadra

La Eastern Mediterranean Maritime Ltd ha dichiarato in una dichiarazione che gli occupanti del rimorchiatore sono stati costretti ad accettare la merce.

La legge marittima dovrebbe cercare di salvare le autorità greche, hanno detto gli esperti.

Date le condizioni della nave, certamente “avevano l’obbligo di avviare le procedure di salvataggio”, ha affermato Erik Rozak, professore presso l’istituto di diritto privato dell’Università di Oslo. Ha detto che se il rifiuto dell’assistenza fosse ritenuto irragionevole, potrebbe essere respinto, come lo è stato mercoledì.

Flavio Di Giacomo dell’Ufficio per il Mediterraneo dell’OIM, l’agenzia delle Nazioni Unite per le migrazioni, ha twittato che tutte le barche dei migranti sono considerate pericolose e devono essere soccorse immediatamente, perché anche se sembrano non avere problemi, affondano in pochi minuti.

I soccorritori hanno tirato fuori dall’acqua 104 sopravvissuti e in seguito hanno recuperato 78 corpi, ma alla fine di mercoledì non erano ancora stati trovati. La guardia costiera greca ha dichiarato che le operazioni di ricerca e salvataggio continueranno oltre le 72 ore.

Le agenzie delle Nazioni Unite per la migrazione e i rifugiati hanno rilasciato una dichiarazione congiunta, definendo la tempestiva ricerca e salvataggio in mare “un imperativo legale e umanitario” e chiedendo “un’azione urgente e decisiva per prevenire ulteriori perdite di vite umane in mare”.

Un gruppo di organizzazioni non governative, tra cui Amnesty International e Medici senza frontiere, ha affermato che l’UE dovrebbe smettere di pensare solo allo smantellamento delle reti di trafficanti e avviare operazioni di ricerca e soccorso guidate dallo stato nel Mediterraneo.

“Il governo greco aveva responsabilità specifiche per ogni passeggero a bordo, che era chiaramente in difficoltà”, ha detto Adriana Didona di Amnesty International. “Questa è una tragedia di proporzioni inimmaginabili, e perché era completamente prevenibile”.

READ  Le vendite di iPhone di Apple sono aumentate, migliorando i risultati in un'economia traballante

La Grecia e altri paesi del sud dell’UE sono solitamente i primi posti Per i richiedenti asilo diretti in Europa, negli ultimi anni i marittimi hanno rafforzato le misure di sicurezza delle frontiere, ampliando i muri e intensificando i pattugliamenti marittimi.

“Questo è un problema europeo. Penso che sia tempo che l’Europa si unisca e definisca una politica migratoria efficace in modo che situazioni come questa non si ripetano”, ha dichiarato il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, durante una conferenza stampa presso la sede delle Nazioni Unite. in New York.

La commissione esecutiva dell’UE afferma che il blocco delle 27 nazioni è vicino a un accordo Come gli Stati membri possono condividere la responsabilità di prendersi cura di migranti e rifugiati che affrontano il pericoloso viaggio attraverso il Mediterraneo.

Sulle cause dell’annegamento è in corso anche un’inchiesta giudiziaria. Funzionari greci affermano che la nave si è capovolta pochi minuti dopo aver perso potenza, ipotizzando che il panico tra i passeggeri possa aver causato l’inclinazione e il capovolgimento della barca.

La maggior parte dei sopravvissuti è stata spostata venerdì da un hangar di stoccaggio nel porto meridionale di Kalamata, dove si sono riuniti anche i parenti per cercare i propri cari.Per alloggi fissi vicino ad Atene.

Abdo Sheikhi, un curdo siriano che vive in Germania, si è recato a Kalamata per scoprire cosa è successo ai cinque membri della famiglia sulla barca.

Venerdì ha scoperto che solo suo fratello minore Ali e un altro parente sono sopravvissuti. Ha potuto parlare al telefono con Ali, che era stato trasferito in un campo vicino ad Atene.

READ  Draymond Green espulso mentre i Kings prendono il vantaggio di 2-0 in serie sui Warriors: più disciplina in arrivo?

“(Ali) mi ha detto che è saltato giù dalla nave e gli altri non potevano”, ha detto Sheikhi. “Erano spaventati. Si stavano aggrappando alla barca mentre oscillava.”

Nove persone – uomini egiziani di età compresa tra i 20 ei 40 anni – sono state arrestate e detenute venerdì con l’accusa di tratta di esseri umani e partecipazione a un’impresa criminale. Funzionari sanitari hanno detto che 27 dei sopravvissuti rimangono ricoverati in ospedale. I sospettati di rapimento dovrebbero comparire in tribunale lunedì.

L’OIM ha stimato che a bordo ci fossero 750 persone e il portavoce dell’Ufficio per i diritti umani delle Nazioni Unite, Jeremy Lawrence, ha affermato che tra i dispersi c’è “un gran numero di donne e bambini”.

Tutti i sopravvissuti erano ragazzi e uomini provenienti da Egitto, Pakistan, Siria e Territori Palestinesi. Alexio, citando i resoconti dei sopravvissuti, ha detto che donne e bambini erano tra i passeggeri a bordo del peschereccio, ma si ritiene che il numero dei dispersi sia di centinaia e rimane poco chiaro.

I funzionari di un obitorio statale fuori Atene hanno fotografato i volti delle vittime e raccolto campioni di DNA per iniziare il processo di identificazione.

Nella tarda serata di venerdì, la guardia costiera greca ha dichiarato che un elicottero della marina ha trovato una barca a vela con migranti nel sud-ovest della Grecia dopo essere stato allertato dalle autorità italiane. Ha detto che tre navi mercantili avevano raggiunto il porto senza problemi e si stavano dirigendo verso l’Italia. ERT TV ha detto che si ritiene che circa 60 persone fossero a bordo.

___

I giornalisti dell’Associated Press Francis D’Emilio a Roma, Renata Brito a Barcellona, ​​​​Sarah El Diep a Beirut, Libano e Costas Kantouris a Salonicco, Grecia hanno contribuito a questo rapporto. ___

Segui le storie di AP sulla migrazione globale su https://apnews.com/hub/migration

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *