LeBron James e i Lakers potrebbero porre fine alla dinastia dei Warriors

È un grande risultato, per non parlare della grande sensazione quando una squadra batte i campioni NBA in carica e li elimina dai playoff. Questo è esattamente quello che hanno fatto i Los Angeles Lakers venerdì sera quando hanno mandato i Golden State Warriors a fare i bagagli per l’estate. percorso 122-101 in Gara 6 delle semifinali della Western Conference.

Ma ciò che è ancora meglio è porre fine al regno del campionato di una squadra che dura da anni e suona.

Negli ultimi nove anni, i Warriors sono stati la dinastia regnante del campionato e hanno sicuramente molto di cui essere orgogliosi con quattro titoli mondiali e sei trasferte alle finali NBA. Ma la loro dinastia sembra essere in vita, poiché i sintomi della malattia sono presenti da ottobre.

Durante il campo di addestramento, il pugno di Draymond Green alla guardia Jordan Poole è stato filmato ed è diventato virale. A Poole fu presto concessa una proficua estensione del contratto, portando molti a ipotizzare che i giorni di Green con la squadra fossero contati. Può rifiutare un’opzione giocatore per la prossima stagione per diventare un free agent questa estate.

Se Green lascia Golden State, non avrà lo stesso effetto senza di lui. È un coltellino svizzero integrale, per non parlare del suo leader emotivo e spirituale dall’inizio del suo regno.

Ancora peggio, l’attuale contratto del dirigente Bob Myers scade a giugno e non è stato in grado di concordare un nuovo accordo con la società.

Mentre i Warriors sembrano essere diretti in una direzione, LeBron James e compagnia stanno salendo sempre di più.

I Warriors potrebbero essere un’altra squadra con cui James sfonda

READ  I casi di dengue superano i 5,2 milioni negli Stati Uniti mentre l’epidemia supera il record annuale, afferma l’OPS

Alcuni hanno suggerito che a James dovrebbe essere dato il soprannome di “The Ring-Giver” perché ha vinto titoli con tre diverse organizzazioni e aveva compagni di squadra diversi in ciascuna delle sue quattro squadre vincitrici del campionato.

Ma forse dovrebbe essere chiamato anche “Team Breaker”.

Nel corso dei suoi 20 anni di carriera, James ha consegnato diverse squadre di calibro del campionato alle sconfitte nei playoff, seguite dal crollo dei nuclei della squadra.

  • I Boston Celtics di Paul Pierce, Kevin Garnett, Ray Allen e Rajon Rondo sono stati una delle migliori squadre del campionato alla fine degli anni 2000, vincendo un anello nel 2008 e un altro nel 2010. Gli Heat di James li hanno eliminati dai playoff. Il secondo turno dei playoff del 2011, ha poi superato uno svantaggio di 3-2 contro di loro nelle finali della Eastern Conference 2012. Il 2012 si è rivelato essere l’ultimo sussulto del gruppo quando Allen si è unito a James and the Heat in tutte le squadre la stagione successiva.

  • Gli Oklahoma City Thunder, un giovane talentuoso trio composto da Kevin Durant, Russell Westbrook e James Harden, hanno raggiunto le finali NBA nel 2012 e hanno avuto un futuro molto brillante. Ma gli Heat di James li hanno battuti in cinque partite e, pochi mesi dopo, Harden è stato ceduto agli Houston Rockets. I Thunder non avrebbero mai più raggiunto la serie del campionato.

  • Gli Harden’s Rockets sono diventati rapidamente contendenti al titolo dopo il suo arrivo. Nel 2018, mancavano una partita e un infortunio per arrivare alle finali NBA con Chris Paul, e nel 2019 hanno scambiato Paul con Westbrook nel tentativo di superare la gobba. Ma James e i Lakers li hanno eliminati nel secondo turno dei playoff del 2020 in cinque partite, mesi dopo che sia Westbrook che Harden avevano lasciato la città.

READ  I futures sulle azioni sono più alti mentre gli investitori attendono il rapporto chiave sull'inflazione: gli annunci dal vivo

La storia è originariamente apparsa su LeBron Wire

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *