L’FBI ha perquisito la casa di Biden e ha trovato oggetti contrassegnati come classificati

WASHINGTON (AP) – Venerdì l’FBI ha fatto irruzione nella casa del presidente Joe Biden a Wilmington, nel Delaware, trovando ulteriori documenti con segni classificati e sequestrando alcuni dei suoi appunti scritti a mano, ha detto sabato l’avvocato del presidente.

Il presidente ha volontariamente fatto entrare l’FBI in casa sua, ma la mancanza di un mandato di perquisizione non oscura la natura insolita della perquisizione. Si è aggiunto all’imbarazzo per Biden iniziato con la rivelazione del 12 gennaio da parte degli avvocati del presidente. Ben ha trovato un “piccolo numero” di documenti riservati in un ex ufficio del Biden Center Poco prima delle elezioni di midterm a Washington. Da allora, gli avvocati sono stati classificati in sei categorie Documenti a casa di Biden a Wilmington Biblioteca sin dal suo mandato come vicepresidente.

Anche se Biden ha detto “non lì”. I risultati sono diventati una responsabilità politica mentre si prepara a lanciare la sua candidatura per la rielezione e hanno minato i suoi sforzi per ritrarre un’immagine di esclusività. al popolo americano dopo la tumultuosa presidenza del suo predecessore Donald Trump.

Durante la perquisizione di venerdì, durata quasi 13 ore, l’FBI ha sequestrato sei oggetti contenenti documenti con identificazioni riservate, ha dichiarato Bob Bauer, l’avvocato personale del presidente. Gli articoli riguardano il mandato di Biden come Senato e vicepresidente, mentre i promemoria risalgono al suo periodo come vicepresidente, ha affermato. Lo stato della classificazione e se i documenti rimossi dall’FBI fossero classificati non erano immediatamente chiari mentre il Dipartimento di Giustizia esaminava i documenti.

L’assistente procuratore degli Stati Uniti Joseph Fitzpatrick ha confermato sabato che l’FBI ha condotto un “raid pianificato e consensuale” nella residenza del presidente a Wilmington.

READ  Il razzo giapponese Space One Kairos è esploso pochi secondi dopo il suo viaggio inaugurale

Il presidente e la first lady Jill Biden non erano a casa quando la casa è stata perquisita. Hanno trascorso il fine settimana nella loro casa a Rehoboth Beach, nel Delaware.

Parlando ai giornalisti durante un viaggio in California giovedì, Biden ha affermato di “collaborare pienamente e non vede l’ora che la questione venga risolta il prima possibile”.

“Abbiamo scoperto che alcuni documenti sono stati archiviati nel posto sbagliato”, ha detto Biden. “Li abbiamo immediatamente consegnati agli archivi e al Dipartimento di giustizia”.

Resta da vedere se ulteriori ricerche saranno condotte altrove dalle autorità federali. Gli avvocati personali di Biden hanno precedentemente fatto irruzione nella casa di Rehoboth Beach e hanno affermato che non sono stati trovati documenti ufficiali o documenti riservati.

L’indagine Biden ha anche complicato le indagini del Dipartimento di Giustizia sulla conservazione di documenti riservati e documenti ufficiali da parte di Trump dopo che ha lasciato l’incarico. Il Dipartimento di Giustizia afferma che Trump ha portato con sé centinaia di documenti classificati quando ha lasciato la Casa Bianca all’inizio del 2021 e per mesi ha resistito alle richieste di restituirli al governo, che richiedeva un mandato di perquisizione per recuperarli.

Bauer ha detto che all’FBI è stato chiesto di non commentare la perquisizione della Casa Bianca prima che fosse condotta e che gli avvocati personali di Biden e della Casa Bianca erano presenti. L’FBI, ha aggiunto, “ha avuto pieno accesso alla casa del presidente, inclusi appunti personali scritti a mano, file, documenti, raccoglitori, cimeli, elenchi di cose da fare, orari e cimeli risalenti a decenni fa”.

Il Dipartimento di Giustizia ha dichiarato di aver sequestrato “oggetti considerati nell’ambito della sua indagine, inclusi documenti con contrassegni di classificazione e sei elementi di materiale circostante, alcuni dei quali risalgono al servizio del presidente al Senato e alcuni risalgono al suo tempo come vice Presidente.”

READ  Incoronazione del re Carlo III nell'abbazia di Westminster a Londra: guarda dal vivo

Il procuratore generale Merrick Garland ha nominato l’ex procuratore degli Stati Uniti del Maryland Robert Harr. Come consulente speciale per indagare su qualsiasi potenziale illecito che circonda i documenti Biden. Hurr è impostato per supervisionare le indagini del procuratore degli Stati Uniti dell’Illinois John Lash, nominato da Trump.

“Fin dall’inizio, il presidente è stato determinato a gestire la questione in modo responsabile perché la prende sul serio”, ha detto sabato l’avvocato della Casa Bianca Richard Saber. “Gli avvocati del presidente e l’ufficio del consiglio della Casa Bianca continueranno a collaborare con il DOJ e il consigliere speciale per contribuire a garantire che questo processo sia condotto in modo rapido ed efficiente”.

I risultati del documento Biden e l’indagine su Trump, che è nelle mani del consigliere speciale Jack Smith, sono significativamente diversi. Biden ha collaborato con l’indagine del DOJ in ogni occasione – e la ricerca di venerdì è stata volontaria – nonostante le domande sulla sua trasparenza. con il pubblico.

Perché un reato possa essere commesso, una persona deve “rimuovere consapevolmente” documenti senza autorizzazione e conservarli in un “luogo non autorizzato”. Biden si è detto “sorpreso” dalla scoperta di documenti riservati al Ben Biden Center.

In generale, i documenti classificati devono essere declassificati dopo un massimo di 25 anni. Ma alcuni documenti hanno un valore tale da essere classificati a lungo, anche se devono essere fatte alcune eccezioni. Biden è stato al Senato dal 1973 al 2009.

___

Lo scrittore dell’Associated Press Seung Min Kim di Rehoboth Beach, Delaware, ha contribuito a questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *