L’Honduras stabilisce relazioni diplomatiche con la Cina, interrompe i legami con Taiwan



Cnn

L’Honduras ha formalmente stabilito rapporti diplomatici con la Cina, reciso i legami con Taiwan, ponendo fine a una relazione decennale e un duro colpo per la democrazia dell’isola autonoma nella sua lotta per il riconoscimento.

“Il governo della Repubblica dell’Honduras riconosce l’esistenza di una sola Cina nel mondo e il governo della Repubblica popolare cinese rappresenta la Cina nel suo insieme”, ha dichiarato sabato ora locale il suo ministero degli Esteri.

“Taiwan è una parte inalienabile del territorio cinese e da oggi il governo dell’Honduras ha informato Taiwan della rottura delle relazioni diplomatiche”, ha aggiunto.

La Cina, che non ha mai governato Taiwan, rifiuta di mantenere relazioni diplomatiche con qualsiasi paese che riconosca Taiwan.

Ha trascorso gran parte degli ultimi 40 anni cercando di isolare la democrazia autogovernata dell’isola alienando i suoi alleati diplomatici attraverso il sostegno economico.

L’Honduras è stato finora uno dei 14 paesi a riconoscere diplomaticamente Taipei a Pechino.

Dopo l’annuncio dell’Honduras, Taiwan ha confermato che i legami erano stati formalmente interrotti.

“Per proteggere la sovranità e la dignità nazionale, abbiamo deciso di sospendere immediatamente le relazioni diplomatiche con l’Honduras e di sospendere tutti i programmi di cooperazione bilaterale”, ha detto in conferenza stampa il ministro degli Esteri Joseph Wu, aggiungendo che Taiwan chiede all’Honduras di chiudere la sua ambasciata a Taipei.

In un discorso video di domenica, il presidente di Taiwan Tsai Ing-wen ha dichiarato che la decisione dell’Honduras è “profondamente deplorevole”.

“La repressione e le minacce non cambiano il fatto che la Repubblica di Cina (Taiwan) e la Repubblica popolare cinese non sono sottomesse l’una all’altra”, ha detto Tsai.

“Non mineranno l’insistenza del popolo taiwanese sulla libertà e la democrazia e sull’essere parte della comunità globale”, ha continuato, aggiungendo che Taiwan lavorerà con paesi che la pensano allo stesso modo per promuovere la pace.

READ  Un uomo del Texas perde entrambe le braccia e parte di una gamba a causa di un morso di pulce

Anche la Cina ha confermato la mossa, firmando domenica una “Dichiarazione congiunta sull’instaurazione di relazioni diplomatiche” con l’Honduras.

“I due governi (Cina e Honduras) hanno deciso di riconoscersi reciprocamente e stabilire relazioni diplomatiche a livello diplomatico, a partire dalla data della firma di questa dichiarazione”, si legge in una nota del ministero degli Affari esteri cinese.

“C’è solo una Cina al mondo e il governo della Repubblica popolare cinese è l’unico governo legale che rappresenta l’intera Cina. Taiwan è una parte inalienabile dei confini della Cina”, ha aggiunto.

Il 14 marzo il presidente dell’Honduras Xiomara Castro ha annunciato che la transizione era imminente.

Castro, un socialista democratico che ha ottenuto una schiacciante vittoria nel 2021, aveva detto nel suo manifesto di politica estera prima del voto che il Paese centroamericano voleva stabilire relazioni diplomatiche con Pechino.

Il Partito Comunista Cinese non ha escluso l’uso della forza per impadronirsi di Taiwan un giorno. Sotto il presidente Xi Jinping, la Cina ha aumentato la pressione militare, diplomatica ed economica sull’isola, spingendo anche gli alleati di Taipei a cambiare alleanza.

Taiwan aveva 56 alleati diplomatici quando perse il riconoscimento delle Nazioni Unite nel 1971. Quel numero è sceso a soli 22 quando Tsai è entrato in carica nel 2016 e da allora ha continuato a diminuire.

La maggior parte dei restanti alleati di Taiwan sono ora piccoli paesi dell’America Latina e del Pacifico, tutte le economie più potenti del mondo hanno spostato il riconoscimento a Pechino decenni fa.

Pechino sta usando il più grande mercato cinese come bastone e carota per estrarre i paesi rimanenti, un approccio che molti esperti etichettano come “diplomazia del dollaro”.

Secondo Reuters, quando le Isole Salomone hanno trasferito il riconoscimento diplomatico a Pechino nel 2019, la nazione del Pacifico ha ricevuto dalla Cina 8,5 milioni di dollari in finanziamenti per lo sviluppo.

READ  Il più grande ribasso di Wall Street alza il target di prezzo dell'S&P 500 del 20%

Il Paraguay, il più grande dei restanti partner diplomatici di Taiwan, ha invece subito restrizioni sulle esportazioni di soia e carne bovina verso la Cina. Il suo presidente, Mario Abdo Benitez, l’anno scorso ha chiesto apertamente a Taiwan di investire 1 miliardo di dollari nel suo Paese in modo che possa continuare a resistere alle “enormi” pressioni per abbandonare l’alleanza.

Il presidente dell'Honduras Xiomara Castro al Palazzo Presidenziale di Tegucigalpa il 24 novembre.

“L’ascesa della Cina è diventata la più grande sfida per la nostra diplomazia”, ​​ha detto di recente alla CNN Johnny Chiang, un parlamentare del partito di opposizione di Taiwan Kuomintang e membro del comitato per gli affari esteri e la sicurezza nazionale del parlamento.

Ha detto che Taiwan sta sempre più scegliendo di non allinearsi alla “diplomazia del dollaro” cinese, preferendo invece sottolineare valori condivisi come la democrazia.

Gli analisti differiscono sul significato che attribuiscono alla perdita degli alleati di Taiwan.

Alcuni dicono che le relazioni ufficiali sono preziose, ma solo fino a un certo punto.

Avere alleati ufficiali aiuta a dare voce a Taiwan nella comunità internazionale. Ad esempio, lo scorso ottobre, 10 alleati diplomatici di Taiwan hanno firmato una lettera al segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres in cui denunciava l’esclusione di Taiwan da parte delle Nazioni Unite.

Tuttavia, la maggior parte dei suoi alleati sopravvissuti sono relativamente piccoli e hanno un’influenza limitata sulla scena mondiale.

“Sono espliciti nell’Assemblea generale delle Nazioni Unite, ma il loro numero non è sufficiente per influenzare gli altri che votano a favore di Pechino”, ha affermato J. Michael Cole ha detto.

Ma altri dicono che l’influenza globale di Taiwan sta crescendo nonostante la perdita di alleati.

READ  I Paesi Bassi e il Giappone hanno affermato che si uniranno agli Stati Uniti nel bloccare l'accesso della Cina alla tecnologia dei chip

Ad esempio, il rapporto non ufficiale di Taiwan con gli Stati Uniti – che hanno ritirato il riconoscimento diplomatico da Taipei nel 1979 – a molti sembra essere rimasto forte per decenni.

La mancanza di relazioni diplomatiche non ha impedito all’allora presidente della Camera Nancy Pelosi di fare una controversa visita a Taipei in agosto, una visita alla quale la Cina ha risposto con rabbia, conducendo esercitazioni militari senza precedenti e lanciando missili contro l’isola.

Ciò non impedisce all’attuale presidente della Camera degli Stati Uniti Kevin McCarthy di pianificare un incontro con Chai all’inizio di aprile, che ha in programma di attraversare gli Stati Uniti diretto in America centrale, un altro viaggio ampiamente previsto per sollevare i peli della Cina.

Bandiere taiwanesi e honduregne fuori dall'ambasciata taiwanese a Tegucigalpa, Honduras, 15 marzo.

Gli esperti sottolineano che gli Stati Uniti sono il più grande garante della sicurezza dell’isola di fronte a una possibile invasione cinese, e gli Stati Uniti forniscono armi a Taiwan ogni anno, entrambe le cose senza relazioni diplomatiche “ufficiali”.

Sottolineano inoltre che le nazioni del G7 (Stati Uniti, Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone e Regno Unito) si sono affrettate a esprimere preoccupazione in seguito alle esercitazioni militari cinesi post-Pelosi.

Il ruolo di Taiwan come leader globale nella fornitura di chip semiconduttori necessari per qualsiasi cosa, dai laptop alle armi avanzate, ne fa un importante partner commerciale per molte democrazie occidentali.

Come ha recentemente dichiarato alla CNN Lev Nachman, assistente professore di politica presso la National Chengchi University, “i partner diplomatici di Taiwan forniscono un sostegno significativo, ad esempio consentendo visite ufficiali a Taiwan. Ma spesso ci chiediamo, se un giorno Taiwan non avrà partner diplomatici formali, cosa cambierà davvero? E la risposta non è tanto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *